Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le panche dell’amicizia: l’apertura all’altro comincia alla ricreazione in cortile

BAMBINI SENTIMENTI GENITORI
Shutterstock
Condividi

Le ricreazioni possono essere lunghe per un bambino timido o un po’ isolato. Le panche dell’amicizia cambiano la cosa: invece di restarsene soli in un angolino, i bambini si siedono su questa panca colorata che permette loro di farsi nuovi amici. E invitano all’empatia.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

È stato durante una riunione di rappresentanti di classe che è nata l’idea di una panca dell’amicizia in una scuola primaria della Val d’Oise. Mentre i giovanissimi eletti, nei loro grembiulini, prendevano la parola uno alla volta di fronte alla direttrice dell’istituto per esporre le loro richieste (diverse e variegate), uno fra loro ha suggerito – tra un menu di mensa e uno spazio per le biglie – di installare una panca un po’ speciale nel cortile della ricreazione: la panca dell’amicizia.

– Ma che cos’è una “panca dell’amicizia”? – chiese allora la direttrice.

– L’ho letto in Filoteo [una rivista religiosa per bambini, N.d.R.]: è una panca su cui vengono a sedersi i bambini che sono soli, così gli altri vengono a cercarli per giocare insieme.

L’idea ha conquistato il team pedagogico. Qualche settimana dopo una panca del cortile è stata riverniciata con colori vivaci e inaugurata solennemente davanti a un uditorio di bambini attentissimi. Il principio è semplice e pieno di bontà: quando un bambino non ha un compagno con cui giocare, può sedersi sulla panca e aspettare che un altro bambino venga a parlargli o lo inviti a unirsi al suo gruppo di amici. «È come un segnale», sottolinea Filoteo. Gli alunni sono invitati a fare attenzione a chi è isolato, e più largamente a dare prova di gentilezza e di compassione. Secondo la direttrice, l’iniziativa ha avuto successo – specie tra i bambini di prima.

Le panche dell’amicizia esistono da qualche anno e sono state “importate” nel 2013 dagli Stati Uniti da un ragazzino di 7 anni, Christian Bucks. Stava per trasferirsi in Germania con la famiglia e scoprì nel dépliant della sua futura scuola una panca dell’amicizia. Un’idea mutuata dalla scuola americana ed estesasi successivamente a numerosi Paesi anglofoni. In Irlanda si è persino condotto uno studio, realizzato dal Centro di Igiene Mentale, per misurare “l’efficacia” di siffatta iniziativa. Il campione (117 bambini scolarizzati in tre diversi istituti dotati di panca dell’amicizia) rivela che il 40% dei bambini interrogati afferma di utilizzare la panca e il 90% degli stessi assicura di essere pronto a parlare a un bambino seduto lì sopra.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.