Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconFor Her
line break icon

Il bambino nel primo anno di vita ha davvero bisogno di giocattoli?

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 04/04/19

No, e i medici dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ci spiegano perché

di Francesca Bevilacqua e Francesco Gesualdo

Che giocattoli comprare a un bambino nel primo anno di vita? Forse sarebbe meglio riformulare la domanda: il bambino nel primo anno di vita ha davvero bisogno di giocattoli?

Il corpo dei genitori

Il gioco nel primo anno passa attraverso il contatto con il corpo dei genitori. Molte ricerche sullo sviluppo del cervello, infatti, sono d’accordo su un’idea: sia le capacità relative al movimento sia lo sviluppo cognitivo sono favoriti dalla relazione corporea.
Nei primi mesi, tenere i bambini a contatto con il proprio corpo, ad esempio portandoli con una fascia o con un marsupio adatto all’età, favorisce la regolazione delle funzioni vitali, la riduzione dello stress e la comunicazione istintuale tra il bambino e il genitore. Dopo i primi mesi di vita, il corpo del genitore, con l’aiuto di un materasso rigido da tenere per terra nella cameretta o in salone, può diventare la palestra su cui far giocare il bambino. Arrampicandosi, spingendosi e rotolandosi sul corpo del genitore i bambini apprenderanno progressivamente nuove capacità di movimento: la posizione seduta, il gattonamento, il porsi in piedi da solo.

child, little baby,
Pixabay

Annusare, toccare, assaggiare…

Oltre alle competenze motorie, anche i sensi si sviluppano progressivamente durante il primo anno. Dopo i 4-6 mesi, quindi, i giochi possono essere dedicati anche allo stimolo della sensorialità. Il bambino a questa età ama toccare, muovere, osservare, annusare, ascoltare, assaggiare. In questo modo, il bambino impara a conoscere se stesso e il mondo. Gli oggetti più interessanti e stimolanti per lui sono proprio quelli che ci circondano nella vita quotidiana. Una scelta utile in questa fase è la preparazione del cosiddetto “cesto dei tesori”. Si prende un bel cesto, di stoffa o di vimini, e lo si riem- pie con oggetti della quotidianità domestica, scegliendo materiali, forme e colori diversi: un cucchiaio di legno da cucina, un pennello per il trucco, una bottiglietta da riempire con dei legumi, uno spazzolino da denti, una spazzola, un rotolo di nastro adesivo. Il bambino sarà incuriosito dagli oggetti perché sono quelli con cui ci vede interagire ogni giorno. La manipolazione e il contatto con materiali diversi stimolerà lo sviluppo delle capacità motorie e dei sensi. Quando il bambino avrà giocato ed esplorato a lungo questi oggetti, se ne può sostituire uno o due mischiando nella cesta oggetti nuovi e oggetti già conosciuti. Ovviamente, nella fase di preparazione, evitate accuratamente oggetti piccoli che possono essere molto pericolosi perché il bambino li può inalare. E, sempre scegliendo gli oggetti con cura, si può anche immaginare un piccolo sacchetto dei tesori da viaggio, per intrattenere il bambino mentre si è fuori casa.

Tags:
bambinibenesserecorpoeducazionesviluppo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni