Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Al di là delle religioni (ateismo incluso), abbiamo il coraggio di condannare la pedofilia?

WYKORZYSTYWANIE DZIECI
Shutterstock
Condividi

Chi abusa, maltratta, schiavizza, trascura, traffica, sfrutta, manipola, dei bambini può definirsi cristiano e, ancor di più, cattolico? Può esprimere nella vita, personale e familiare, aggregativa e singola, di appartenere all’Islam, Induismo, Buddhismo, Sikhismo, Ebraismo, Bahaismo, Confucianesimo, Giainismo, Shintoismo? Solo per citare alcune religioni, diciamo le più note. Lungo sarebbe l’elenco se inserissi le religioni o credenze tradizionali (ad esempio il Taoismo, Caodaismo etc.). I numeri sembrano combaciare con tutta la popolazione terrestre: ogni uomo, donna bambino, aderisce – più o meno consapevolmente – ad una fede.

E gli atei? Si stimano in più di 1 miliardo.

Un altro fenomeno è quello delle religioni nuovissime: ogni anno in giro per il mondo spuntano nuove religioni come funghi, nel rispetto dell’individuo e delle persone in nome della libertà di pensiero e di religione.

Ognuno può farsi una religione, un credo, una fede, anche nel web: ad esempio, il Culto della Singolarità (dell’individuo): già si contano centinaia di milioni di adepti. Il transumanesimo delle nuove religioni. In questo senso il libro Graziano Graziani (2018) Catalogo delle religioni nuovissime ne ha catalogate e raccontate quarantadue tra le più sorprendenti: si va dalle religioni parodistico-paradossali come il Pastafarianesimo, i cui adepti adorano un essere superiore (il «Prodigioso Spaghetto Volante») alla Chiesa del Giovedì Scorso, che sostiene, con irreprensibile argomentazione logica, che Dio ha creato il mondo giovedì scorso; dalle religioni pop (il Googleismo, l’Iglesia Maradoniana) a quelle di natura artistica (la Chiesa di John Coltrane), o contestatrice (il Kopimismo, la Chiesa dell’Eutanasia). Ma anche le religioni più serie, come quelle generate dalla scienza (la Religione della Scienza o il Cosmismo) e dalla politica (il Culto di Putin), sono parodie; e forse nel mondo secolarizzato finiscono per esserlo anche quelle tradizionali. Oltre a contenere storie buffe e curiose, questo catalogo ci porta a riflettere sul persistere del fenomeno religioso nel mondo dominato da scienza e tecnica, nonché sulle questioni di diritto che la pluralità religiosa pone a uno Stato laico (cfr. presentazione al libro).

Fin qui tutto bene. Ma c’è un altro fatto: persino i pedofili hanno una loro fede, a loro dire cristiana. Parlo dei christian boy lover = amanti cristiani dei bambini, una realtà esistente dal 1998. Per loro Gesù mostra a tutti il Suo amore (ed è vero!, aggiungo). Ma questi signori scrivono: “Questo forum esiste principalmente per i cristiani che sono sessualmente attratti dai ragazzi. Crediamo che una tale relazione sessuale sia peccaminosa. Tuttavia, come per ogni peccato, essere tentati non è di per sé un peccato. E se cadiamo, non è al di là del perdono se cerchiamo la grazia di Dio. Anche i cristiani che non sono attratti dai minori sono invitati a partecipare alla CBLF finché sono solidali nelle nostre lotte”.

È meraviglioso quest’universo, spesso confuso e variegato mosaico, così variegato da far nascere una domanda: il bambino è tutelato, difeso, amato, accudito, protetto, sostenuto? Fin dal concepimento? E dopo il concepimento, quale realtà troverà? Come sarà accolto, accudito, educato?

Che cosa deve unirci e non dividere? Neanche i bambini ci uniscono. E forse dovremmo partire proprio da loro. Ma non è così.

E qui la sfida. Enorme e impegnativa. Così impegnativa che forse, anziché fare distinguo tra ciò che dovrebbe essere discusso come cattolico, cristiano e che cosa non lo sia, dovremmo partire dalla domanda fondamentale, e cioè: siamo tutti d’accordo che la pedofilia e la pedopornografia siano un crimine? Solo da qui potremo cominciare una seria lotta coordinata a livello globale contro l’abuso. Senza polemiche e sfottò nei confronti di chi non necessariamente può pensarla come il mainstream del politicamente corretto attuale.

Una nota è a quel sottile, manipolatorio sostegno a chi divulga, sostiene, finanzia il processo di normalizzazione della pedofilia, il suo orientamento: si nasce pedofili. (Risparmio anche in questo caso, riferimenti video, libri, testi, articoli, siti web: migliaia).

Dimenticavo: sono un prete cristiano e cattolico, da 30 anni impegnato a tutelare l’infanzia, i bambini, i minori contro gli abusi sessuali, la pedofilia e la pedopornografia. Basta fare una visita a Meter onlus www.associazionemeter.org e consultare il Report 2018 che va oltre ogni parola e parole.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni