Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconSpiritualità
line break icon

Così le anime passano dal Purgatorio al Paradiso: le visioni di Leontina Sotgiu

CZYŚCIEC

Wikipedia | Domena publiczna

don Marcello Stanzione - pubblicato il 03/04/19

Essendo una cosa di gravi conseguenze, le fu fatto differire per rifletterci sopra; e poté emetterlo solo il 21 novembre 1916, festa della Madonna, durante una Messa celebrata per lei, da Mons. Giovanni Pirastru, arciprete di Bonorva, figlio spirituale del P. Manzella. L’ideale di Leontina era quello di entrare a far parte delle Suore del Getsemani (Manzelliane) che Angela Marongiu e il Padre Manzella stavano fondando; ma non era quella la sua vita, ed il P. Manzella le permise solo di fare i voti religiosi privatamente, mentre continuava a vivere in famiglia. Il suo “conventino” arrivò solo molto più tardi: nel 1930, però non quello immaginato da lei.




Leggi anche:
Le confessioni delle anime del Purgatorio a suor Josefa Menendez

Nel 1928, dopo un ennesima richiesta di entrare in convento, il P. Manzella, dopo aver pregato intensamente davanti ad una immagine del S. Cuore, le predisse: “Mobns. Pirastru sarà vescovo di Iglesias. Tu e Maria (la sorella) andrete con lui”. Difatti due anni dopo, nel 1930, Mons. Pirastru fu eletto vescovo di Iglesias. Egli aveva la mamma anziana, e bisogno di aiuto. Insieme alla sorella Maria, in una vita fatta di silenzio, preghiera, lavoro, accudì inosservata, alle faccende domestiche dell’episcopato: portineria, guardaroba, giardino, e ogni sorta di faccende casalinghe, specialmente la pulizia della casa che sempre aveva ritenuto come spettanti a lei. Nell’episcopato erano in cinque persone: il Vescovo, il suo segretario Don Muroni, la mamma anziana, Maria, Leontina. Formavano una vera comunità di preghiera e di vita comune, per cui il vescovo non tardò a denominarla Betania. Per 27 anni ella, nel silenzio, nascosta a tutti, poté continuare la sua vita spirituale di immolazione per i peccatori, per i sacerdoti prevaricati, per le anime del purgatorio, per i bisogni spirituali di tante persone via via note al vescovo e da lui raccomandate alle preghiere di quella piccola comunità.


Mysticism, Purgatory,

Leggi anche:
Le anime del Purgatorio sono entrate nella stanza di Teresa Musco: ecco la visione

Morì improvvisamente il 28 settembre 1957. il vescovo, Mons. Pirastru, che la conosceva nello spirito da circa quarant’anni, raccolse tutti i documenti che la riguardavano, in vista di un futuro Processo canonico: otto volumi di lettere, più due volumi di resoconti spirituali, scritti per ordine del confessore. Il Processo ebbe inizio ad Iglesias nel 1982. Leontina fin dal 1920 ogni giovedì e venerdì sia di avvento che di quaresima faceva l’esperienza dell’agonia di Cristo ed offriva le sue sofferenze anche in suffragio delle anime purganti, infatti nelle sue note personali la mistica sarda aveva scritto che tra le varie sue intenzioni di orazione ella pregava sempre “per le anime purganti, perché Gesù anticipi loro la pace eterna”, a questo riguardo suor Angela Marongiu in un suo scritto datato 1922 descrive ciò che ha veduto portandosi da Leontina nei venerdì di Quaresima.


CZY MODLITWA ZA ZMARŁYCH MA SENS

Leggi anche:
Suor Clara Moes: in Purgatorio ci sono le anime di chi non entra in chiesa

Lo scritto è di suo pugno e ne cito testualmente un frammento dove vengono citate esplicitamente le anime del purgatorio:

“Incomincia anticipata la sofferenza. Sono le 13,30. terminò dopo le 16. incominciò con grande sofferenza al cuore. Piangeva. Dopo pochi minuti entrò nella fase del rapimento. Incominciò con una commovente preghiera alla Passione di Gesù. Gli rammentò il grande amore che portò all’uomo, ciò che fece per salvarlo. La vedo tutta tremare, gemere…Protesta che non vuol lamentarsi; credo che sentisse in sé crudeli colpi di flagellazione. La vedevo contorcersi, orribilmente, sino a gettarsi fra le mie braccia. Potei intuire dal colloquio che ebbe con Gesù: – Vedi tutte queste piaghe? Ne è coperto il mio corpo, mi fanno soffrire. Ma fammi più più patire, pur di darmi salve quelle anime che ti ho raccomandato. La vedo fare un gesto come di chi è spaventato. Era il Brutto ceffo che si voleva avventare contro di lei. La sentii gridare: – Non mi toccare! Quanto sono lorde le tue mani! Si rifugiò tra le mia braccia. Vedendo ciò, io tirai fuori il Crocifisso, glielo misi sul petto, la sentii fare un atto di adorazione verso la croce santa. Si calmò , poi sfidò il Brutto ceffo. Fu una contesa. Essa gli disse: – Prova a fare ciò che faccio io – capii che erano atti di umiltà. Lui rispose: – Questo poi no. E Leontina: – E allora, perché sei geloso di me? Si rivolge alla Santissima Vergine. Questa dal canto suo le chiede se vuole andarsene con lei in Paraiso. Fa un cenno quasi a dire: – Come vuoi…Ma senti, cara Mamma, Gesù non vuole. Che cosa ci faccio in Paradiso senza volontà del tuo Figlio? No, più patire ancora, più, per dargli anime, per salvarle. Sento in particolare raccomandare un’anima del Purgatorio. Piange. – Quanto soffre, Gesù. Poi, preghiera sommessa. Poi grida: – Mio Gesù che fuoco sento, che bruciore! Si, contorce orribilmente. Capii che perché quell’anima fosse ammessa ad usufruire dei suffragi, si era offerta lei stessa a pagare e soddisfare la divina giustizia. Le chiesi: – Che cosa sentì mi rispose: – Sono in mezzo al fuoco. La sento dire: – Care sofferenze, croci, tribolazioni…O se l’uomo sapesse, come non si lagnerebbe. Entra nella fase acuta di sofferenza…Grida ripete Fiat continuamente. Poi, un secondo spasimo, un terzo: era la crudele lanciata per ben tre volte. Il sangue saliva alla bocca, ma non diè fuori. La vidi stendere le braccia, allungarsi. Stette per vari minuti senza respiro: mi sembrava che avesse esalato lo spirito. Poi terminò con proteste di amore e di rendimento di grazie”.

La vigilia di Pasqua, Leontina scrive che per tutto il giorno il corpo intero, eccetto il viso, emanò un sudore bruciante ed annota sul suo diario:

“Tratto tratto sentivo una mano di ferro che mi stringeva il cuore… Nella testa, mani e piedi, uno spasimo indicibile. Il cuore grondava sangue. Santa passione di Gesù, abbiate pietà di noi. Non una parola del Signore, non l’angelo, non la Sorella (suor Maria della Passione), non la Mamma Immacolata. Ma all’alba della Pasqua, la piaga del cuore si richiude. ”Leontina corre in chiesa e, per la gioia, non capisce quasi dove sia. Durante la Messa la Madonna le mostra un gran numero di anime che liberate dal purgatorio entravano “nella gloria eterna cantando l’Alleluja”.




Leggi anche:
Gli incontri tra mamma Natuzza e le anime del Purgatorio: testimonianze da brividi!

Durante un avvento il Signore le aveva promesso un dono per il Natale. Lei lo aveva generosamente dimenticato. Ma il dono non mancò. Eccolo offerto ai suoi occhi. Le venne mostrato un gran numero di anime purganti che in quel momento volavano in paradiso cantando “Gloria, gloria!…”. Leontina nonostante la sua condizione di inferma si sente dominata dall’assillo della infermità altrui, particolare e universale ed annota sul suo diario:

“Io sono una peccatrice, un’anima redenta dal sangue di Nostro Signore. Ed insieme sono una vittima dell’Agnello immacolato, vittima di amore e di dolore. Quindi dico al mio sposo celeste: Gesù, con l’amore prego e chiedo, col dolore espio e riparo. Ascolta Gesù: se dunque espio, questo valga per cavare dal carcere espiatorio tutte queste anime, sì, quelle che ti ho presentato. Se l’amore, poi mi ha permesso di pregare e di chiedere, io ti prego per la conversione di tutti i peccatori, e ti chiedo la pace per la chiesa, militante e purgante, il trionfo di essa. Posso ancora chiederti quanto ho bisogno per me e per tutti”.


Luisa Piccarreta

Leggi anche:
Le rivelazioni sul Purgatorio della mistica Luisa Piccarreta

  • 1
  • 2
Tags:
anime del purgatoriopurgatorio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
5
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni