Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dumbo, o come trarre vantaggi da un difetto

DUMBO
Walt Disney Studios Motion Pictures
Condividi

Nuova versione del film, diretta da Tim Burton

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Tutti conoscono, chi più chi meno, la storia di Dumbo, resa popolare da Walt Disney negli anni Quaranta: un elefante nato con delle orecchie enormi, che se all’inizio suscitano derisione e disprezzo diventano presto il suo strumento più potente.

È la classica storia con una morale, come Alla Ricerca di Nemo o Edward Mani di Forbice: qualcuno, persona o animale, riesce a far sì che il suo difetto diventi un punto di forza, traendo vantaggio da quello che gli altri deridono per ottenere una capacità agli altri proibita. Con storie di questo tipo, i bambini imparavano che il fatto di essere diverso in qualche aspetto non rende peggiori. La maggior parte dei supereroi e dei cattivi dei fumetti nascono da uno sbaglio: un errore genetico o di laboratorio o accidentale si trasforma in un’arma, nella base del potere.

Dumbo inizia facendo ridere tutti, ma quelle orecchie gigantesche, ben spiegate, lo trasformano in un elefante volante, una cosa incredibile e mai vista prima. Tim Burton si è specializzato in creature di questo tipo: quelle considerate strane, che spiccano per la loro diversità. Creature fittizie e creature reali, che le mani e lo sguardo del regista trasformano in personaggi indimenticabili.

Burton si è avvicinato al progetto con rispetto, sapendo che maneggiava una storia destinata principalmente ai bambini, in cui non potevano trovare posto le atrocità di Sleepy Hollow o le stranezze di Beetlejuice.

Il problema è che il cinefilo esperto avverte già dalle prime inquadrature che si tratta di un incarico che ha svolto con il pilota automatico, senza grande entusiasmo, tranne in alcuni tratti della parte finale, con la comparsa delle creature dell’Isola dell’Incubo e le lezioni che l’elefantino dà al cattivo di turno (Michael Keaton).

Questo Dumbo può essere considerato da due punti di vista: da quello degli spettatori più piccoli, che si trovano di fronte a una storia di superamento personale (non è solo Dumbo ad avere un difetto, perché il personaggio di Colin Farrell torna dalla guerra avendo perso un braccio, e i membri della troupe sono un insieme di anomalie), sulla necessità di contare su una madre (i figli di Farrell hanno perso la loro tempo prima, e Dumbo stesso è stato separato dalla mamma), su bambini che cercano di credere in capacità in cui all’inizio gli adulti non credono, cattivi che vogliono solo accumulare fortune anche se questo implica la schiavitù altrui e sul rischio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.