Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

In difesa dei cristiani scontrosi

THOUGHT
Shutterstock
Condividi

Non tutti i cristiani sono gradevoli e simpatici. Ecco 3 cose da tenere a mente se gli scontrosi siete voi o qualcuno che amate...

Una volta è stato chiesto all’autore Evelyn Waugh come conciliava la sua fede cattolica con il suo caratteraccio e la sua personalità aggressiva. “Non avete idea di quanto sarei ancor più cattivo se non fossi cattolico”, rispose. “Senza l’aiuto soprannaturale sarei a malapena un essere umano”.

Questa affermazione richiama un principio importante, ovvero il fatto che non ogni cristiano è gentile, gradevole o particolarmente equilibrato. Nella Chiesa, però, c’è spazio per tutti, incluse le persone dal brutto carattere e poco socievoli, perché alcuni non sono semplicemente fatti per trovarsi bene con la maggior parte degli altri esseri umani, non avendo pazienza per quello che sembra loro un nonsenso. Non riescono a fingere facilmente interesse per le questioni altrui, e possono trovare estenuante il fatto di trovarsi per tutto il tempo tra altri esseri umani.

Alcuni di questi atteggiamenti possono essere aiutati con la pratica e un aumento delle virtù, che rende ogni uomo e ogni donna più gradevole e caritatevole, ma ci saranno sempre delle persone che non si trovano bene in compagnia, semplicemente perché non ci sono portate.

Queste persone si sentono spesso in imbarazzo: sanno che come cristiani dovrebbero amare il prossimo ed essere buoni con gli altri, ma possono pensare che la compagnia altrui sia emotivamente sfibrante e spesso irritante. Spesso potrebbero pensare di essere dei cattivi cristiani – spalleggiati, va detto, da quanti sembrano equiparare l’amore cristiano al fatto di “essere gentili”. E allora, se siete uno di questi “cattivi” cristiani o ne conoscete uno, ecco qualcosa da tenere a mente…

La cosa più importante è come ci si collega a Dio

Se siete il tipo di persona che sto descrivendo, molto probabilmente a un certo punto della vostra vita allontanerete o offenderete altre persone. Se non siete naturalmente popolari può essere difficile. Probabilmente sentirete che è colpa vostra e che il motivo è che siete fondamentalmente manchevoli.

Ricordate, però, che tutte le persone hanno dei difetti, e che Dio conosce le lotte che affrontate. Concentratevi sull’essere graditi a Lui, non agli altri. In questo modo, non solo avrete più possibilità di avere successo, ma probabilmente scoprirete che vi trovate anche meglio con le persone. La sincerità e la buona volontà sono qualità molto attraenti, anche quando affiancate all’irritabilità, e se le coltivate la gente le riconoscerà e le valorizzerà.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.