Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Stile di vita

Cos'ha a che vedere una nonna con la mia brutta abitudine di dire bugie?

Catholic Link - pubblicato il 19/03/19

di Nory Camargo

Sicuramente più di qualcuno ha ucciso la nonna per salvarsi da qualche impegno: “Oggi non posso venire al lavoro perché mia nonna è morta/ha avuto un incidente/si è ammalata”… Non capita solo con la nonna, e non è nemmeno una scusa usata solo sul posto di lavoro. Possiamo inventare qualsiasi cosa pur di non far fronte a qualche dovere o per non fare brutta figura.

Questo video è un’ottima risorsa per parlare della menzogna. Quante volte possiamo uccidere la nonna? Crediamo ingenuamente che sia solo una bugia bianca? Chi si renderà conto che non è la verità? Una bugia di tanto in tanto non può fare danno, no?

Il terribile vizio della bugia

Uccidere la nonna può sembrare uno scherzo. Forse quando lo diciamo ci sentiamo in colpa, ma poi pensiamo: “Che conta, in fondo? Mi sono salvato, va tutto bene, non lo dirò di nuovo”. Si dimentica, però, che la menzogna cresce, cresce, cresce, fino a diventare un’abitudine. Perché è più facile mentire che assumere di aver sbagliato, di essere stati irresponsabili o aver preferito fare un’altra cosa.

Le persone che “stringono amicizia” con la menzogna cadono facilmente nell’errore di credere alle proprie bugie, e allora, quando uccidono la nonna per la dodicesima volta, sono capaci di bersi la loro stessa storia. Mentire, inoltre, non porta alcun vantaggio, se non il salvarsi dalla responsabilità per un breve periodo di tempo.

Smettete di uccidere vostra nonna, di far ammalare vostro padre, di far ricoverare vostra madre o di inventarvi qualsiasi altra cosa per evitare di fare il vostro dovere. Questo vale per lo studio, l’esercizio, la visita pendente, l’appuntamento dal medico, la Messa la domenica, la confessione che dovreste fare da secoli. Smettete di mentire a voi stessi e agli altri.

La prossima volta che pensate di dire una bugia chiedetevi: “Cosa ne traggo? Ferirò qualcuno? Complicherò il lavoro di qualcun altro? E se un giorno si rendessero conto di quello che ho detto, come mi sentirei? Me la sento di deludere le persone che amo?”

Qui l’articolo originale su Catholic Link.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bugiamentirenonnastile di vita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni