Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’apparizione della donna morta a suor Erminia Brunetti: era un’anima del Purgatorio

Sister Erminia Brunetti Purgatory
Condividi

Religiosa e mistica dei nostri giorni (classe 1914), racconta di aver dialogato anche con Gesù

Suor Erminia Brunetti era un’umile Figlia di san Paolo che, svolgendo il suo apostolato nel nascondimento in varie librerie del suo istituto, attuò la grande missione che il Signore le aveva affidato. Nacque a Castiglione dei Pepoli, nel Bolognose, il 17 maggio 1914, e fu battezzata nello stesso giorno col nome di Cesira. A quattro anni le morì la mamma, e fu affidata alla nonna materna, che la educò cristianamente ad una pietà autenticamente profonda e fiduciosa. Dopo le scuole elementari, a dodici anni, ebbe la percezione di presenza spirituali che, tuttavia, non vedeva. Il Signore stava preparandola ad una missione speciale, fornendola di particolari carismi. A 15 anni sentì la chiamata di Gesù ad una vita più perfetta.

L’occasione fu l’incontro con le Figlie di san Paolo, da poco fondate in Alba da don Giacomo Alberione. Entrò nel nuovo Istituto e, dopo un primo periodo trascorso a Bologna, fu trasferita ad Alba. Nel 1932 fu inviata a Palermo per iniziare l’apostolato. Non aveva ancora diciotto anni, ma aveva già uno speciale riscontro con il prossimo manifestandosi il carisma del discernimento dei cuori, così da dire a ciascuno la parola di cui aveva bisogno. Venne chiamata a Roma nel 1938 in occasione della professione religiosa, e fu allora che le fu imposto il nome: suor Erminia.

Trasferita a Pescara e poi ad Avellino, continua ad avvicinare le persone, facendo uso dei carismi che il Signore le aveva concesso, ottenendo grandi conversioni e inspiegabili guarigioni. Fu chiamata ad Albano laziale nel 1952, con l’incarico di aprirvi una nuova libreria. E qui incominciano ad accadere fatti straordinari. Il libreria si trovò spesso a contatto con sacerdoti che venivano per fornirsi di libri. Suor Erminia percepiva chi era in difficoltà e chi aveva male la propria vocazione. Le sembrava di poter leggere nell’anima della persona con cui parlava. Soffriva enormemente per coloro che non erano a posto con Dio, e si sentì come ispirata ad offrire la sua vita per loro.

Fu in queste circostanze che sentì la voce di Gesù che le disse: “Offri la tua esistenza per i sacerdoti. Così mi aiuterai a redimerli”. Da quel momento capì la grande missione di madre spirituale dei sacerdoti per la quale il Signore la voleva; missione che divenne uno dei cardini del suo apostolato fin all’ultimo respiro. Da Albano suo Erminia fu trasferita a Mantova, e poi da qui a Catanzaro e a Ravenna. Fu in questa città, nel 1968, che udì di nuovo la voce del Signore, che la chiamava ad una nuova missione: “D’ora in avanti non accetterai nel tuo istituto altri incarichi, perché ho preparato una missione per te e te la voglio affidare. Tu diventerai strumento nelle mie mani e ti dedicherai all’opera di misericordia di mio padre. Egli vuole salvare tutti, anche gli insalvabili”. E, di fronte alle difficoltà esposte da suor Erminia, Gesù la incoraggiò: “Questa è l’Opera del padre mio; non badare a quello che ti dicono. Va avanti”. Così ebbe inizio l’Opera di misericordia del Padre Celeste, che ha lo scopo di mostrare all’umanità la misericordia del Padre che vuole salvare tutti, vivi e defunti, anche l’insalvabile. A questo scopo il Signore volle fosse esentata da ogni incarico nella sua comunità e cessare altre attività. Alla fine del 1980 venne trasferita a Rimini. Qui poté svolgere in pieno la sua nuova missione per la quale fu arricchita di nuovi carismi, fra cui quello di vedere le anime purganti per pregare per loto, nonché di riconoscere le presenze degli spiriti maligni nelle persone e negli ambienti , nonché la capacità di scacciarli. la sua giornata era intensissima. Incominciava col ricevere le persone che provenivano un pò da tutta l’Italia, e talvolta anche dall’estero. Durante l’incontro collettivo, esponeva la Parola di Dio, aggiungendo una catechesi appropriata che corredava con una preghiera in comune. Poi riceveva individualmente le persone. Così nel pomeriggio.

Con questo ritmo andò avanti per quasi quindici anni. Spesso avvenivano conversioni straordinarie, guarigioni inspiegabili, liberazione da spiriti immondi. per questo scopo, spesso le bastava solo un ecco comando: “Vattene”, faceva un segno di croce sul posseduto e il demonio era costretto a fuggire.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.