Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Jesús, il bambino “miracolo” trovato in una discarica e che sorprende l’Ecuador

ECUADOR
Condividi

È stato abbandonato e la sua storia commuove, interpella e dona anche speranza

“Quando l’ho messo nella maglietta ha iniziato a muovere la bocca, ma non piangeva. Era in mezzo al fango, era grande e si vedeva che era sano”.

Così ha riferito la sua esperienza a El Universo César Cagua, un lavoratore che effettuava insieme ad altri compagni dei compiti di pulizia nella Vía Perimetral di Guayaquil (Ecuador).

La vita non sarà più la stessa per César dopo quello che è accaduto e come è accaduto, cosa che ha definito come un “segno divino”.

Mentre lavorava raccogliendo con la pala la spazzatura in alcuni sacchi, infatti, all’improvviso ha deciso di mettere da parte gli utensili e lavorare a mano. Ed ecco la sorpresa – il primo “miracolo” -, vedendo che in mezzo ai rifiuti c’era un bambino nudo, all’inizio immobile e ancora con il cordone ombelicale attaccato.

Dopo un momento di sconcerto, visto anche il fatto che il bambino era coperto dal fango, César ha iniziato a parlare con il collega di come agire. Si sono resi conto che erano soli e che i cellulari non prendevano. E poi il secondo “miracolo”, un taxi apparso sulla strada e attraverso il quale è stato chiamato il numero di emergenza della Polizia. Poi il terzo “miracolo”, il trasferimento in un centro ospedaliero.

ECUADOR
Twitter-@PoliciaEcuador

L’accaduto ha ovviamente suscitato sorpresa e commozione. Si spera che il bambino possa trovare presto una casa, e intanto si indaga per scoprire chi sia la madre.

Questa storia dà però anche segni di speranza. Da un lato, grazie a questi lavoratori, alla Polizia e al personale ospedaliero il bambino è ormai fuori pericolo, dall’altro c’è il nome che le infermiere hanno deciso di dare al piccolo: Jesús.

La vita è un miracolo!

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni