Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chiude il centro d’accoglienza: le suore si schierano contro Salvini e decreto sicurezza

SIOSTRY ZAKONNE
Kamil Szumotalski/ALETEIA
Condividi

Le religiose che si occupavano di assistenza alle migranti donne al Cas di Torrenova (Roma) scrivono una dura lettera: non possiamo restare zitte, in Italia poco rispetto per i diritti umani

Chiude il Centro di accoglienza straordinaria per ragazze migranti a Torrenova, nella periferia di Roma, e un gruppo di suore, che si occupava dell’assistenza alle donne ospitate protesta.

«Non possiamo rimanere oltre in silenzio – scrivono in una lettera al direttore di Avvenire, Marco Tarquinio – dobbiamo prendere posizione con determinazione: noi rimaniamo sempre aperte all’accoglienza e alla stima per il diverso, volendo conservare i valori profondi di un’umanità sana e cristiana. Aperte e accoglienti verso gli ultimi, i poveri, i bisognosi, i più abbandonati della nostra civile società».

Il 10 aprile la struttura è stata chiusa e le giovani sono state trasferite «forse in uno degli altri centri sparsi in Italia, che uno dopo l’altro stanno chiudendo i battenti in virtù di questa desiderata e decretata ‘sicurezza’».

Leggi anche: Cosa combina il Decreto sicurezza? Sfratta i migranti dalle strutture della Chiesa

Diritti umani calpestati

L’affondo contro il provvedimento del ministro Matteo Salvini è diretto: «Ci chiediamo: stiamo forse dando tutti quanti un cattivo esempio di gestione del fenomeno migratorio, con un approccio alle persone poco rispettoso dei diritti umani e non all’altezza dei valori del nostro Paese, l’Italia? Siamo suore, donne consacrate, che abbiamo vissuto in tanti Paesi del mondo e quindi abbiamo conosciuto sulla nostra pelle che cosa significa l’esclusione, la non appartenenza a un popolo, la mancanza di solidarietà, la sofferenza e le lacrime sparse per un futuro migliore».

MIGRANT,POPE FRANCIS
Alessadro Bianchi | AFP

Per questo motivo si chiedono: «Poteva forse il Cas di Torrenova diventare un’occasione di conoscenza e confronto con la comunità locale residente sul territorio? Non lo sappiamo e, forse, non lo sapremo mai più».

Leggi anche: La suora che a Caserta combatte a colpi di Vangelo la tratta di giovani donne africane

Il percorso di integrazione

Intanto c’è un dato concreto: «Dal 1° agosto 2018 fino a oggi, abbiamo fatto un cammino che ci è sembrato positivo con un gruppo di ragazze migranti ospiti della struttura: alcuni mini-corsi per aiutarle a crescere in umanità, dignità e serenità. Abbiamo conosciuto da vicino queste giovani donne, che hanno affrontato spesso con dignità la loro difficile condizione di migranti, vittime spesso di violenza e sempre di sfruttamento. Portiamo i loro nomi nel nostro cuore».

Leggi anche: Erano prostitute. Ora sono sarte grazie alle Suore Orsoline

“Un cammino di umanità e dignità”

Così come, proseguono le religiose, «abbiamo apprezzato l’accoglienza calorosa del direttore e dei volontari del Cas, che hanno messo serietà e dedizione generosa nel compito che era stato loro affidato, andando oltre l’accoglienza formale prevista dalla legge. Un cammino di umanità e dignità nei confronti delle ragazze ospiti. Ne siamo testimoni. Siamo fortemente rimaste colpite dalle modalità di attuazione della chiusura della struttura: tempi brevissimi di preavviso e poche informazioni sul futuro delle giovani donne coinvolte».

A firmare la lettera: Suor Maria Rosa Venturelli (Usmi Tratta) e suor Azia Ciairano con le sorelle Usmi, che si sono alternate al Cas: Maria Goretti, Nina, Liliana, Chiara, Nebiat, Rosa, Fatima, Vincenza, Maria Gina, Carmelita.

Leggi anche: Siracusa: suore ai semafori per abbracciare i migranti

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.