Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 motivi che portano i cattolici ad abbandonare la Chiesa

Shutterstock
Condividi

Nella maggioranza dei casi, l'ex cattolico è qualcuno che è stato “vaccinato” contro il messaggio autentico di Gesù Cristo

“Allora…”, ho iniziato un po’ nervoso. Era la nostra prima vera conversazione sulla fede: “C’è qualche libro specifico della Bibbia di cui vorresti sapere di più?”

Lui ha esitato un po’, e poi ha risposto pensoso: “Vorrei che mi raccontassi tutto del cristianesimo. Com’è iniziato? Cosa significa al giorno d’oggi?”

Non riuscivo a credere alle mie orecchie. Non mi avevano mai fatto domande di quel tipo. Siamo rimasti un’ora a ripercorrere la storia della salvezza, da Adamo ed Eva agli Atti degli Apostoli, terminando con un intenso dibattito sulla Messa. È stato davvero impressionante.

Avevo conosciuto Ling, uno studente di Pechino, durante un evento presso il Newman Center qualche settimana prima. Arrivato da poco negli Stati Uniti e con vari amici cristiani, Ling aveva molte domande su quella strana persona chiamata Gesù, di cui fino a quel momento aveva sentito solo dicerie.

Perché sto raccontando questa storia? Perché in Ling c’era qualcosa di diverso. Era ricettivo. Poneva domande sincere, umili, curiose. Voleva sapere di più. Dopo aver parlato con lui per vari mesi, ho avuto un flash: Ling era stato risparmiato da un fenomeno che quando eravamo giovani ha influito su quasi tutti noi che siamo cresciuti nella società post-cristiana: non era stato vaccinato contro il cristianesimo.

Sapete come funziona l’inoculazione. Una versione indebolita di una malattia viene iniettata nel sangue; il sistema immunitario, percependo l’intruso, dà l’allarme e inizia a produrre anticorpi che attaccano gli invasori, distruggendoli.

Dopo di questo, ogni volta che la versione reale della malattia cerca di entrare nel nostro corpo il nostro sistema immunitario reagisce e la uccide. L’inoculazione è un ottimo modo per allenare il proprio corpo a riconoscere e combattere le malattie che ha già visto in precedenza. Non sono un microbiologo, ma penso che abbiate colto il concetto.

È chiaro che vaccinarsi per prevenire malattie come la varicella e l’epatite B è ottimo, ma cosa accade quando ci vacciniamo contro una visione del mondo? Contro un sistema di convinzioni? Cosa accade quando in un’epoca piena di macerie di una cultura cristiana una volta robusta e solida diventiamo immuni e incapaci di accogliere il messaggio vero, autentico e salvatore di Gesù Cristo?

Cosa accade quando il cristianesimo si riduce a “una malattia già vista in precedenza”?

*

Un vaccino contro la Verità

Fulton Sheen aveva ragione su una serie di cose, tra cui la seguente:

“Non ci sono neanche cento persone negli Stati Uniti che odiano la Chiesa cattolica, ma ce ne sono milioni di odiano quello che pensano che sia la Chiesa cattolica”.

Sheen aveva capito la tragedia della nostra inoculazione. Molta gente odia o abbandona la Chiesa perché è stata portata a credere in un falso Vangelo.

Sottolineerò tre delle “falsificazioni” del cristianesimo più insidiose, tre bugie che, mascherate da verità, portano le persone a respingere il cristianesimo in modo totale. Dobbiamo porvi fine.

3 motivi che portano i cattolici ad abbandonare la Chiesa

1 – “Immaginavo Dio come un vecchio con una lunga barba bianca, seduto su una nuvola in cielo. Ora mi rendo conto di quanto sia ridicolo. Il cristianesimo è semplicemente una fantasia”.

Non so dirvi quante volte ho sentito degli ex cattolici fare commenti di questo tipo. Immagini da cartone animato di un Dio barbuto o di angeli con le ali sono state inserite nel nostro subconscio. Perfino Michelangelo ha dipinto Dio in questo modo nella sua famosa Creazione.

Dobbiamo ricordare, però, che le immagini di esseri immateriali non sono mai state realizzate per essere interpretate in modo letterale. Sono solo simboli che vogliono illustrare verità metafisiche astratte che l’immaginazione da sola non riesce a comprendere. La rappresentazione di Dio da parte di Michelangelo non era una descrizione letterale, ma un “commento visivo” della saggezza, dell’atemporalità e dell’eternità di Dio.

Siamo umani e amiamo le immagini, ma perfino le immagini sacre possono vaccinarci contro la verità, se non stiamo attenti. Non possiamo permettere che un’immagine fisica sostituisca una realtà spirituale o che l’immagine sconfigga l’intelligenza nel compito di discernere ciò che è vero.

“Non c’è nulla da fare con l’intelletto finché l’immaginazione non viene messa fermamente al suo posto”. (Frank Sheed).

2 – “Il punto centrale del cristianesimo è fare il bene ed essere una brava persona. Posso farlo senza religione”.

Quando chiedo alle persone quale pensano che sia il messaggio centrale del cristianesimo, la risposta più comune è questa: “Essere una brava persona”.

Se questo fosse il vero messaggio del cristianesimo, non incolperei le persone per il fatto di abbadonarlo.

Chi seguirebbe tutte quelle regole, manterrebbe tutte quelle posizioni politiche impopolari e trascorrerebbe tutte quelle ore seduto, in ginocchio o in piedi quando potrebbe benissimo abbandonare tutti questi aspetti della religione ed essere comunque una “brava persona”?

Gesù Cristo non è stato solo una brava persona. È il Figlio di Dio fatto uomo, ed è morto perché potessimo vivere in un eterno rapporto d’amore con Dio. Sta a noi rispondere a questo invito impegnando la nostra vita con Lui.

“Lasciate che la religione sia meno teoria e più una storia d’amore” (G. K. Chesterton).

3 – “Molti individui nella Chiesa hanno commesso un’enormità di errori e preso moltissime decisioni sbagliate. Questa Chiesa è piena di peccatori, e io non voglio farne parte”.

Bisogna avere sempre molta sensibilità nei confronti di chi è stato ferito da individui che fanno parte della Chiesa. Hanno ragione: la Chiesa è piena di peccatori e lo è sempre stata, fin dai tradimenti di Pietro e di Giuda.

Allo stesso tempo, però, è anche la Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica fondata da Gesù Cristo e guidata dallo Spirito Santo. Abbandonare la Chiesa perché è piena di peccatori è come abbandonare la palestra perché è piena di persone fuori forma. Dobbiamo promuovere la riforma della nostra Chiesa, ma dall’interno!

“La Chiesa non è un museo di santi, ma un ospedale di peccatori” (Abigail Van Buren).

Il rimedio: riscoprire il mistero

Ho citato tre delle bugie più grandi sul cristianesimo, che infiltratesi nel nostro subconscio possono impedirci di arrivare un giorno a comprendere davvero l’autentico messaggio del Vangelo.

Fortunatamente ci sono vari modi di combattere la sindrome del “L’ho già visto prima”. Se conoscete qualcuno che è caduto in questa trappola, provate alcune di queste tecniche di “devaccinazione”:

  1. Sfatate i miti. Aiutate le persone a capire che la nostra cultura le ha vaccinate con falsi Vangeli.
  2. Proponete le Scritture. Non fate invecchiare la fede. Insegnate alle persone a sperimentare nuovamente i miracoli dell’incarnazione e della resurrezione, con gli occhi dei primi cristiani.
  3. Siate come Ling. Sfidate le persone ad avvicinarsi a nostro Signore con onestà, umiltà e cuore aperto. Se faremo questo, il Dio che fa nuove tutte le cose ci trasformerà in un modo che non avremmo mai immaginato fosse possibile!

Ho menzionato solo alcuni dei falsi Vangeli che vedo in giro. Conoscete altre cose che impediscono alle persone di accogliere il vero messaggio vivificante di Gesù Cristo?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.