Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

4 casi di sacerdoti ingiustamente incarcerati per abusi sessuali che non hanno commesso

padre na mira

Francisco Vêneto - pubblicato il 29/03/19

Perché le rivelazioni di innocenza non trovano spazio nei titoli come le accuse calunniose?

Lo scandalo di sacerdoti, religiosi e suore della Chiesa cattolica responsabili di abusi morali, economici e sessuali è un fatto dolorosamente reale e verificato in decine di Paesi di tutti i continenti.

È un dovere di giustizia denunciare e punire con rigore ciascuno di questi crimini, da parte sia delle autorità civili che di quelle ecclesiastiche, ma non sempre le autorità ecclesiastiche coinvolte hanno avuto mano ferma per compiere questo dovere, e alcune di esse sono state coinvollte nello scandalo ulteriore della copertura degli abusatori.

I Papi Benedetto XVI e Francesco hanno promosso misure rigide di lotta a questi crimini e alla loro copertura da parte delle autorità complici, anche se si continuano a interporre scandali alle nuove misure di trasparenza, punizione dei criminali e indennizzazione delle vittime. Nonostante questi sabotaggi, le misure adottate dalla Chiesa sono state ferme ed efficaci.

Le misure della Chiesa cattolica per affrontare e risolvere il problema hanno avuto un rilievo positivo tra le tante altre istituzioni che con meno sensazionalismo mediatico vengono comunque accusate di crimini identici – giudici, politici, autorità di Polizia e dell’Esercito, figure del mondo dell’economia internazionale e del mondo dei media, stelle del cinema, della televisione e del mondo sportivo, oltre che di altre religioni e sette. I media, però, come anche l’ONU e la sua agenda ideologica, non sempre interessata alla verità dei fatti, preferiscono sottolineare e perfino amplificare i casi collegati ai chierici.

Oltre a sforzarsi di ampliare al massimo ogni accusa nei confronti della Chiesa, i media sembrano anche sforzarsi di sottolineare al minimo le notizie sull’innocenza dei sacerdoti calunniati e perfino incarcerati ingiustamente per crimini che non hanno commesso.

È quello che si constata nei quattro casi che riportiamo di seguito.

Caso 1: Spagna, 2017

Dopo due anni e mezzo di indagini, il procuratore Francisco Hernández ha ritirato le accuse di abusi sessuali presumibilmente commessi contro un minore da un sacerdote cattolico di Granada, nel sud della Spagna, considerando che “non ci sono testimoni né prove decisive”. Il presbitero accusato e oggetto di indagini per più di 30 mesi era Román Martínez.

Il procuratore ha sottolineato che le dichiarazioni del giovane denunciante erano contraddittorie, e che il suo comportamento includeva atteggiamenti incoerenti. Si attende una sentenza definitiva.

L’avvocato del ragazzo continua a chiedere 26 anni di carcere per il sacerdote. La Asociación Pro Derechos del Niño (PRODENI), che ha partecipato al processo dalla parte dell’accusa, continua a chiedere 5 anni di reclusione per il presbitero.

Il caso è diventato particolarmente mediatico dopo che il giovane aveva ricevuto una telefonata da Papa Francesco in risposta a una lettera in cui raccontava al Papa quello che diceva gli fosse successo. Il Pontefice gli ha detto di raccontare la sua versione dei fatti al vescovo della diocesi, monsignor Javier Martínez, per avviare le dovute indagini.

Caso 2: Stati Uniti, 2016

L’influente rivista statunitense Newsweek ha pubblicato un lungo reportage sulla serie di falsità dell’ex chierichetto Daniel Gallagher, diventato noto nel Paese come “Billy Doe”. Le menzogne del giovane hanno provocato l’ingiusta condanna di tre sacerdoti e un professore dell’arcidiocesi di Philadelphia, accusati di abusi sessuali nei suoi confronti.

newsweek falsidade
Newsweek - Twitter

Nel 2011, Daniel Gallagher, allora 22enne, ha affermato di essere stato violentato in varie occasioni dai sacerdoti Charles Engelhardt ed Edward Avery (quest’ultimo ha finito per abbandonare il ministero sacerdotale) e dal professore Bernard Sheroe quando frequentava la scuola della parrocchia di San Girolamo di Philadelphia. La sua testimonianza ha portato alla condanna dei tre presunti aggressori e anche del sacerdote William Lynn, ex vicario dell’arcidiocesi per le questioni legate al clero, considerato colpevole di copertura. È stato il primo caso nella storia in cui un amministratore cattolico è stato condannato per questo tipo di accusa.

