Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il bambino nel primo anno di vita ha davvero bisogno di giocattoli?

Condividi

No, e i medici dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ci spiegano perché

di Francesca Bevilacqua e Francesco Gesualdo

Che giocattoli comprare a un bambino nel primo anno di vita? Forse sarebbe meglio riformulare la domanda: il bambino nel primo anno di vita ha davvero bisogno di giocattoli?

Il corpo dei genitori

Il gioco nel primo anno passa attraverso il contatto con il corpo dei genitori. Molte ricerche sullo sviluppo del cervello, infatti, sono d’accordo su un’idea: sia le capacità relative al movimento sia lo sviluppo cognitivo sono favoriti dalla relazione corporea.
Nei primi mesi, tenere i bambini a contatto con il proprio corpo, ad esempio portandoli con una fascia o con un marsupio adatto all’età, favorisce la regolazione delle funzioni vitali, la riduzione dello stress e la comunicazione istintuale tra il bambino e il genitore. Dopo i primi mesi di vita, il corpo del genitore, con l’aiuto di un materasso rigido da tenere per terra nella cameretta o in salone, può diventare la palestra su cui far giocare il bambino. Arrampicandosi, spingendosi e rotolandosi sul corpo del genitore i bambini apprenderanno progressivamente nuove capacità di movimento: la posizione seduta, il gattonamento, il porsi in piedi da solo.

child, little baby,
Pixabay

Annusare, toccare, assaggiare…

Oltre alle competenze motorie, anche i sensi si sviluppano progressivamente durante il primo anno. Dopo i 4-6 mesi, quindi, i giochi possono essere dedicati anche allo stimolo della sensorialità. Il bambino a questa età ama toccare, muovere, osservare, annusare, ascoltare, assaggiare. In questo modo, il bambino impara a conoscere se stesso e il mondo. Gli oggetti più interessanti e stimolanti per lui sono proprio quelli che ci circondano nella vita quotidiana. Una scelta utile in questa fase è la preparazione del cosiddetto “cesto dei tesori”. Si prende un bel cesto, di stoffa o di vimini, e lo si riem- pie con oggetti della quotidianità domestica, scegliendo materiali, forme e colori diversi: un cucchiaio di legno da cucina, un pennello per il trucco, una bottiglietta da riempire con dei legumi, uno spazzolino da denti, una spazzola, un rotolo di nastro adesivo. Il bambino sarà incuriosito dagli oggetti perché sono quelli con cui ci vede interagire ogni giorno. La manipolazione e il contatto con materiali diversi stimolerà lo sviluppo delle capacità motorie e dei sensi. Quando il bambino avrà giocato ed esplorato a lungo questi oggetti, se ne può sostituire uno o due mischiando nella cesta oggetti nuovi e oggetti già conosciuti. Ovviamente, nella fase di preparazione, evitate accuratamente oggetti piccoli che possono essere molto pericolosi perché il bambino li può inalare. E, sempre scegliendo gli oggetti con cura, si può anche immaginare un piccolo sacchetto dei tesori da viaggio, per intrattenere il bambino mentre si è fuori casa.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.