Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconStorie
line break icon

Lettera a mio figlio che non è mai nato

ENVELOPE

Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 19/03/19

“Figlio mio, se avessi saputo che fa tanto male!”, dice il testo toccante di un padre che ha permesso l'aborto del figlio

Il giornalista Paulo Antônio Briguet ha pubblicato una lettera indirizzata a suo figlio, che se non fosse stato abortito oggi avrebbe 27 anni.

Con un testo carico di pentimento, Briguet mostra che l’aborto non ferisce solo la donna, e che prima o poi il senso di colpa arriva per tutti.

Ecco il testo integrale del suo post:

“LETTERA A MIO FIGLIO CHE NON È MAI NATO

Figlio mio,

se ti avessi lasciato nascere oggi avresti 27 anni. Il giorno nasce, il fiore nasce, la stella del mattino nasce, nascono l’assurdo, il silenzio, la speranza, la perplessità – ma tu non sei nato, e per mia colpa, mia grandissima colpa.

Tua madre, che oggi vive lontano, all’inizio esitava. Un medico che conoscevamo ha cercato di dissuaderci da quell’idea – e ora vedo chiaramente che era un angelo di Dio –, ma noi siamo rimasti irremovibili. Ho provato perfino rabbia nei confronti di quell’amico, perché diceva di no al crimine che stavo per commettere. Come vorrei tornare indietro e dire: “Grazie, dottore! Grazie! Sarà il padrino di questo bambino”.

Ma la macchina del tempo non esiste, non appartiene alla struttura della realtà. L’unica disponibile, e altamente pericolosa, è la nostra anima. All’epoca, però, non credevo all’esistenza dell’anima. Ero pazzo, pazzo di egoismo e di vanità.

Tu stavi solo aspettando il giorno della nascita, figlio mio; e invece sono arrivate le tenebre. Ti ho negato il mattino, il pomeriggio, la notte, l’alba, l’acqua, il caldo, il freddo, il libro, la sinfonia, la poesia, l’amicizia, l’odore della pioggia quando cade a terra, la ninna nanna, il vino e il pane. Ti ho negato il sorriso e il pianto. Ti ho negato occhi, mani e cuore. Ti ho negato il diritto di gridare al buio ‘Mamma!’ Ti ho negato il diritto di nascere. Non ti ho negato solo quello che non ti potevo negare: la passione e la resurrezione. Le hai già avute.

Se avessi saputo… Se avessi saputo che fa male… Figlio mio, se avessi saputo che fa tanto male! Sono stato il tuo Erode.

Scrivo queste parole a un quarto di secolo di distanza, ma sembra che il mio peccato (il mio crimine) sia stato commesso solo ieri. Il tuo addio è onnipresente, la tua presenza è un eterno addio nella mia vita. Sì, la ferita è stata curata dalle mani del medico misericordioso, ma la cicatrice è così grande che occupa tutta la mia anima. Io sono la cicatrice del mio peccato. Attenzione: tutto quello che faccio è un atto di riparazione.

Un giorno spero di conoscerti, figlio mio. Secondo San Tommaso d’Aquino, rinasceremo tutti con l’età di Cristo. Oggi esisti in qualche punto dell’universo e hai 33 anni. Hai un nome, un volto e una voce che non conosco.

Penso a cosa saresti potuto diventare: un medico, un ingegnere, un musicista, un matematico, un filosofo, un professore, un padre, un operaio, un falegname? Come avresti amato tuo fratello più piccolo, nato tanti anni dopo! Ora non importa, figlio mio. La tua professione sarà per sempre quella di nascere.

Figlio mio, il giorno in cui ci incontreremo, dopo aver lasciato il dolore di questa vita, ti prenderò le mani e ti abbraccerò forte. E la mia prima parola sai già quale sarà:

“Perdono”.

Figlio mio, a volte penso che tu esista per perdonarmi. Solo così potrò contemplare il volto di Dio. Per questo, ogni giorno per me è la Giornata del Nascituro. Ogni giorno è il Giorno”.

Tags:
abortofigliletterapadre
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni