Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconSpiritualità
line break icon

Perché San Benedetto consigliava ai suoi monaci di recitare preghiere brevi

SAINT BENEDICT

Fr Lawrence Lew, O.P. | Flickr CC by NC ND 2.0

Philip Kosloski - pubblicato il 29/03/19

Voleva innanzitutto che i suoi monaci fossero autentici

San Benedetto, noto come il “padre del monachesimo occidentale”, formulò nel VI secolo una Regolaspecifica che i monaci dovevano seguire, in cui consigliava loro di recitare preghiere brevi.

La preghiera dovrebbe essere breve e pura, a meno che non si prolunghi per ispirazione della grazia divina. In comunità, però, la preghiera dovrebbe essere sempre breve, e quando il superiore dà il segnale tutti dovrebbero alzarsi insieme.

Questo non implica che i monaci non debbano pregare per lunghi periodi di tempo, visto che i monaci benedettini si fermano per la recita dei salmi almeno sette volte al giorno.

Secondo un commento benedettino, “in alcune tradizioni antiche, dopo ogni salmo c’era un breve momento per invocare spontaneamente il Signore. È questo tipo di preghiera che dev’essere breve e pura, e non va prolungata perché non può esserlo. I tentativi di prolungare una preghiera di questo tipo in genere sono solo uno show, e non la realtà”.

San Benedetto voleva che i suoi monaci pregassero col cuore e non per attirare l’attenzione degli altri. Come ha scritto nella Regola, “dobbiamo sapere che Dio guarda la nostra purezza di cuore e le lacrime di pentimento, non le nostre tante parole”.

A questo riguardo, la Regola di San Benedetto si applica non solo alle preghiere recitate in pubblico, ma anche a quelle private, pronunciate nel conforto della nostra casa. La preghiera non si dovrebbe concentrare sulla lunghezza, ma sul cuore.

Dio vuole ascoltare le preghiere che derivano dal profondo del nostro cuore. Quando facciamo questo, invitiamo Dio nella nostra vita e gli permettiamo di esplorare le nostre ferite più profonde. Egli è il “Medico Divino”, e può guarirci solo quando gli riveliamo il nostro cuore.

Accogliamo il consiglio di San Benedetto e concentriamo la nostra preghiera sull’autenticità e non sulle tante parole che contiene.

Tags:
consiglimonacipreghierasan benedetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni