Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
For Her

Sono mamma di 4 figli, uno disabile gravissimo. Quale speranza ci sostiene?

LODOVICO E MAMMA

Paola Belletti

Paola Belletti - pubblicato il 25/03/19

Alcuni appunti per raccontare la nostra esperienza familiare, piena di gioie, ma provata anche dalla malattia e dalla disabilità. E' nato così questo post, per l'esigenza di fissare i cardini a cui si regge di fatto la nostra vita, soprattutto nei momenti in cui il vento soffia forte e rischierebbe di abbatterla.

Il fatto vero, centrale di tutto, di tutta la nostra vicenda umana di sposi e genitori è questo: mai ci siamo ritenuti titolari di un potere che, quand’anche fosse esercitato, non è fondato in nessun diritto, non poggia su nessuna roccia di giustizia né di ragione. Mai abbiamo accettato il costume che pure la legge ha rinforzato diffuso e peggiorato: resti incinta? Uno: la cosa riguarda solo te, donna. Due: sei sempre davanti a due opzioni. Tengo? Butto?

No. Non ho mai accettato né assunto come forma mentis questa impostazione. Che pure la legge 194 ha grandemente contribuito a diffondere, consolidare e incistare nella mente di tutti. Infatti, per noi cristiani, il vero sforzo è di “non conformarsi alla mentalità di questo mondo”, di restare attaccati ad un’altra mentalità.


JIM CAVIEZEL

Leggi anche:
Jim Caviezel: “Il mondo ha bisogno di guerrieri come San Paolo”

E vivendo una gravidanza particolare (quella del quarto figlio, l’ultimo nato. Abbiamo rilevato problemi cerebrali alla 22ma settimana) quel tipo di sguardo, si è fatto sentire in modo davvero intenso. Ma anche con le altre figlie qualcosa era già successo; pur essendo gravidanze normali ed avendo i bimbi uno sviluppo nella norma, lo sguardo del medico che si poneva come “tecnico di un processo” che va a volte quasi sottratto alla mamma, non esperta, e che va valutato nella sua “correttezza di produzione”, si faceva sentire.

Non sempre, non da tutti, naturalmente: ma ogni tanto c’erano segnali sospetti. Per un piede torto mi è stata ventilata la possibilità di abortire. E con i problemi di Ludo (Ludovico, il 4 figlio nato con una malattia genetica che ha causato cecità, cerebropatia epilettica e arresto di sviluppo psichico, motorio, cognitivo), che poi non sono stati chiari se non dopo la nascita, ho dovuto cambiare ginecologa perché non si fidava della mia intenzione, dichiarata, esplicita e ferma di non abortire in nessun caso. E so di non essere affatto l’unica ad avere vissuto simili esperienze.


HANNAH, SUDLOW

Leggi anche:
Facile programmare un aborto, molto meno aiutare una mamma a partorire una figlia malata

“No! dopo lei magari cambia idea…”, mi disse. Ecco. Mi tengo la mia idea, mio figlio e sa che faccio? Cambio ginecologa.

Proprio questa mentalità è la punta dell’iceberg di una rivoluzione dalla violenza prepotente e vigliacca. Io, che sono già formato e sono forte, posso decidere chi può nascere e quindi vivere e chi no.

Madre Teresa disse infatti che l’aborto è la più grande minaccia alla pace.  Diversi anni fa, da ragazza sprovveduta e superba qual ero, prendevo questa affermazione come l’espressione colorita di una visionaria, un’iperbole di una sentimentale, maniaca religiosa magari… invece è esattamente così: se la madre può uccidere il figlio che ha nel ventre, cosa impedisce a me di uccidere te? Niente, se non la forza. La legge del più forte. Si torna a quella barbarie e con il sigillo dello Stato.

Le donne, spesso, spessissimo sono le vittime consenzienti di un’atrocità preferita come scorciatoia (anche) da altri. Oppure sono le regine del ghiaccio col quale circondano il proprio cuore e quello del maschio che non può più dire niente. Via. Non conti niente, me la vedo io. O le destinatarie di un egoismo e un disimpegno facilmente preferito al rischio e alla responsabilità che gli adulti veri si assumono. Sono fatti tuoi, veditela tu, liberatene.


MANIFESTANTI PRO ABORTO

Leggi anche:
La marcia globale pro aborto continua. Un virus pandemico che non si vuole debellare

Povere donne convinte che sia sempre un’opzione disponibile! Che quando si è disperate, angosciate, povere, minacciate e lasciate sole è lì a tentarti, ad invitarti.

L’esperienza anche germinale di essere madri non è rimovibile. Per questo credo che l’aborto sia una tragedia. Ma credo anche che, se confessato e perdonato, sia un’occasione di bene immensa. I piccoli martiri muti diventano la placenta che nutre nuovi santi.

Però, nel frattempo, nella società si calcifica questo muro storto che vuole rifondare una città senza Dio, il Dio di tutte le vite, e senza l’uomo, maschio e femmina. E’ l’uomo che si unisce alla donna e, per una cosa così piccola eppure misteriosa, immensa e bella, vede crescere e fiorire un altro uomo, in nulla inferiore a sè.

Riguardo a noi, alla nostra vicenda familiare posso dire questo: che per grazia, per educazione, per storia, per decisione del cuore né io né mio marito abbiamo mai pensato di avere un diritto da esercitare sui nostri figli e contro di loro, contro l’attributo più importante che è la loro esistenza.

Abbiamo sempre saputo che avremmo dato loro fattezze, tratti, inclinazioni forse talenti, ma non l’anima né quello che del tutto li separa e li differenzia da noi e li mette sul nostro stesso piano di regalità. Sono persone. E per questo del tutto indisponibili se non a loro stesse- e possono dolorosamente anche decidere per il male (io prego che almeno ripartano sempre, tornino indietro, continuino a dire che si sono sbagliati anche mille volte e tornino a Dio) e al loro Creatore che per primo si autolimita davanti alla loro libertà. Per questo sentiamo di avere una responsabilità enorme che è quella di custodirli, difenderli, educarli e consegnarli a Dio. Almeno fare di tutto e sperare, pregare perché imbocchino la strada che porta a Lui.

Io, invecchiando e forse maturando, ho scoperto di avere un solo e unico problema vero da risolvere nella vita. Vivere in modo da non distogliere la misericordia di Dio da me e non rifiutarla perché voglio andare in Paradiso. Unico problema vero: vivere bene, per morire bene e andare in Cielo. E non è una favola.


PADRE FIGLIO PINOCCHIO

Leggi anche:
Le 5 cose giuste che stai già facendo per tuo figlio

Basta un nanosecondo di distrazione dal continuo intrattenimento (quasi un “trattenimento”) al quale siamo invitati da tutte le parti per ricordarci che siamo stati buttati nell’essere, nella vita e che vogliamo essere felici, per sempre.

E questo voglio per tutti i miei figli. Allora, se riesco a spaccare la crosta che si indurisce intorno al mio cuore, lo desidero anche per gli altri. Allargo per progressiva inclusione questo amore di viscere a tutti. Facendo a pugni con le mie miserie, le mie meschinità, la cattiveria, gli egoismi.

Ludovico, come tutte le sue sorelle che sono qua  e i due che sono andati in Cielo prima di nascere, non ha niente di particolare. Non c’è molto da dire. È un figlio di Dio. Che abbia o non abbia certe cose. Che debba prendere medicine già da due anni e mezzo (ora quasi sei NdR) e che non sappia stare seduto non incide di un millimetro l’armatura della quale è rivestito.

La Gloria di Colui che tutto move
per l’universo penetra, e risplende in una parte più e meno altrove. (Par. Canto I, 1-3)
  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
abortodifesa della vita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni