Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconFor Her
line break icon

Samanta Bullock: abbiamo bisogno di abiti che ci facciano sentire belle anche in carrozzina!

Samanta Bullock

Samanta Bullock/Facebook page

Silvia Lucchetti - pubblicato il 08/04/19

La modella e stilista anglo-brasiliana disabile dall'età di 14 anni ha lanciato una linea di moda "dedicata a ogni tipo di donna: inclusiva, elegante, sostenibile e bella".

Samanta Bullock, classe 1978, è una bellissima modella anglo-brasiliana nata a Osório, Rio Grande do Sul, nel Sud del Brasile, che vive a Londra insieme al marito Mark ed è disabile dall’età di 14 anni. Tutto cambia quando un giorno giocando con la pistola del padre parte un colpo che cambia la sua vita per sempre. Non solo la tragica perdita dell’uso delle gambe, ma il dolore cronico che prova dal giorno dell’incidente. Lo racconta ad Elvira Serra sulle colonne del Corriere della Sera:

Il dolore non mi lascia mai

«È un effetto collaterale, non succede a tutti, ma significa che anche quando sei a una festa, o a cena o anche adesso al telefono con lei, il dolore non ti lascia» (Corriere)
View this post on Instagram

A post shared by Samanta Bullock (@samantabullock)

Potevo ancora fare tanto

Prima della disgrazia che segna uno spartiacque nella sua esistenza, era una modella piena di sogni e una piccola campionessa di tennis. Passione che non perde, ma che anzi nonostante la disabilità, cresce: Samanta giorno per giorno va avanti pensando a quello che può ancora fare, vivere, assaporare.

«Non mi sono ripetuta un mantra in particolare, mi sono semplicemente focalizzata su quello che avrei potuto ancora fare. E sono andata avanti così, un giorno dopo l’altro» (Ibidem).

Il tennis le regala importanti riconoscimenti e… suo marito

E così non solo riprende a giocare a tennis, ma rappresenta il Brasile nel mondo dal 2003 al 2009 e nel 2007 vince due medaglie d’argento ai Para Pan Am Games, mentre nel 2012 partecipa alla cerimonia di apertura dei Paralimpic Games. Ma il tennis non le regala solo soddisfazioni sportive, ma anche l’uomo della sua vita.

Ho imparato a usare il dolore a mio vantaggio

Davanti a simili imprese umane, ovvero di fronte all’atteggiamento di chi, invece che piangersi addosso si aggrappa alla vita con slancio e passione nonostante la sofferenza, viene spontaneo domandarsi: come ha fatto? Ed ecco la risposta:

«Ho imparato a usare il dolore a mio vantaggio, ogni volta che diventava troppo aggressivo. Lo trasformavo in uno stimolo per superarlo. Se ancora potevo fare qualcosa, e potevo farne tante, mi sono data la regola di farle al meglio, di diventare la numero 1» (Corriere).


CHIARA BORDI

Leggi anche:
Parteciperà a Miss Italia con una protesi alla gamba: “La vita è bella sempre” (GALLERY)

Gli stilisti non pensano abbastanza alle donne come me, per questo ci ho pensato io!

Ma non solo il tennis ha riempito di grinta e passione la vita di Samanta perché presto è arrivata anche la moda: non solo sfilate e passerelle ma anche una linea di abiti belli, comodi e di tendenza per le donne in carrozzina.

«Quando avevo 14 anni non ce n’erano tante di modelle in sedia a rotelle… Adesso è più facile, anzi, è quasi normale (…) Ed è lì che mi è venuta un’idea imprenditoriale. Gli stilisti non pensano abbastanza alle donne come me. Abbiamo bisogno di abiti che ti facciano sentire bellissima anche quando stai seduta. Ecco perché ho pensato di lanciare una linea dedicata a ogni tipo di donna: inclusiva, elegante, sostenibile e bella» (Ibidem).

In questo suo nuovo progetto è stata sostenuta da tanti artisti emergenti: Rua Luja, London Organic, Bekoffee, Caroline, Gunda Hafner, Peter Twiss, Contessina London e Amelia. La sua linea di abiti potrà essere acquistata dal 15 giugno sul sito samantabullock.com.

La storia di Samanta ci parla di coraggio, costanza, gratitudine, bellezza! Mi ha ricordato una frase che ripete spesso la dottoressa Silvana De Mari:

Fai il meglio che puoi con quello che hai.




Leggi anche:
Giusy Versace: «Ho perso le gambe ma Dio mi ha regalato talmente tante cose che oggi farei peccato a lamentarmi perché ho due gambe finte»

Tags:
disabilitàmoda

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni