Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 24 Gennaio |
Santa Marianne (Barbara) Cope di Molokai
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

San Donato Milanese: «Da qui non uscirà vivo nessuno» ma si sono salvati tutti

SAN DONATO MILANESE

FLAVIO LO SCALZO / AFP

Annalisa Teggi - pubblicato il 21/03/19

Sono 40 minuti in cui, per le molte persone coinvolte, le tinte della vita hanno assunto i colori dell’inferno in terra … lì, tra un autobus, il volto dei compagni e una strada di provincia qualsiasi. Chi ha visto il video delle concitate fasi finali della vicenda non può non essere rimasto colpito da come tutto fili liscio in mezzo al caos. Davvero solo l’encomiabile coraggio umano ha tenuto le fila della storia?

La riduzione: senegalese, italiano, i migranti, la patente

La lode sperticata alle forze dell’ordine, la politica sui migranti, le indagini su Ousseynou Sy. Sono i ritornelli con cui si cerca di tamponare l’impatto tremendo di questo evento, riducendolo a materiale di prima qualità per tirare l’acqua al proprio mulino politico – qualunque sia.

Cosa si sa dell’attentatore, al di là delle etichette che ciascuno vuole apporgli sulla giacca?

Ousseynou Sy è nato in Francia nel 1972, da genitori senegalesi, diventa cittadino italiano nel 2004, dopo aver sposato una donna bresciana di Orzinuovi da cui ha due figli (18 e 12 anni) e da cui si è separato più di dieci anni fa. E’ anche un pregiudicato, noto alle forze dell’ordine per due episodi: nel 2007 viene denunciato per guida in stato di ebbrezza a Brescia, patente sospesa e poi riavuta; nel 2011 viene condannato per molestie sessuali su una minorenne. Alcune voci hanno tentato di screditare questa seconda accusa, ma anche per le molestie sessuali c’è nei suoi confronti una condanna diventata definitiva l’anno scorso: un anno con pena sospesa.


SAD LONELY GIRL

Leggi anche:
Elisa, figlia di Elena Ceste, ha compiuto 18 anni. “Mamma, vorrei raccontarti il mio dolore”

Tutti a Crema lo conoscono come “Paolo”. Dal 2002 fu assunto dalla società Autoguidovie (azienda di trasporti per cui faceva l’autista), non li mise al corrente della denuncia per guida in stato di ebbrezza e del ritiro della patente, scegliendo l’escamotage di mettersi in malattia. Una grande domanda su cui la magistratura dovrà indagare è come mai un uomo con un profilo giudiziario così pesante potesse essere alla guida di un autobus scolastico.

Quanto alla tentata strage, due sembrano gli elementi incontestabili: nessuna affiliazione con l’Islam e la premeditazione. Secondo l’Antiterrorismo della Digos, del Nucleo informativo e del Ros dei carabinieri, non era considerato un islamico praticante. Il tratto rilevante della sua figura è una storia di un forte abuso di alcol. Il giorno prima di sequestrare l’autobus Sy ha acquistato una tanica di benzina da 10 litri e un mazzo di fascette di plastica da elettricisti.

L’elemento che sta facendo scatenare l’opinione pubblica, gli intellettuali e i politici è il supposto movente della strage: vendicare i migranti morti nel Mediterraneo. Il pubblico ministero incaricato del caso ha dichiarato che esisterebbe un video-manifesto in cui Sy fa propaganda contro le politiche europee nei confronti dell’Africa.


CARLO CASTAGNA

Leggi anche:
«Beato chi abita la tua casa», Carlo Castagna ha raggiunto in Cielo suo nipote, sua figlia e l’amata moglie

Ora, dal carcere, sminuisce tutto e punta il dito contro le forze dell’ordine: «Senza l’intervento dei carabinieri, nessuno si sarebbe fatto male». Rincara la dose, invece, sulla causa dei migranti, cavalcando in questo l’onda dei media e di molti commentatori politici che stanno nutrendo a piene mani la bestia della suggestione per accaparrarsi un posto al sole tra le fila degli anti-Salvini o dei talebani dei porti chiusi.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
cronacagiovanimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni