Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconFor Her
line break icon

Alce Nero, da sciamano a catechista: avremo un santo Pellerossa?

BLACK, ELK, SIOUX

Thomas Lightningbolt | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 04/04/19

È su questa scena di morte che negli anni ’30 lo scrittore John G. Neihardt voleva concludere il ritratto del guaritore Pellerossa nel libro Alce nero parla, facendone uno stereotipo di indiano sconfitto e tacendo completamente sulla conversione avvenuta qualche anno dopo. Ma la vita di Alce Nero rinacque proprio all’indomani Wounded Knee e ne fu portavoce la figlia Lucy, che sentì il dovere di dare al mondo l’immagine più autentica di suo padre.


OLRA TRACEY, MELANIA TRUMP

Leggi anche:
Donne coraggiose: Melania Trump premia Suor Orla Tracey, missionaria in Sud Sudan

Guarda due volte

Il nome completo della figlia di Alce Nero è Lucy Look Twice, tradotto in italiano: Lucia Guarda Due Volte. E c’era bisogno del suo sguardo, di una vista migliore e più autentica. Grazie a lei abbiamo il ritratto dei quasi 50 anni di vita che Alce Nero visse da catechista cattolico. Nel libro di Maurizio Stefanini possiamo quindi conoscere per intero il volto di quest’uomo che nell’incontro coi Gesuiti diede senso compiuto al cammino di ricerca della sua vita. Le comunità cattoliche erano entrate in rapporto con gli indiani delle riserve grazie a una certa affinità di fondo tra la loro spiritualità tradizionale e il tipo di religiosità popolare di quell’Italia da cui gran parte dei missionari provenivano. Stupefacente è notare che il calendario cattolico trovasse nelle tradizioni dei nativi americani un’aderenza impressionante: ad esempio la Pasqua veniva a coincidere con il periodo della caccia al bisonte ed era occasione per organizzare sacre rappresentazioni della passione e morte del Cristo, in cui riti indiani e tradizioni cattoliche si mescolavano in modo strettissimo.


NIGERIA, ESEOSA, ORFANOTROFIO

Leggi anche:
La vocazione di Eseosa: tornare in Nigeria per costruire una casa a Dio

Nel giorno di San Nicola, il 4 dicembre 1904 Alce Nero fu battezzato. Da quel giorno, la sua conversione si tradusse in un’opera di conoscenza delle Scritture approfondita e nell’educazione del popolo:

Le persone che erano state curate quando era un uomo-medicina iniziarono ad andare da lui. Gli domandavano della nuova religione a cui apparteneva e lui spiegava loro cosa significava. Molti seguirono il suo esempio ed egli li istruì nella nuova fede. Paragonava i passi delle Scritture alle cose che lo circondavano ed usava esempi presi dalla natura, facendo confronti fra contenuti della Bibbia e fiori, animali e addirittura alberi. Quando ci parlava della Creazione citava storie della Bibbia. Questo è il motivo per cui era un cattolico convinto: leggeva la Bibbia. […] I sacerdoti venivano da lui molto spesso ed egli era sempre disponibile per qualsiasi tipo di viaggio, anche nel clima più freddo. Andava con padre Lindebner, o Westropp, o padre Henry Alder e le persone venivano da loro, assistevano alla messa e facevano anche battezzare i loro piccoli. Quando qualcuno si convertiva, mio padre lo istruiva. (Ibid

)

BLACK ELK
Public domain

La strada rossa, infine, fu quella in cui camminò con più gioia e più a lungo, anche se forse in modo più nascosto. La via del discernimento personale che Alce Nero ha vissuto non è poi così lontana nello spazio e nel tempo da noi.




Leggi anche:
Il miracolo più grande: la conversione

Accade a tutti ed è il cammino di chiamata personale che Dio fa a ciascuno, tra il nero del dramma e il rosso dell’impegno umano. Che il suo passo evangelico preferito fosse “Quale vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima?” non stupisce e ce lo rende amico fedele nelle nostre giornate spesso offuscate da nebbie fitte. La Chiesa cattolica ha deciso di aprire il processo di beatificazione con una solenne dichiarazione della Conferenza episcopale degli Stati Uniti riunita a Baltimora un anno e mezzo fa, una prima tappa verso l’ipotesi di aver un amico in più in Cielo chiamato San Cervo Nero il Lakota.

  • 1
  • 2
Tags:
conversioneindiani americanirecensioni di libri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni