Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non c’è uomo migliore di lui né santo che possa superarlo: rivolgiti a San Giuseppe!

Saint Joseph,
Condividi

Giuseppe muore a sé stesso più volte, e lo fa spinto non da una logica sacrificale ma da una profonda logica di amore. Egli sa bene che la realtà, anche se difficile, è l’unico luogo dove noi possiamo sperimentare Dio e la felicità.

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù chiamato Cristo.
Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». (Mt 1,16.18-21)

La figura di San Giuseppe è tra le più belle di tutto il Vangelo. E lo è per l’immensa discrezione, il prolungato silenzio, l’operosa creatività, e la straordinaria capacità di andar dietro a Dio nonostante tutto. Pochi personaggi in tutta la Bibbia hanno la statura di Giuseppe. In lui c’è un condensato di fede, speranza, amore, dedizione, fiducia. Giuseppe muore a sé stesso più volte, e lo fa spinto non da una logica sacrificale ma da una profonda logica di amore. Infatti siamo più disposti a morire per amore più che per dovere. Giuseppe non ha fatto il suo dovere, ha invece amato ciò che gli è capitato. Ha messo il cuore nella vita così come il Signore gliel’ha messa davanti. E poco importa se quella vita non centrava nulla con i suoi sogni. Giuseppe sa bene che la realtà, anche se difficile, è l’unico luogo dove noi possiamo sperimentare Dio e la felicità. Se in bocca a noi raffiorirebbero elenchi infiniti di “perché”, sulla bocca di Giuseppe non se ne trova traccia, ma non perché non gli avranno attraversato il cuore, ma perché quando ci si trova davanti alle cose serie della vita ciò che conta è come affrontare quelle cose, più ancora del perchè sono successe. Giuseppe ha tirato su le maniche e ha fatto tutto quanto era in suo potere per difendere il bambino e sua madre. Ha continuato ad amare di amore più profondo la donna che aveva scelto come sua sposa, e ha cresciuto come figlio suo il Figlio dell’Altissimo. Il Vangelo non spreca parole a riguardo, ci dice che Giuseppe è un uomo che passa dalla logica dell’ascolto a quella dei fatti: “Giuseppe, destatosi dal sonno, fece come l’angelo del Signore gli aveva comandato e prese con sé sua moglie”. Non c’è uomo più affidabile di lui, e penso che anche tra i santi nessuno lo possa davvero superare. Non rivolgersi a lui sarebbe davvero una stoltezza imperdonabile. Lo avevano capito bene moltissimi altri santi venuti dopo. Una di loro, Santa Teresa d’Avila, ebbe a dire: “Non è mai successo che io mi sia rivolta a San Giuseppe e non sia stata ascoltata”. (Mt 1,16.18-21)

#dalvangelodioggi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni