Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Giudicare significa usare la verità come il demonio, per fare del male!

Upset Woman
Shutterstock
Condividi

Gesù nel vangelo di oggi ci invita a mettere il nostro cuore nella miseria degli altri. Ad amarli con misericordia.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio». (Lc 6,36-38)

“Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro”. Se la misericordia è l’esperienza di sentirci amati nella nostra miseria, allora si comprende perché noi diciamo che l’amore di Dio è misericordioso. Gesù nel vangelo di oggi ci invita ugualmente a saper mettere il nostro cuore nella miseria degli altri. A saperli amare con misericordia. Finché non ameremo di misericordia allora giudicheremo e basta. E giudicare significa usare la verità così come la usa il demonio, per fare del male. “Non giudicate, e non sarete giudicati; non condannate, e non sarete condannati; perdonate, e vi sarà perdonato”. Infatti si può ricevere solo ciò di cui si è disposti ad accordare agli altri. Non è una logica a specchio, né semplicemente un dispetto da parte di Dio ma solo un’immensa lezione di come funziona l’animo umano. Infatti molto spesso non riusciamo a perdonare gli altri perché non accettiamo noi di essere perdonati, e siamo troppo esigenti con gli altri perché lo siamo eccessivamente con noi stessi, e guardiamo sempre il male degli altri perché è strutturato dentro di noi un giudizio che ci fa sentire costantemente sbagliati e sul banco degli imputati. “Date, e vi sarà dato; vi sarà versata in seno buona misura, pigiata, scossa, traboccante; perché con la misura con cui misurate, sarà rimisurato a voi”. È in noi un potenziale di amore traboccante, dobbiamo solo rendercene conto e usarlo. Con la stessa potenzialità accoglieremo l’amore nella nostra vita. È un po’ come dire che non riusciremo mai veramente a ricevere se non ciò che abbiamo dato, e che l’altro molto spesso è l’unica opportunità che noi abbiamo per recuperare un buon rapporto con noi stessi. È per questo che il cammino di fede è sempre legato anche alla qualità delle nostre relazioni umane. Il fratello è sempre la cartina di torna sole che mi fa capire a che punto è il mio percorso di fede. Scrive San Giovanni: “Come puoi dire di amare Dio che non vedi se non ami tuo fratello che vedi?” (Lc 6,36-38)

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.