Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Violoncellista ipovedente dalla nascita: ringrazio Dio per la vita!

Gemma Pedrini,
Condividi

Gemma Pedrini ha 24 anni, è una donna piena di gratitudine e una talentuosa musicista. Il suo sogno? suonare per Papa Francesco!

Gemma Pedrini è una violoncellista di 24 anni che ama la musica, lo sport, la vita! È ipovedente dalla nascita ma questo non le ha impedito di realizzare i suoi sogni e di diventare un’eccellente musicista (a 18 anni ha suonato a un concerto per l’85° compleanno di Ennio Morricone!), anche grazie all’amore e al sostegno dei suoi genitori. Ma Gemma è stata una campionessa anche nello sci: nel 2011 ha vinto la medaglia di bronzo alla Coppa del mondo di Sestriere. Ancora oggi ama praticare sport, sci e canoa soprattutto, ma la musica le ha rubato il cuore e la mente, perché suonando sente di donare agli altri un po’ dell’amore che ha ricevuto.

Sogno di suonare per il Papa

Oggi lavora e studia per laurearsi Musicologia e Beni culturali all’Università di Pavia, con una tesi sull’accessibilità per utenti non vedenti di alcuni programmi di editing per la musica. Sulle colonne di Credere ha raccontato che sogna di suonare per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e per il Papa.

«Mi piace molto il modo in cui Francesco è vicino alle persone e come cerca di entrare in empatia con tutti, facendo lui il primo passo. Avrei già voluto suonare davanti a Giovanni Paolo II… Spero che con Bergoglio il mio desiderio si possa avverare. E poi sogno di dare un contributo nel mondo dell’accessibilità: io ho avuto tanto, ora mi piacerebbe aiutare chi si trova in difficoltà» (Ibidem).

Leggi anche: Beatrice Venezi: quanta fede nella più giovane direttrice d’orchestra d’Italia!

L’orecchio assoluto

Nella stessa intervista ha raccontato come è nata la sua passione per la musica:

«Quando era incinta mia mamma suonava la chitarra: sostiene che la mia dedizione alla musica sia nata lì, assimilando le vibrazioni. Poi una volta, a 3 anni e mezzo, le feci notare che la chitarra era scordata: fu lei ad accorgersi per prima del mio orecchio assoluto e, da allora, in casa nostra non è più entrato un accordatore» (Credere)

La fede mi aiuta molto

Mamma Mara e papà Roberto l’hanno sempre amata, sostenuta, incoraggiata, insegnandole ad avere fiducia in se stessa perché piangersi addosso non è mai la risposta, neppure nei momenti difficili.

«I miei genitori, Mara e Roberto, mi hanno sempre incoraggiata e nei momenti di difficoltà sono stati fondamentali. A scuola ho avuto una brutta esperienza di bullismo, ma loro mi hanno spinta a non dar retta a chi mi ridicolizzava. Mi dicevano: “tu non sei quello che ti dicono i tuoi compagni”. Mi hanno fatta entrare in contatto con molte persone, facendomi coltivare la fiducia in me stessa. Oggi ai ragazzi dico di non lasciarsi schiacciare da chi li bullizza perché i perdenti, sul lungo termine, sono proprio i prepotenti. In quella fase difficile della mia vita la musica mi è stata compagna e mi ha consentito di sfogare la tristezza e i sentimenti negativi. E poi c’è la fede, che aiuta molto: così ho avuto un supporto terreno e uno ultraterreno» (Ibidem)

Ha lavorato con grandi artisti

Nel 2013, a soli 18 anni si è esibita per il compleanno di Ennio Morricone, interpretando Mission davanti al maestro, possiamo immaginare la soddisfazione e l’emozione che avrà provato. Nel 2012 è andata a Sanremo con Eugenio Finardi e poi ha collaborato con Franco Battiato, Antonella Ruggero, Ron e tanti altri artisti. Quello che era un limite, la capacità visiva, è diventato per Gemma un punto di forza perché ha imparato…

«(…) che non bisogna prendere tutto sul personale, e che un po’ di ironia aiuta sempre. Infine, aggiungo, serve prudenza: che non vuol dire puntare in basso o accontentarsi delle cose facili, ma mettere sul piatto della bilancia possibilità e obiettivi, così da cercare di raggiungerli con serenità» (Credere).

Leggi anche: Carlotta Nobile tra i testimoni del Sinodo dei Giovani: la sua, una croce che continua a fiorire (VIDEO)

A 13 anni è nato l’amore per il violoncello

Cresciuta a pane e musica ha cominciato presto a suonare la tastiera, il pianoforte, la chitarra e il flauto traverso:

«I giochini dei bambini? Non mi piacevano, avevano suoni stonati che mi irritavano, così mia mamma mi ha fatto ascoltare tanta musica. Sentivo le canzoni e le riproducevo, magari con variazioni e modulazioni ideate da me. Ho suonato la tastiera, il pianoforte, la chitarra e il flauto traverso. Nella mia famiglia però nessuno è musicista e i miei genitori non mi hanno mai forzata: entrare in Conservatorio è stata una mia scelta» (Ibidem)

A 13 anni è nato l’amore per il violoncello e la creatività di Gemma si è amplificata:

«Ero troppo gracile per suonare il flauto traverso, così in Conservatorio mi indirizzarono al violoncello. Mi ha appassionata sin da subito: è uno strumento di notevole versatilità, con una grande estensione di ottave: ha note molto basse ma anche molte acute. Con l’arco poi puoi fare tanti tipi di effetti, come imitare le percussioni» (Credere)

A a 20 anni, nel 2015, ha conseguito il diploma al Conservatorio impiegando soltanto 7 anni invece che 10. Come? Studiando tanto, senza mollare mai!

Con la musica riesco a ricambiare il bene che ho ricevuto

Negli anni è cambiato il suo rapporto con la musica, da adolescente ha rappresentato uno sfogo, un “luogo” dove rifugiarsi e ricaricarsi, oggi è invece gioia pura:

«Il regalo più bello è quando qualcuno mi dice che la mia musica l’ha sollevato dalla sofferenza. Sono i momenti in cui anche io riesco a ricambiare il bene ricevuto e ciò mi rende felice(…) Mi concentro, entro in completa sintonia con lo strumento e mi sento in pace. Da adolescente la musica era il mio sfogo, un antidepressivo. Oggi è una buona fetta di felicità» (Ibidem).

Leggi anche: Giada Lepore: quando fede e musica illuminano la cecità

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.