Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 03 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconChiesa
line break icon

Chiude il centro d’accoglienza: le suore si schierano contro Salvini e decreto sicurezza

SIOSTRY ZAKONNE

Kamil Szumotalski/ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 11/04/19

Le religiose che si occupavano di assistenza alle migranti donne al Cas di Torrenova (Roma) scrivono una dura lettera: non possiamo restare zitte, in Italia poco rispetto per i diritti umani

Chiude il Centro di accoglienza straordinaria per ragazze migranti a Torrenova, nella periferia di Roma, e un gruppo di suore, che si occupava dell’assistenza alle donne ospitate protesta.

«Non possiamo rimanere oltre in silenzio – scrivono in una lettera al direttore di Avvenire, Marco Tarquinio – dobbiamo prendere posizione con determinazione: noi rimaniamo sempre aperte all’accoglienza e alla stima per il diverso, volendo conservare i valori profondi di un’umanità sana e cristiana. Aperte e accoglienti verso gli ultimi, i poveri, i bisognosi, i più abbandonati della nostra civile società».

Il 10 aprile la struttura è stata chiusa e le giovani sono state trasferite «forse in uno degli altri centri sparsi in Italia, che uno dopo l’altro stanno chiudendo i battenti in virtù di questa desiderata e decretata ‘sicurezza’».




Leggi anche:
Cosa combina il Decreto sicurezza? Sfratta i migranti dalle strutture della Chiesa

Diritti umani calpestati

L’affondo contro il provvedimento del ministro Matteo Salvini è diretto: «Ci chiediamo: stiamo forse dando tutti quanti un cattivo esempio di gestione del fenomeno migratorio, con un approccio alle persone poco rispettoso dei diritti umani e non all’altezza dei valori del nostro Paese, l’Italia? Siamo suore, donne consacrate, che abbiamo vissuto in tanti Paesi del mondo e quindi abbiamo conosciuto sulla nostra pelle che cosa significa l’esclusione, la non appartenenza a un popolo, la mancanza di solidarietà, la sofferenza e le lacrime sparse per un futuro migliore».

MIGRANT,POPE FRANCIS
Alessadro Bianchi | AFP

Per questo motivo si chiedono: «Poteva forse il Cas di Torrenova diventare un’occasione di conoscenza e confronto con la comunità locale residente sul territorio? Non lo sappiamo e, forse, non lo sapremo mai più».


SUOR RITA GIARETTA

Leggi anche:
La suora che a Caserta combatte a colpi di Vangelo la tratta di giovani donne africane

Il percorso di integrazione

Intanto c’è un dato concreto: «Dal 1° agosto 2018 fino a oggi, abbiamo fatto un cammino che ci è sembrato positivo con un gruppo di ragazze migranti ospiti della struttura: alcuni mini-corsi per aiutarle a crescere in umanità, dignità e serenità. Abbiamo conosciuto da vicino queste giovani donne, che hanno affrontato spesso con dignità la loro difficile condizione di migranti, vittime spesso di violenza e sempre di sfruttamento. Portiamo i loro nomi nel nostro cuore».




Leggi anche:
Erano prostitute. Ora sono sarte grazie alle Suore Orsoline

“Un cammino di umanità e dignità”

Così come, proseguono le religiose, «abbiamo apprezzato l’accoglienza calorosa del direttore e dei volontari del Cas, che hanno messo serietà e dedizione generosa nel compito che era stato loro affidato, andando oltre l’accoglienza formale prevista dalla legge. Un cammino di umanità e dignità nei confronti delle ragazze ospiti. Ne siamo testimoni. Siamo fortemente rimaste colpite dalle modalità di attuazione della chiusura della struttura: tempi brevissimi di preavviso e poche informazioni sul futuro delle giovani donne coinvolte».

A firmare la lettera: Suor Maria Rosa Venturelli (Usmi Tratta) e suor Azia Ciairano con le sorelle Usmi, che si sono alternate al Cas: Maria Goretti, Nina, Liliana, Chiara, Nebiat, Rosa, Fatima, Vincenza, Maria Gina, Carmelita.




Leggi anche:
Siracusa: suore ai semafori per abbracciare i migranti

Tags:
diritti umanimatteo salvinimigrantisuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
2
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni