Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa ti fa soffrire oggi? “Non temere”: è pronta per te la gioia di Maria!

GIRL,WORRY
Condividi

Nella Chiesa nostra Madre risuona oggi come quel giorno l'annuncio dell'angelo. Basta ascoltare e dire con Maria il nostro amen che consegni a Cristo ogni centimetro della nostra carne perché ne faccia il tempio della sua gloria.

Guardiamoci dentro, che cosa oggi ci turba e ci schiaccia? Che cosa ci spinge a peccare per non soffrire? “Non temere!”, proprio nel fondo dell’incapacità di assumere la nostra storia, plana oggi l’annuncio dell’angelo per deporvi il seme dell’impossibile già reso possibile: l’obbedienza alla volontà di Dio, restando nascosti nelle piaghe di Gesù incarnate nei dolori e nei tradimenti, nei fallimenti e nelle frustrazioni, nelle umiliazioni e nell’irrilevanza. “Non temere!”, perché il turbamento che ci prende di fronte alla sproporzione tra quanto ci è annunciato e la povera realtà della nostra vita, è destinato a divenire gioia purissima. È pronta per noi la gioia di Maria, madre della gioia del Messia risorto dalla morte, che ha distrutto il peccato e il suo regno di dolore.

La gioia dell’obbedienza, che il mondo non conosce, la gioia della libertà di amare sino a donarsi totalmente, perché “nulla è impossibile a Dio”: neanche perdonare il marito che ha tradito e il parente che ci ha calunniato; neanche giustificare con misericordia chi ci ha fatto la più terribile delle ingiustizie. “Nulla” ci deve spaventare: nella Chiesa nostra Madre risuona oggi come quel giorno l’annuncio dell’angelo. Basta ascoltare e dire con Maria il nostro amen che consegni a Cristo ogni centimetro della nostra carne perché ne faccia il tempio della sua gloria.

Oggi Nazaret è la tua casa, il tuo matrimonio e la tua stanza d’ospedale, perché tutto di te è avvolto e impregnato dello Spirito Santo che compie in ogni istante e in ogni luogo il Mistero Pasquale di Cristo. “Non temere!”, perché da oggi la Croce non fa più paura, la carne vittoriosa di Cristo l’ha trasformata in una porta dischiusa sul Paradiso. La novità dell’Incarnazione si rivela in un Popolo che cammina nel deserto della storia senza morire, il Corpo di Cristo che sale sulla Croce dalla quale tutti fuggono scandalizzati. Per questo, la nostra missione inizia ogni giorno appoggiati nella fede di Maria, per divenire con Lei “servi del Signore” nei quali “si compie l’incarnazione della Parola di Dio”, annunciando a tutti che la sua volontà è amore e misericordia, sempre.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA DON ANTONELLO IAPICCA

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni