Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Se agisco va male, se non agisco va peggio... come far bene nella vita?

WOMAN

Natalia Laurel - Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 18/03/19

Agisco credendo di fare giustizia, ma posso sbagliarmi. I miei giudizi e le mie azioni possono provocare un male ingiusto.

Poi pretendo di ritirarmi nella preghiera, lontano dagli uomini, perché non mi infastidiscano, per non infastidire. Per non fare danno, per non essere ingiusto.

Ma allora la mia mancanza di azione, la mia solitudine, la mia omissione può suscitare un male, un danno che non ho mai preteso.

Posso influire agendo e allo stesso tempo non facendo nulla. Posso fare il male e il bene con un’azione, con un’omissione. Che paradosso!

I miei silenzi e le mie parole possono cambiare il mondo. Non controllo le conseguenze delle mie azioni e delle mie omissioni.

Io vivo e basta, ma di quello che deriva da quello che faccio o non faccio solo Dio è il padrone. E io non capisco il potere di una parola, l’attrazione di un sì semplice e occulto, il potere di un abbraccio, la forza del silenzio.

È misteriosa questa vita in cui il destino degli uomini si intreccia in una rete in cui tutto si unisce.

Non posso vivere isolato da nessuno. In qualche luogo i miei atti occulti trovano eco. E saprò che il mio vivere e il mio amare staranno dando un frutto finora sconosciuto.

Non lo scarto. Non mi nascondo. Non guardo da un’altra parte per non vedermi coinvolto in ingiustizie, per non incorrere nel danno che altri ricevono.

Voglio isolarmi perché non mi pesi la colpa, perché non mi incolpino. Non desidero nemmeno la gloria se quello che ottengo è il bene.

Preferisco non essere responsabile, ma è impossibile. Il mio agire avrà sempre conseguenze. Anche quando cerco di obbedire, senza influire in nulla su quello che succede.

Non c’è modo di rimanere al margine di tutto ciò che accade. Posso solo decidere come voglio agire in questa vita. Vorrei distaccarmi da me stesso, dal mio ego.

Leggevo giorni fa: “Chi aspira seriamente a questo distacco dal proprio onore e dai propri gusti ed è ‘semplice’ nelle sue azioni, nei suoi desideri e nei suoi pensieri, ovvero se non conosce altro che la gloria e l’amore di Dio, si vedrà libero da molte angosce parassite dello spirito, e non deve temere le perturbazioni nervose” [2].

Voglio vivere più libero dalle mie pretese. Agisco e parlo con semplicità senza aspettare il riconoscimento di nessuno. Mi sono liberato del mio orgoglio che pretende di essere valorizzato e trovare pace nell’applauso del mondo.

Gli altri non devono imitare i miei gesti. Non devono ripetere le mie parole con la loro voce. Non voglio influire con le mie omissioni in nulla di quello che accade. Non è la meta della mia vita.

Le mie azioni lasceranno l’impronta che solo Dio conosce, e lo stesso vale per i miei silenzi. Ma non mi turbo quando vedo che le mie azioni passano inosservate e nessuno le valorizza, o che non ascoltano la mia voce e non seguono i miei consigli.

Metto solo la mia vita nelle mani di Dio. Confido in Lui. Desidero che Dio agisca in me e mi usi come strumento.

[1] Stefan Zweig, Los ojos del hermano eterno, 58
[2] Kentenich Reader Tomo 3: Seguir al profeta, Peter Locher, Jonathan Niehaus

  • 1
  • 2
Tags:
vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni