Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Un’area giochi per bambini durante la messa: e voi cosa ne pensate?

Condividi

L’iniziativa di un parroco a Torino: in questo modo i genitori possono seguire la messa tranquilli, mentre i piccoli giocano senza dar fastidio

I bambini, si sa, sono sempre in movimento, anche durante la messa, e proprio per questo motivo, è nata, a Torino una chiesa con un’area giochi.

Si tratta della parrocchia di San Giulio d’Orta di corso Corso Cadore, nel quartiere Vanchiglietta. L’area è stata allestita in fondo alla chiesa, dietro le file di banchi e sedie. Il fautore di questa iniziativa è stato il parroco don Silvano Bosa.

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m14!1m8!1m3!1d11269.947204296472!2d7.7233996!3d45.0759207!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x0%3A0xe8014e427eb1c5af!2sParrocchia+della+Chiesa+di+San+Giulio+d’Orta!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1554215463447!5m2!1sit!2sit&w=600&h=450%5D

Un aiuto ai genitori

Un’idea molto semplice quella di don Silvano, pensata non solo per i bambini, ma anche per i genitori. Infatti, spesso i piccoli, durante la messa corrono in chiesa non consentendo ai genitori di seguire la funzione religiosa. Questa iniziativa permette proprio ai genitori di continuare ad andare in chiesa anche con i bimbi piccoli. Un modo come un altro per far avvicinare i bambini alla religione fin da piccoli (Mole24, gennaio 2019).

«Durante la messa – spiega don Silvano – capita che i bambini corrano in chiesa, che qualcuno si avventuri sino all’altare e si sieda accanto a me. I genitori vanno di qua e di là, nel vano tentativo di fermarli». Il don ripete sempre: «Lasciateli tranquilli. A casa, quando corrono, mica li si chiude in un armadio? Sono bambini e hanno diritto ai loro spazi». E così, nella chiesa di corso Cadore, questo spazio è stato creato: i più piccoli giocano serenamente e i genitori seguono la funzione.

A qualche fedele più bacchettone l’idea non piace? «Poco importa». Don Silvano fa spallucce. «Siamo una comunità – ribadisce – e della nostra comunità fanno parte anche i più piccoli» (La Stampa, gennaio 2019).

3 metri quadrati

È uno spazio di 3 metri quadrati, recintato con giochi vari e ricoperto a terra da piastrelle di tutti i colori imbottite «così possono stare seduti e non prendere freddo – spiega il vice parroco don Andrea – è per i nostri bambini della scuola materna parrocchiale. Vengono a messa con i genitori e le loro casacchine colorate e ora hanno un posto tutto per loro».

MASS KIDS
TATJANA SPLICHAL | DRUŽINA

“Non piangono o gridano”

I bambini, prosegue il viceparroco, «arrivano e dicono: mamma portami al mio posto. E stanno lì buoni, non piangono o gridano, non si sentono costretti, stanno tranquilli e giocano anzi non volevano andarsene. È un modo per portare il loro mondo anche in chiesa, senza separarli e per consentire loro di seguire la messa con spontaneità. Un’idea da esportare? Sarebbe bello» (Repubblica Torino, gennaio 2019).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni