Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le confessioni delle anime del Purgatorio a suor Josefa Menendez

Condividi

La serva di Dio spagnola annota nel suo diario i dialoghi con le anime purganti. “Sono in Purgatorio perchè infedele”. “Io ho disobbedito a Dio”

Josefa Menendez nacque a Madrid il 4 febbraio 1890 da una famiglia profondamente cristiana. A venti anni decise di entrare tra le religiose del Sacro Cuore, ma a causa di problemi economici dovette rimanere in famiglia. Il 5 febbraio 1920 entrò nel noviziato della Società del Sacro Cuore a Poitiers in Francia.

La sua storia fino alla sua morte nel dicembre 1923, così come l’ha percepita chi le viveva accanto, si scrive in poche parole: prende l’abito nel luglio 1920, fa la professione religiosa il 16 luglio 1922. vive 4 anni nel nascondimento dei lavori quotidiani: pulizie, cucito, sacristia…Il racconto del suo itinerario spirituale descrive l’azione di Dio e del suo amore in un cuore che è sempre più dato a lui. Molto presto e di frequente, il Signore si manifesta ad ella e l’associa alla sua Opera d’Amore. “Voglio servirmi di te per far conoscere sempre più agli uomini la misericordia e l’amore del mio Cuore…aiutami in quest’opera d’amore!”. Con Lui, dovrà lottare costantemente contro le forze del male. Testimone del suo amore infinito per il mondo, lo sarà anche della sua “passione”redentrice.1923: Josefa muore a Poitiers il 29 dicembre.

Leggi anche: L’impronta di fuoco del Purgatorio: il mistero di Suor Teresa Margherita Gesta

Dal suo Diario alla data del 27-31 luglio 1921 troviamo narrato un episodio relativo alle Anime del Purgatorio. Dice Maria SS. a Josefa: “Soffri per salvare una mia cara figlia…Gesù la voleva per Sé, ma non corrispose alla Divina chiamata, domani deve morire; che consolazione per mio cuore materno se non cadrà in inferno!”. Josefa pregò tutta la notte e il giorno dopo fu terrorizzata da rumori infernali. Colpita e spaventata si rifugiò presso la statua della madonna.

D’un tratto tutto si calmò, la Madonna sorridendo posò la mano sulla testa di Josefa: “Ha già reso conto della sua vita, poverina, quale lotta ha dovuto sostenere! Quando il demonio ha visto che quell’anima gli sfuggiva ha cercato di toglierle la pace e quanto l’ha fatta soffrire! Era furioso contro di te, perché mi aiutava a strappargliela. E’ morta molto pentita e la sua fine è stata serena, ora è in Purgatorio”. La notte seguente Josefa fu svegliata da gemiti e udì una voce – “Sono l’anima che la Madonna ti ha chiesto di salvare sono anni che soffro orribilmente, abbi compassione di me!” – “Sei in Purgatorio solo da un giorno e due notti – replicò Josefa – quale devozione alla Madonna hai serbato per ottenere la sua protezione?”. “Da quando mi sono abbandonata al peccato la mia unica devozione è stata di recitare ogni sabato una Salve Regina”. Tre giorni dopo quell’anima sale in Cielo grazie ai suoi suffragi e prima di salire va a ringraziare la sua benefattrice.

Leggi anche: La venerabile Lucia Mangano: spasmi e dolori, così liberavo le anime dal Purgatorio

E ancora il 10 aprile 1922 suor Josefa riferiva: “Da un anno e tre mesi sono in Purgatorio. Senza i tuoi piccoli atti dovrei starvi per lunghi anni ancora! Una persona del mondo ha meno responsabilità di una religiosa. Quante grazie riceve questa e quale responsabilità se non ne profitta! Quante anime religiose si rendono poco conto del come si espiano qui le loro colpe! La lingua orribilmente tormentata espia le mancanze al silenzio… la gola riarsa espia le colpe contro la carità… e l’angustia di questa prigione, le ripugnanze ad obbedire…e qui occorre espiare la più piccola immortificazione!… Frenare gli sguardi per non cadere alla curiosità può costare un grande sforzo, ma qui… quale tormento soffrono gli occhi impediti di vedere Dio!”.

Nel suo Diario annotò al 13 aprile 1923 che un’anima del Purgatorio le aveva chiesto qualche settimana prima dei suffragi per essere liberata dalle pene. Riapparsale, le disse. “Vengo in nome di Colui che è la Beatitudine Eterna, l’Unico oggetto del nostro amore per animarti a proseguire nella sofferenza, il sentiero che la Sua bontà ti faccia per il bene tuo e di molte altre anime. Un giorno tu contemplerai le meraviglie di amore che Egli riserva alle anime da Lui più amate. Allora comprenderai i frutti della sofferenza e gusterai una felicità tale che l’anima non potrebbe sostenere quaggiù. Coraggio! Ritroverai presto la pace, l’opera redentrice non si realizza che a forza di soffrire ma la sofferenza purifica e fortifica l’anima arricchendola di meriti agli occhi di Dio”.

Leggi anche: I duri digiuni di Santa Lutgarda di Tongres per liberare le anime dal Purgatorio

Molte anime venivano da ella per chiederle di intercedere per loro per essere liberate quanto prima. Alcuni dialoghi con le anime vennero annotati: “Sono qui per l’infinita bontà di Dio, perché un orgoglio eccessivo mio aveva portata sull’orlo dell’inferno, tenevo sotto i piedi molte persone: ora mi precipiterei ai piedi dell’ultimo dei poveri! Abbi compassione di me, fa’ degli atti d’umiltà per riparare il mio orgoglio. Così potrai liberarmi da questo abisso”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.