Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I riti più famosi della Settimana Santa in Italia: la mappa regione per regione

Condividi

Dai battenti ai sacri vasi, dalla deposizione del crocifisso al ballo dei diavoli. Venerdì santo e non solo. Scopri l'evento più vicino a te

La mappa dei riti più suggestivi della Settimana Santa in tutta Italia. La maggior parte di questi eventi è legata alla rievocazione della morte e della risurrezione di Cristo. Ecco regione per regione le celebrazioni più conosciute e partecipate.

Piemonte

Le celebrazioni di Pasqua vengono annunciate dai Cante j’euv, le tradizionali questue quaresimali che inondano di musica e buon umore Vigliano Biellese, Monteu Roero (Cuneo), Castagnito (Cuneo), Alessandria e altri comuni piemontesi.

La Processione delle macchine a Vercelli è molto suggestiva: il Venerdì Santo grandi sculture in legno colorato (le cosiddette “macchine”, raffiguranti le varie tappe di questa processione), sono prese dalle chiese delle confraternite che le custodiscono il resto del ragno e portate in spalle lungo le vie della città, in particolare per il centro storico illuminate da torce e fiaccole.

Si può menzionare anche il folkloristico Mortorio Pasquale di Villafalletto (Cuneo).

NAPLES,HOLY WEEK
Mario Laporta | AFP

Liguria

In Liguria, c’è la processione del Venerdì Santo di Savona, che si svolge ogni due anni (in quelli pari), in cui gli episodi evangelici sono rievocati da 15 casse, vere e proprie opere d’arte in legno, che i fedeli portano in spalla lungo il corteo. In testa alla processione procede l’arca della Santa Croce, al cui interno è conservata una reliquia della Vera Croce.

A Genova le celebrazioni si aprono con la visita ai Sepolcri e con la processione del Giovedì Santo, a Ceriana (Imperia) la Domenica delle Palme segna l’inizio dei tradizionali riti della Settimana Santa che ripropone tradizioni millenarie: la Cena del Signore, la processione del Venerdì Santo, i cori di Ceriana e i momenti gastronomici.

Lombardia

A Vertova (Bergamo), giudei e soldati romani sfilano in processione nella giornata di Venerdì Santo. Tra loro si trova anche un figurante a rappresentazione di Gesù Cristo, scalzo, con saio e croce in spalla. Una tradizione che a distanza di secoli non manca di affascinare i visitatori.

Spostiamoci in Valtellina, a Bormio (Sondrio). L’antichissima tradizione dei Pasquali getta le sue radici in quei riti pagani legati all’entrata della tanto auspicata primavera. Si tratta oggi di una competizione tra le diverse contrade del paese, in stile carnevalesco. Ogni zona del paese prepara in un luogo segreto il suo “pasquale”, una sorta di carro ridotto ai minimi termini che assume le sembianze di una grossa portantina. La gara verrà vinta da coloro che realizzeranno il pasquale più bello, costruito, addobbato e decorato con maestria dai partecipanti, facendo sfoggio di creatività e tecnica. Per assistere alla sfilata bisogna trovarsi a Bormio la mattina di Pasqua.

A Saviore (Brescia) c’è il Maridà le Puté (maritare le nubili) e si svolge  la sera del Venerdì Santo, dopo le funzioni religiose. Si tratta di un rituale attraverso il quale si rivelano gli amori inconfessabili, i flirt già sulla bocca di tutti, ma non ancora ufficiali. Anticamente si combinavano matrimoni, ma si smascheravano anche le tresche clandestine, che venivano portate alla luce e “redente”. La morte del pettegolezzo e il trionfo della verità, perché una comunità dove non ci sono scandali rappresenta un’umanità più felice.

A Mantova si compie il rito dei Sacri Vasi, che secondo tradizione e leggenda contengono il sangue di Cristo, raccolto e portato in città da Longino stesso (il soldato che trafisse il costato del Salvatore). Il sangue cadendo sull’uomo gli diede il potere di curare gli ammalati, episodio che viene ricordato il Venerdì Santo, quando i Vasi Sacri vengono portati in processione nelle vie centrali della città.

Friuli

Sacra rappresentazione del Venerdì Santo a Erto (Pordenone), con una delle Vie Crucis più antiche del paese, iniziata nel 1631, quando i cittadini fecero voto di celebrarla ogni anno per essere risparmiati dall’epidemia di peste. Abitanti di Erto in abiti da antichi romane, mantengono ancora oggi quel sacro voto.

Il giorno di Pasqua si faceva gran festa e gran consumo di focacce fatte in casa o acquistate. Tra i ragazzini, protagonista diventava l’uovo sodo. In particolare a Cividale del Friuli ha ancora luogo il Gioco del Trùc. Il “Trùc” è un antichissimo gioco che si svolge unicamente nelle giornate di Pasqua, Pasquetta e nell’Ottava, cioè la domenica seguente la Resurrezione.

Veneto

A Venezia si celebra il venerdì santo con la visita ai Sepolcri nelle chiese. In alcune parrocchie si svolge ancor oggi la processione della Croce, in particolar modo in alcuni sestieri di periferia e nelle isole. A Padova e nei Colli Euganei si cura ancora l’illuminazione delle finestre sotto cui avviene il passaggio delle processioni.

Emilia Romagna

La via crucis vivente a Frassinoro (Modena), se non la più importante di certo la più pittoresca tra le celebrazioni pasquali della regione, e risale ai tempi della Controriforma. Un evento che viene allestito solo ogni 3 anni, tra cui il Venerdì Santo del 2019. Gli abitanti del borgo mettono in “vita” dei quadri viventi che raffigurano i momenti salienti della Passione di Cristo.

Altrettanto suggestiva è la Processione del Venerdì Santo nel borgo medioevale di Montefiore Conca (Rimini). E’ una tradizione che si ripete ogni anno, un rito antichissimo le cui origini si perdono nel tempo. Non è la tradizionale via Crucis ma la deposizione del Cristo morto. In religioso silenzio, la processione parte dall’alto del monte Auro, luogo simbolico del Golgota, per scendere verso il paese, illuminata solo da fiaccole e fuochi accesi lungo il percorso.

Tra i riti profani: la Sagra e Palio dell’uovo nel giorno di Pasqua, Tredozio, piccolo borgo della Val Tramazzo in provincia di Forlì-Cesena, e una manifestazione analoga si svolge anche a Fiorenzuola d’Arda (Piacenza).

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.