Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La parola data ha valore?

HANDSHAKE
Condividi

Non ci sono cose scritte, ma l'accordo tra due persone fa sì che nella nostra società confidiamo ancora negli altri. Significa essere ingenui?

Nel mondo greco esisteva la dea Pistis, che era la rappresentazione della fiducia. Sotto il suo sguardo gli agricoltori chiudevano contratti, nei mercati si scambiavano beni, e sotto la sua protezione venivano accolti coloro che, vedendosi morire, la invocavano per dire a chi lasciavano in eredità le loro proprietà.

Non c’era alcun documento scritto, ma il valore della parola era uguale a quello di un contratto o di un atto notarile: stringersi la mano, pronunciare un “Sì” di comune accordo… da allora bastano per sapere che quella persona rispetterà quanto si è stabilito.

L’Impero Romano ha ereditato quella legge. Nella sua mitologia c’era la dea Fides, che era l’equivalente di Pistis e si identificava con la Lealtà, la Fiducia o la Fede. Su una delle colline di Roma, il Senato custodiva i trattati firmati con i popoli stranieri, ed era Fides a prendersene cura.

Essere fedeli alla parola data dimostra grandezza di spirito in una persona. È segno di nobiltà e di bontà. C’è chi, ad esempio, per essere fedele alla parola data ha saputo affrontare con forza periodi di grandi difficoltà economiche, e tutto per mantenere un impegno.

Anche nel diritto di molti Paesi che hanno adottato totalmente o parzialmente il Diritto Romano continua ad essere valida la formula del contratto (o accordo) verbale, salvo in caso di immobili. La parola data resta come scolpita nell’orecchio e nell’anima dell’altra persona.

RELATIONS
Priscilla du Preez - Unsplash

È logico che si voglia mantenere la parola data, perché ciò che spicca in un contratto di questo tipo è la statura morale di chi la rispetta. Così si forgia il prestigio, e si diventa un’autorità degna di essere rispettata.

Ad ogni modo, si può vedere facilmente che intorno a sé non tutti rispettano sempre i patti. Dobbiamo quindi adottare un “piano di resistenza” di fronte allo svilimento della parola data. Ciascuno assuma quello in cui si è impegnato verbalmente.

Premiate i bambini che rispettano la loro parola e fanno quello che dicono.

Ringraziate i colleghi di lavoro che ricordano in cosa si sono impegnati con voi.

Lodate il familiare che stringe un patto e lo mantiene fino alla fine dei suoi giorni.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni