Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Don Claudio va nei bar e pub a parlare di Quaresima

PIWO I CZIPSY
Pexels | CC0
Condividi

La parrocchia di un comune in provincia di Biella è sempre meno popolata dalle nuove generazioni. E il prete ha deciso di andarle a cercare nei luoghi più frequentati, tra aperitivi, birre e snack

A Ponzone, frazione del comune di Trivero in provincia di Biella, la Quaresima si prepara davanti a caffè e brioche, o a un aperitivo con qualche snack. L’idea lanciata da don Claudio Maggia, parroco di lungo corso con 50 anni di sacerdozio alle spalle, si chiama “Appuntamento al bar”.

Lo storico parroco in fondo non ha fatto nulla di nuovo, ha semplicemente applicato il Vangelo ispirandosi alla frase che Gesù dice a Pietro: «Andate e pescate anche se non trovate nulla, ma gettate la rete dall’altra parte della barca».

Leggi anche: Il consiglio di Benedetto XVI per una Quaresima fruttuosa

La scelta del bar

Insomma, invece di aspettare i fedeli tra i banchi della chiesa don Maggia ha deciso di andare in mezzo alla gente e nei centri di aggregazione. Ha così chiesto la collaborazione dei bar del paese per portare la parola del Signore in vista della Pasqua (La Stampa, 20 marzo).

«Ormai siamo sempre meno – afferma don Claudio – la collaborazione con la parrocchia diminuisce e allora perché non provare un’altra strada? Invece di farli venire da me, vado io in mezzo a loro. Quindi ho scelto un luogo significativo, un punto di aggregazione dove c’è vita, dove ci si ritrova, dove si mettono al centro anche le problematiche quotidiane».

“Non sarò lì a controbattere”

«Ho pensato ai bar – continua il sacerdote – visto che nel mio ambito ce ne sono ben dieci. Devo proprio ringraziare i gestori perché non hanno avuto titubanze di sorta, dimostrandosi invece ben disponibili a fare questo viaggio insieme. Io non sarò lì per controbattere a nessuno, ma vengo per ascoltare e magari, con qualcuno si potrà in seguito rielaborare i pensieri e le mete».

Leggi anche: Cosa vuoi ricominciare a fare in questa Quaresima?

Nessuna benedizione

«Non andrò a benedire le case – annuncia – visto che ormai non si trova più nessuno, ma sarò però presente per gli ammalati. Magari insieme si potrà trovare una nuova modalità anche per la benedizione. Se arriveranno le proposte nuove per la nostra parrocchia bisognerà poi condividerle e pensarle insieme. Io faccio il primo passo e vediamo dove ci porterà questo nuovo cammino» (La Provincia di Biella, 20 marzo).

Gli eventi

Il calendario prevede ventuno appuntamenti: il primo è stato mercoledì 20 marzo al Bar Giletti; giovedì 21 marzo tocca al Bar Moderno; venerdì 22 marzo al Teo’s Cafè presso il palazzetto dello sport di Ponzone. Da qui una serie di eventi quasi quotidiani fino a venerdì 15 aprile quando il ciclo si chiuderà al Lion Pub.

Leggi anche: 7 buone azioni da fare durante queste settimane di Quaresima

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni