Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da poliziotto a sacerdote: proteggere e curare

JOSE PEDRAZA
Gentileza
Condividi

La curiosa storia di José Pedraza

José Pedraza non rinnega il suo passato nella Polizia. Questo diacono ordinato di recente della diocesi di Nueve de Julio, in Argentina, ha sentito però che Dio gli chiedeva qualcosa di più, un’idea che aleggiava fin da quando era adolescente e frequentava gli scout.

Prima José voleva studiare cucina o geografia, poi ha finito per entrare nella Polizia di Buenos Aires e ha lavorato tre anni nella località di Pehuajó, a 60 chilometri dalla sua città natale, Henderson, nella zona rurale che circonda la capitale argentina.

Lì ha servito nel Gruppo di Sostegno Dipartimentale, e si occupava di ispezioni delle carceri o della protezione di personaggi che visitavano la città, come ha ricordato a Radio Maria.

In quegli anni, Juan è stato invitato da un amico a un ritiro, a cui ha assistito in uniforme, e ha sentito la chiamata che oggi ricorda come quella di San Paolo. Ha sentito che Cristo era con lui.

Aveva provato qualcosa di simile già a 16 anni, e quindi nel 2010 ha lasciato la Polizia e l’anno successivo è entrato nel seminario di Mercedes, dove si formano i futuri sacerdoti della diocesi di Nueve de Julio.

Juan crede che i suoi anni nella Polizia siano stati un dono di Dio come parte della sua storia di salvezza, come ha confessato alla radio locale Cadena Nueve: “La Polizia mi ha insegnato molte cose: impegno, responsabilità, lavorare in strada, stare a contatto con la gente, quello che si chiama lavoro di strada. Mi ha insegnato molto, la apprezzo davvero. Non me ne sono andato perché non mi piaceva più, anzi, le sono molto grato. Dio, però, mi ha chiamato per una vocazione speciale, diversa, che mi rende più pieno”.

JOSE PEDRAZA
Gentileza

Il vescovo di Nueve de Julio, Ariel Torrado Mosconi, durante la cerimonia di ordinazione ha sottolineato che la sua esperienza in Polizia potrebbe essere integrata nel suo nuovo servizio sacerdotale: “La tua dedizione al servizio dei cittadini nella Polizia, la partecipazione ai gruppi scout, lo spirito di servizio negli anni di seminario, il tuo spirito fraterno con i compagni al centro vocazionale Cardinal Pironio e la tua dedizione all’Hogar de Cristo mostrano dei doni, delle disposizioni e delle capacità che non verranno dimenticate, e che potresti integrare per rendere più ricco e fecondo il tuo servizio in molti sensi”.

“Sembra incomprensibile, ma in sostanza entrambe le figure si prendono cura del prossimo. La funzione del poliziotto è quella di proteggere il cittadino e la comunità, quella del sacerdote è curare e vegliare sui fedeli e sui più deboli”, ha detto José, che spera di poter lavorare con la Polizia anche nella sua nuova missione sacerdotale: “So cosa vivono i poliziotti e ho gli stessi codici. Vorrei avvicinarmi con uno sguardo consolatore e conciliatore. Uno sguardo di fede e una visione trascendente aiuterebbero molto in Polizia”.

Se Dio vorrà, alla fine dell’anno il diacono José sarà ordinato sacerdote dell’immensa diocesi di Nueve de Julio, prevalentemente rurale e che copre un territorio di 57.000 chilometri quadrati, più esteso di Paesi come Svizzera, Croazia o Costa Rica.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.