Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

10 curiosità sulla basilica di Sant’Antonio da Padova

PADOVA
Shutterstock-Vereshchagin Dmitry
Condividi

È considerata una delle più grandi opere d'arte al mondo

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La basilica di Sant’Antonio da Padova è considerata dalla Santa Sede un santuario internazionale, e ogni anno milioni di pellegrini vi si recano a salutare l’amatissimo santo compagno di San Francesco d’Assisi.

Se non avete l’opportunità di visitare questa grandiosa basilica, vi invitiamo a scoprirla insieme a noi con questo piccolo percorso storico-artistico in dieci curiosità.

1. Non si conosce l’architetto che ha progettato la basilica. Probabilmente è stato un francescano dotato di grande genio e una vasta cultura figurativa. La costruzione è iniziata nel 1232, un anno dopo la morte del santo.

2. L’edificio mostra una forte influenza della basilica di San Marco di Venezia, con strutture massicce e imponenti in stile romanico, mentre la parte dell’abside e delle nove cappelle dell’interno è di stile gotico, e le otto cupole e il campanile di stile orientale.

3. I padovani chiamano con affetto la basilica semplicemente “il santo”. I Frati Minori Conventuali si occupano della chiesa fin dall’inizio, offrendo ospitalità a tutti quei pellegrini che vi si recano spinti dalla devozione, circa 6,5 milioni all’anno.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.