Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Affetto da autismo e vittima di bullismo, 15enne tenta il suicidio a scuola

BOY, SCHOOL, WINDOW
Lolostock | Shutterstock
Condividi

Salvato in extremis dall’insegnante di sostegno mentre si gettava dalla finestra, era vessato dai compagni con insulti e anche tentativi di molestie sessuali.

L’epilogo ha sfiorato la tragedia lo scorso venerdì: un 15enne, la cui identità non è stata resa nota, ha tentato il suicidio lanciandosi dalla finestra della sua classe, in un istituto superiore di Montoro, provincia di Avellino. A salvare il ragazzo è intervenuto l’insegnante di sostegno, che con un gesto efficace e repentino ha trattenuto lo studente.

Insulti, scherzi, molestie

L’episodio sembra essere l’ultimo tassello di un protratto caso di bullismo: la vittima soffre di un disturbo dello spettro autistico e la madre aveva già riferito ai referenti scolastici che la situazione era diventata insostenibile.

Leggi anche: I desideri di un bimbo autistico affidati al vento … e una Santa Lucia ciociara risponde

Si parla non solo di aggressioni verbali e scherzi, ma anche di ripetuti tentativi di molestie sessuali. Le forze dell’ordine verificheranno la puntualità di queste accuse; una denuncia ai Carabinieri è stata infatti depositata dalla madre del ragazzo. La scuola è intervenuta cambiando sede alla classe in questione, spostandola a piano terra, ma non ha accolto la richiesta di cambiare sezione alla vittima di questa brutta storia.

Un consiglio d’istituto straordinario è stato indetto per i primi di aprile, mentre il provveditore agli studi della provincia di Avellino, Rosa Grano ha rilasciato questa dichiarazione:

È un episodio molto grave, l’istituto ha già avviato una indagine interna per verificare quello che è accaduto e prendere i necessari provvedimenti. Il due aprile ci sarà un primo incontro. La vicenda è comunque isolata, non registro altri fatti del genere nelle scuole della provincia. Sarebbero diversi i ragazzi coinvolti, non so ancora quanti. (da TheWam)

Leggi anche: Haley Moss è il primo avvocato della Florida con diagnosi di autismo certificata

Anche queste scarne informazioni sull’accaduto – doveroso è proteggere il protagonista di questa sconcertante vicenda – sono sufficienti a restituire l’amaro quadro della situazione. “Scuola e disabilità” è un contenitore di voci accavallate, sconfortanti e rincuoranti: esempi virtuosi di accoglienza che volano come mosche bianche sullo sfondo scuro di tante realtà ancora segnate da pregiudizi e inerzia.

Shutterstock

Chi tenta di forzare il muro di gomma della burocrazia o semplicemente di uno status quo sedimentato e accolto senza criticità, sono sempre i singoli. Di recente, a Livorno la voce di un ragazzo si è alzata con fermezza per difendere il fratello autistico; e pare essere una voce che dialoga quasi apertamente coi protagonisti di quest’ultimo episodio che giunge da Avellino.

Da Avellino a Livorno

Vedo ragazzi che se ne fregano in continuazione dei suoi sentimenti, e soprattutto vedo in lui una grande solitudine …Una desolazione tale che a volte lo spinge a venire da me a chiedermi se lui lo amerà mai qualcuno …..capite? (da Repubblica)

Descrive così la dura quotidianità del proprio fratello autistico il ragazzo di Livorno che lo scorso 8 marzo ha pubblicato un lungo post su Facebook per denunciare la sofferenza che grava sulle spalle di tutta la sua famiglia.

Leggi anche: Elio parla di suo figlio: l’autismo è una disabilità complessa, aiutiamo le famiglie (VIDEO)

E potrebbe benissimo essere la voce di altre anime sparse nel nostro paese, e altrove. Conosciamo altrettanto bene la trama di questi post lanciati sul web che diventano virali e ci mettono a tu per tu con un paradosso della comunicazione attuale: tanta virtuale compassione, e altrettanto odio seminato dalla tastiera; mettiamo un cuoricino leggendo una confessione su Facebook, non ci accorgiamo delle ferite che indossano i nostri vicini.

Il post del ragazzo di Livorno si è meritato un forte clamore mediatico, chissà quanti appelli reali inascoltati ha dovuto lanciare la sua famiglia se questo è il quadro che gli occhi di un giovane figlio dipingono:

E mentre loro sono a ridere per aver deriso un bambino autistico indifeso e averla fatta franca, mamma piange a letto di nascosto come fa da quando ero piccolo credendo che non mi accorga di niente , disperata . ..Babbo come al solito si ammutolisce in un silenzio assordante da cui sgorga rabbia e malinconia. E io sono qui. Ad abbracciare mio fratello e a rassicurarlo che qualunque cosa accada io sarò qui sempre! (Ibid)

Leggi anche: Brodie è autistico e non ha nessuna per il ballo di fine anno. Fino a che 5 ragazze…Ci fai da cavaliere?

Anche alla famiglia di Avellino è mancato un abbraccio autentico, se, a quanto emerge dalle informazioni diffuse, la madre del ragazzo che ha tentato il suicidio aveva già ripetutamente chiesto alla scuola di intervenire a fronte delle vessazioni continue subite dal figlio. Già. Chi deve intervenire? Non si può confidare solo nel gesto repentino di un’angelica presenza attenta che salva un disperato a un passo dal salto nel vuoto. E comunque, benedetta sia la mano di quell’insegnante che ha afferrato e trattenuto la preda preziosa.

Autismo e bullismo

Una pessima rima. Eppure i temi di autismo e bullismo sono così legati da avere alle loro spalle già una folta letteratura.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.