Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Amalia Ercoli Finzi: studia lo spazio e crede in Dio. È buono e cerca il nostro bene!

Condividi

Una donna veramente realizzata. Moglie, madre di 5 figli, ingegnere di fama mondiale, sposta riunioni con partner internazionali se la nipotina ha bisogno di lei. E indossava il tacco 11.

La scienza è prosaica. Invece no! Le comete si innamorano e le stelle piangono

Nel libro di Tommaso Tirelli, «La signora delle comete», lei dice che il Padreterno, quando ha creato le comete, sorrideva. Perché?

«Perché le comete sono bellissime! La cometa è una storia d’amore: si innamora del Sole perché nel buio in cui si trova sente parlare di questo Principe Azzurro che attira tutte le comete; e infatti gli si avvicina ed emette la sua lunga scia, ma il Sole, che è un farfallone, dopo un po’ la lascia andare».

Ed è vero che le stelle piangono?
«Sì, quando vengono mangiate dai buchi neri. Lo sappiamo perché prima di morire emettono i raggi X».

Ingegnere aerospaziale, su tacco 11

«La mia civetteria erano le scarpe con il tacco. Sa, sono alta un metro e quarantotto centimetri e cinque millimetri, adesso sono anche più piccola perché sto invecchiando. Beh, portavo il tacco 11: praticamente camminavo in punta di piedi!». (Ib)

Nessun acrimonia, nelle rivendicazioni pur sacrosante, nelle fatiche che come donna avrà dovuto certamente affrontare. E nessuno sciocco rinnegamento della propria femminilità. Una cosa che possiamo tranquillamente copiarle e che lei stessa definisce fondamentale per le sfide future è quella di avere fiducia in sé stesse. Lei consiglia di dirselo la mattina, allo specchio, dopo che ci si è lavate i denti (accortezza quanto mai utile ad un adeguato apprezzamento della propria persona): io sono capace, io valgo davvero. Perché le sfide, aggiunge poi, non sono solo quelle tecnologiche, ma soprattutto quelle della vita normale di tutti i giorni.

Pagine: 1 2

Tags:
emancipazione femminilefede e ragione
Top 10 For Her
  1. I più letti
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.