Il processo si è esteso contro l’arcidiocesi di Philadelphia, condannata a pagare a “Billy Doe” un indennizzo di circa 5 milioni di dollari, pagamento effettuato nell’agosto 2015.

Il sacerdote Charles Engelhardt è morto in carcere nel novembre 2014, dopo una richiesta respinta di sottoporsi a un intervento cardiaco.

Fin dalle prime accuse lanciate da “Billy Doe” nel 2009, il giovane ha presentato almeno nove versioni diverse dei presunti abusi di cui sarebbe stato vittima. La sua storia, per quanto si sia dimostrata inconsistente, è bastata per attirare l’attenzione della giornalista Sabrina Rubin Erdely, della rivista Rolling Stone, che nel 2011 ha dato voce alle denunce del giovane in un lunghissimo articolo intitolato The Catholic Church’s Secret Sex-Crime Files (“Gli archivi segreti dei crimini sessuali della Chiesa cattolica”), testo che descriveva “Billy Doe” come un “bambino dolce e amabile”.

La stessa giornalista ha scritto in seguito del caso di “Jackie”, studentessa dell’Università della Virginia che dichiarava di essere stata violentata da 7 uomini durante una festa universitaria. Poco tempo dopo si è scoperto che la storia del 2014, per settimane nei titoli dei media statunitensi e mondiali, non era altro che una bugia di “Jackie”.

La rivista Rolling Stone ha dovuto ritrattare pubblicamente, e ora affronta un processo per diffamazione.

Tornando al caso dei sacerdoti accusati a seguito di menzogne simili, la congregazione religiosa di padre Engelhardt, gli Oblati di San Francesco di Sales, ha assunto lo psichiatra forense Stephen Mechanik per valutare “Billy Doe”. Nel rapporto di 40 pagine, diffuso dalla rivista Newsweek, lo psichiatra mostrava i risultati degli esami del MMPI-2 (Inventario di Personalità Multifase del Minnesota) applicati al giovane accusatore. Negli esami, “Billy Doe” ammetteva di aver mentito e di aver fornito “informazioni poco affidabili” sul caso.

Per dimostrare che il giovane “non è sempre stato onesto con chi gli ha offerto servizi medici”, lo psichiatra ha effettuato una minuziosa revisione dell’iter clinico di Daniel Gallagher, “Billy Doe”: addirittura 28 istituti tra cliniche di riabilitazione per uso di droghe, ospedali, medici e consulenti sanitari.

In una delle menzogne di Gallagher, raccontata nel 2007 e ripetuta nel 2011, diceva di essere “paramedico e surfista professionale” e sosteneva di aver dovuto abbandonare lo sport per via della dipendenza dalle droghe. Il ragazzo aveva anche affermato di soffrire di ernia del disco, ma il dottor Mechanik ha constatato che nessun referto medico indicava una diagnosi di questo tipo. Quanto alle accuse di abusi sessuali, secondo il perito il giovane aveva presentato “informazioni contraddittorie e poco affidabili” quando ai dettagli dei presunti attacchi, il che implicava che non fosse “possibile concludere con un ragionevole grado di certezza psichiatrica o psicologica che il signor Daniel Gallagher fosse stato abusato sessualmente”.

Il percorso di Gallagher include fatti verificati come il consumo e il traffico di eroina, oltre all’espulsione da due scuole secondarie e il passaggio per 23 centri di riabilitazione per uso di droghe nell’arco di 10 anni. È stato anche arrestato 6 volte per furto e traffico di droga, incluso un caso di possesso e tentativo di distribuzione di 56 pacchetti di eroina.

“Curiosamente”, nulla di tutto ciò sembra aver insospettito la Giustizia statunitense, che ha dato credito al giovane nonostante la mancanza di prove, e basandosi solo su accuse contraddittorie ha condannato ingiustamente al carcere i tre sacerdoti cattolici e il professore indicati come stupratori.

E non erano certo mancati i segnali di allarme: in una dichiarazione confidenziale ottenuta e divulgata da Newsweek, il detective Joseph Walsh è stato consultato, il 29 gennaio 2015, su nove contraddizioni importanti nella storia di Gallagher, e ha testimoniato che quando ha interrogato il ragazzo sulle contraddizioni Daniel ha adottato tre atteggiamenti: o rimaneva seduto senza dire nulla, o si limitava a sostenere che era drogato o raccontava un’altra storia diversa.

Newsweek affermava anche che c’era una serie di ragioni per credere che Daniel Gallagher mentisse in modo reiterato. La pubblicazione citava come esempio, oltre a quelli menzionati, dei registri scolastici di numerose denunce di lesioni fisiche e psichiche presumibilmente subite dal ragazzo – tutte smentite.

Tutto questo ha portato il Tribunale Superiore dello Stato della Pennsylvania ad annullare, il 22 dicembre 2015, per la seconda volta la condanna del sacerdote William Lynn e a ordinare un nuovo processo. Tre giudici hanno concluso che il magistrato di prima istanza, M. Teresa Sarmina, aveva ammesso come prove 21 accuse aggiuntive di accuso sessuale contro il sacerdote, ma queste risalivano al 1948, tre anni prima della nascita del presbitero.

Al funerale di padre Engelhardt, il superiore provinciale degli Oblati di San Francesco di Sales, padre James Greenfield, ha rivelato che alla vigilia del processo il sacerdote defunto aveva ricevuto la proposta di “negoziare un accordo per uscire di prigione e svolgere servizi comunitari”. Il presbitero aveva preferito rimanere in carcere “perché non intendeva spergiurare contro se stesso dichiarandosi colpevole di un crimine che semplicemente non aveva commesso”.

Caso 3: Colombia, 2015

Il sacerdote colombiano José Isaac Ramírez è stato rilasciato nell’ottobre 2015 dopo tre anni di prigione, a cui era stato ingiustamente condannato per via della falsa accusa di abuso sessuale nei confronti di un 14enne. Dopo la revisione delle presunte prove, il giudice ha concluso che queste non confermavano la colpa del presbitero.

caracol twitter
Caracol - Twitter

Padre Ramírez era stato incarcerato nel 2012, dopo che un giudice aveva accettato la sua richiesta di reclusione come “misura di sicurezza”. Le accuse erano di “atti sessuali abusivi contro il minore 14enne e sfruttamento sessuale del minore”.

L’avvocato del sacerdote, Elmer Montaña, ha affermato: “Fin dal primo momento, abbiamo presentato all’ufficio del Pubblico Ministero una serie di testimonianze che mostravano come il bambino fosse stato manipolato e indotto a rilasciare quelle dichiarazioni contro il sacerdote”. Durante il processo “sono state commesse serie irregolarità”, ha aggiunto l’avvocato, soprattutto nella denuncia presentata dal padre del minore. “Il padre era a conoscenza dei presunti atti che ha denunciato. Egli stesso ha raccontato nella sua dichiarazione che gli è stata fatta firmare una denuncia. Oltre a questo, la difesa ha provato che il ragazzino ha mentito per nascondere una situazione in cui era stata coinvolta la Chiesa”.

All’epoca della sua reclusione, padre Ramírez era parroco della chiesa di Maria Immacolata nella diocesi di Soacha, a Bogotà. In carcere ha dato la benedizione a vari reclusi e ha assistito in confessione varie autorità del presidio.

Caso 4: Messico, 2015

Il sacerdote Guillermo Gil era parroco della chiesa di Santa Rosa da Lima, nell’arcidiocesi messicana di San Luis Potosí, quando è stato incarcerato il 27 giugno 2014 per presunti abusi nei confronti di un minore. L’anno dopo è stato assolto per mancanza di prove.

“Non c’erano prove. Le persone che lo hanno accusato non si sono presentate neanche al processo canonico. L’unica cosa che si aspettava era la decisione del giudice in ambito civile per chiudere anche il processo canonico”, ha spiegato Marco Luna, avvocato dell’arcidiocesi, aggiungendo al riguardo dei denuncianti: “Un anno fa sono stati chiamati in tribunale sia per formalizzare il processo che per ricevere l’aiuto che avevano chiesto, ma la famiglia ha cambiato domicilio e non è stato possibile localizzarla. In modo extra-ufficiale abbiamo saputo che ha presentato una lettera al tribunale circa quindici giorni fa (all’epoca dell’intervista, nel 2015), dicendo che non voleva saperne più nulla”.

Rilasciato, padre Gil è stato accolto dai familiari e, con l’autorizzazione del vescovo, ha trascorso del tempo con la madre e le sorelle, traumatizzate per la sua ingiusta detenzione.

Marco Luna ha osservato che “sia nel caso del sacerdote Guillermo Gil che in quello del sacerdote José de Jesús Cruz, fin dall’inizio non c’erano certezze, non c’erano prove a sostegno delle accuse. Nonostante questo, sono stati arrestati e sono rimasti in quella situazione quasi un anno”.

Tags:
abusisacerdoti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni