Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Quaresima è una tragedia?

MOURNING COFFIN
Condividi

Cosa ci dice questo periodo di sacrificio sul mistero della sofferenza?

“Come può vedere tutto questo e continuare a credere?”

Ecco quello che mi ha gridato una signora anziana mentre eravamo in una stanza d’ospedale. Aveva seppellito il marito la settimana prima, e ora guardava la figlia singhiozzante accanto al corpo del marito appena defunto, mentre il figlioletto della coppia era in piedi nell’angolo, straziato.

Come si può vedere tutto questo e continuare a credere?

Mi sono posto questa domanda per via di una storia molto triste che ho seguito, attraverso gli amici, nelle ultime settimane (cambierò i nomi perché non ho avuto il tempo di chiedere loro il permesso di identificarli, che spero mi verrà concesso prossimamente). Conoscevo Eddie e Carol, anche se non bene, dall’epoca in cui insegnavo. Erano una bella coppia, e nessuno si è stupito quando si sono sposati poco dopo la laurea. Erano felici e fedeli, e hanno avuto vari figli.

Poi a Eddie è stata diagnosticata una terribile malattia al polmone, e a Carol un disturbo sanguigno. Amici e familiari sono rimasti sconvolti e hanno pregato tanto per loro. Le condizioni di Eddie sono peggiorate ed è stato ricoverato. Carol non poteva andare in ospedale a trovarlo perché non poteva permettersi di prendersi alcuna infezione – il Venerdì Santo dovrà sottoporsi a un trapianto di midollo spinale.

Eddie è stato attaccato al respiratore. La gente ha pregato che tenesse duro per poter essere inserito nella lista d’attesa per un trapianto di polmone. Non si è più svegliato. È morto nel suo letto d’ospedale, circondato da amici e familiari in preghiera. Ha lasciato Carol, che ha già le sue sfide da affrontare, e i figli piccoli. È morto sapendo che tante persone avevano pregato con fervore perché si riprendesse.

Come si può vedere tutto questo e continuare a credere?

È una vecchia domanda: come ha potuto Dio permettere che accadesse? Eddie e Carol hanno fatto qualcosa di terribilmente sbagliato per meritarlo? E anche se è così, che dire dei loro bambini innocenti?

Questi misteri di sofferenza, perdita e innocenza vengono trattati in modo molto eloquente nel Libro di Giobbe, e riecheggiano nel Vangelo di Luca:

“In quello stesso tempo vennero alcuni a riferirgli il fatto dei Galilei il cui sangue Pilato aveva mescolato con i loro sacrifici. Gesù rispose loro: «Pensate che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, perché hanno sofferto quelle cose? No, vi dico; ma se non vi ravvedete, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto sui quali cadde la torre in Siloe e li uccise, pensate che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, vi dico; ma se non vi ravvedete, perirete tutti come loro»”.

In queste situazioni è normale chiedersi a chi si debba dare la colpa o se Dio è davvero fedele, o domandarsi “Chi sarà il prossimo? Forse io?” È naturale, ma non è del tutto cristiano.

Non credo che un approccio puramente naturale sia quello con cui Eddie e Carol vorrebbero essere ricordati. Uno degli amici più stretti di Eddie ha scritto: “L’aspetto migliore è che questa NON è una tragedia. Piuttosto, è una dolce e semplice storia d’amore di due servi buoni e fedeli. Ieri sera ho promesso… mi assicurerò che tutti sappiano che… il mio amico mi mancherà”.

Com’è possibile che questa storia non sia una tragedia? Penso che Eddie e Carol insisterebbero sul fatto che la loro storia, per quanto straziante e dolorosa, debba essere ricordata come una storia d’amore sostenuto e trionfante. Conoscevano Cristo prima di donarsi reciprocamente la vita nel matrimonio, nel corso del quale si sono offerti a Lui continuamente. Si sono affidati a Cristo nella loro malattia e nella morte di Eddie. Sapevano che la morte non può sconfiggere l’amore (Cantico dei Cantici 8,6). Sapevano che Gesù, “avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine” (Giovanni 13, 1). Come la Madonna Addolorata, sapevano che il loro lutto non sarebbe durato per sempre.

Siamo a metà della Quaresima. Stiamo camminando insieme a Nostro Signore sulla Via della Croce, nella promessa della Pasqua e nella speranza della resurrezione. Anche oggi ci sono persone che soffrono e ci chiedono “Come puoi vedere tutto questo e continuare a credere?”

Sapremo se avremo vissuto una Quaresima buona e fruttuosa se a Pasqua saremo arrivati a conoscere Cristo così bene da poter offrire una risposta a chi soffre e a chi sta perdendo la speranza. Aggrappiamoci a Cristo in Quaresima, per poterLo offrire a chi ne ha bisogno.

Tags:
quaresima
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.