Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La venerabile Lucia Mangano: spasmi e dolori, così liberavo le anime dal Purgatorio

Holy Card, Purgatory,
Aleteia - Screenshot
Condividi

La mistica siciliana soffriva molto durante i suffragi per le anime purganti. Le sue testimonianze sono spesso drammatiche

“Stanotte – scrive il 13 febbraio 1932 – non so l’orario preciso ma, sarà stato un po’ prima delle 4, mentre dormivo e non me l’aspettavo, fui svegliata dall’Angelo mio; allora mi venne subito un raccoglimento (estasi). Mi sembrò di vedere la Madonna che portava in Cielo l’anima del Padre N. N. Io non l’avevo conosciuto, ma egli stesso mi disse il suo nome; era vestito da passionista ed era proprio contento, contento che finalmente dopo aver tanto sofferto nel Purgatorio andava in Cielo a godere eternamente Iddio. Mi ringraziò di tutto, e ringraziò anche lei per tutto quello che ha fatto per liberarlo poi mi disse: dirai al Padre tuo che gli voglio tanto bene e in modo particolare per compensarlo di averlo fatto tanto soffrire, cominciando da questa mattina pregherò per lui, mi disse ancora di continuare a pregare per N. N. che ancora si trova nel Purgatorio. Dopo mi addormentai, e non so a che ora, fui svegliata dall’Angelo suoi (del Padre spirituale, che spesse volte dava incarichi da svolgere presso la sua penitente) il quale in un raccoglimento mi riempì l’anima di calma e dolcezza e mi diede al solito la sua benedizione; mi rimase nell’anima una pace che non so dire. (P. Generoso, Lucia Mangano, p. 247).

Questa la narrazione di un’esperienza avuta il 1° novembre 1934: “Questa mattina ho avuto la conoscenza che dovevo pregare per l’anima di un parroco morto qualche anno fa. Nello stesso tempo, sentivo nella visione beatifica che dalla parte superiore della mia anima usciva come una virtù che scendeva a consolare quella povera anima; mentre con la parte inferiore della mia anima partecipavo alle sue sofferenze. E durante tutta la giornata ha sofferto così: nella parte inferiore sentivo un desiderio vivissimo di Dio, che sembrava mi accendesse un fuoco in tutta la persona, e questo fuoco sembrava mi bruciasse tutta…Questa sera poi, nella grazia della visione beatifica, ho conosciuto che questa anima è stata liberata dal Purgatorio, e nel medesimo istante sono cessate le sofferenze della mia parte inferiore”.

Il 2 novembre 1934 raccontò: “Questa notte mi sembrava che la parte inferiore della mia anima partecipasse alle sofferenze delle Anime del Purgatorio e che sperimentasse un gran desiderio di Dio. Quel desiderio vivissimo e quello spasimo sembrava che accendesse un fuoco ardente che mi consumava tutta e mi faceva soffrire grandemente. Alle ore tre, circa, mi si è calmato lo spasimo ed allora ho sperimentato come un colpo di saetta che mi trapassasse il cuore e mi sembrava proprio di morire; se non si fosse attenuato quel fuoco e lo spasimo prodotto da quella specie di saetta, questa mattina non mi sarei potuta alzare. Mentre la parte inferiore si trovava in queste dolorose condizioni, sembrava che dalla parte superiore, immersa in Dio, si sprigionasse una virtù, che discendeva a consolare le Anime benedette, e conobbi che quanto è più accetta a Dio un’anima in Cielo, tanto maggiore sarà la sua efficacia nel liberare le Anime Sante del Purgatorio”.

Il 15 dicembre 1935, riguardo alla sorte del defunto parroco, Lucia si rivolse così al confessore: “Bisogna pregare per il parroco perché spero che in questa novena del S. Natale, Gesù se lo porti in Cielo”. Il sacerdote le rispose che avrebbe celebrato la Messa in suffragio il martedì’ seguente, ma Lucia aggiunse: “No, l’applichi domani, perché forse martedì non ne avrà bisogno”. Nel primo giorno della novena del Natale, infatti, la Mangano vide che all’ora dell’Ave Maria il defunto parroco era stato liberato dal Purgatorio insieme con due religiosi passionisti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni