Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Charbel
home iconStorie
line break icon

Jesús, il bambino “miracolo” trovato in una discarica e che sorprende l’Ecuador

ECUADOR

Twitter-@PoliciaEcuador

Pablo Cesio - pubblicato il 28/03/19

È stato abbandonato e la sua storia commuove, interpella e dona anche speranza

“Quando l’ho messo nella maglietta ha iniziato a muovere la bocca, ma non piangeva. Era in mezzo al fango, era grande e si vedeva che era sano”.

Così ha riferito la sua esperienza a El Universo César Cagua, un lavoratore che effettuava insieme ad altri compagni dei compiti di pulizia nella Vía Perimetral di Guayaquil (Ecuador).

La vita non sarà più la stessa per César dopo quello che è accaduto e come è accaduto, cosa che ha definito come un “segno divino”.

Mentre lavorava raccogliendo con la pala la spazzatura in alcuni sacchi, infatti, all’improvviso ha deciso di mettere da parte gli utensili e lavorare a mano. Ed ecco la sorpresa – il primo “miracolo” -, vedendo che in mezzo ai rifiuti c’era un bambino nudo, all’inizio immobile e ancora con il cordone ombelicale attaccato.

Dopo un momento di sconcerto, visto anche il fatto che il bambino era coperto dal fango, César ha iniziato a parlare con il collega di come agire. Si sono resi conto che erano soli e che i cellulari non prendevano. E poi il secondo “miracolo”, un taxi apparso sulla strada e attraverso il quale è stato chiamato il numero di emergenza della Polizia. Poi il terzo “miracolo”, il trasferimento in un centro ospedaliero.

ECUADOR
Twitter-@PoliciaEcuador

L’accaduto ha ovviamente suscitato sorpresa e commozione. Si spera che il bambino possa trovare presto una casa, e intanto si indaga per scoprire chi sia la madre.

Questa storia dà però anche segni di speranza. Da un lato, grazie a questi lavoratori, alla Polizia e al personale ospedaliero il bambino è ormai fuori pericolo, dall’altro c’è il nome che le infermiere hanno deciso di dare al piccolo: Jesús.

La vita è un miracolo!

Tags:
abbandonobambiniecuador
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni