Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La mamma che trasforma le ecografie in opere d’arte

LAURA STEERMAN, ART, ULTRASOUND
Condividi

Faceva l'avvocato, ma le sue tre gravidanze le hanno fatto cambiare mestiere: ora Laura Steerman dipinge a colori vivaci il miracolo della vita.

Alla nascita d’un bimbo | il mondo non è mai pronto

Wislawa Szymborka

Quando rimasi incinta per la prima volta fu tutto nuovo, ovviamente, e mi avvicinai alla realtà di una gravidanza con le pure e semplici idee astratte che avevo per la testa.

Segnali luminosi

Ad esempio, andai all’ospedale a fare la prima ecografia con l’entusiasmo e la paura di chi, in quel momento, pensava che tutto il mondo fosse a fissare a occhi spalancati la mia attesa.

Immaginavo un’accoglienza stratosferica da parte del personale medico che mi avrebbe visitata, lunghe chiacchierate affettuose, un pianto di gioia a dirotto; né più né meno quello che accade nei film. Mi ritrovai da sola in una sala d’attesa e uscii cinque minuti dopo dall’ambulatorio, senza aver scambiato nessuna parola con la dottoressa presente se non risposte spicciole e formali sull’ultimo ciclo, la mia data di nascita. Avrei voluto ascoltare quel battito cardiaco un po’ di più, invece no; sullo schermo dell’ecografo vedevo cose che non capivo, avrei voluto sapere.

Subito dopo, telefonai a mio marito, che con grande rammarico non aveva potuto essere presente, e gli rovesciai addosso la gioia di aver sentito il cuore del bambino, ma il dolore infinito di essere stata quasi ignorata. Fu lui a quietare il flusso della mia emotività, quando tirai fuori brutte parole per quella dottoressa: mi ricordò che io ero ancora in una fase in cui l’aborto era concesso, dunque il personale medico doveva astenersi dall’entrare nel merito della mia gravidanza. Non era cattiveria, era una prassi.

Tutto, in effetti, cambiò qualche mese dopo quando andai a fare l’ecografia morfologica: stesso ospedale, stesso personale, ma un altro mondo. Fui trattata come una regina; l’esame durò all’infinito, fu risposto a tutto quello che volevo sapere; complimenti a profusione per quel piccolo nasino all’insù che s’intravedeva; battute sul fatto che fosse indubitabilmente maschio.

BABY ULTRASOUND
GagliardiImages I Shutterstock

Non era cambiato nulla, eppure era cambiato tutto. Come se un ponte levatoio fosse calato dall’alto e l’accesso al regno degli umani fosse stato consentito, nella festa generale. Inutile dire che quel ponte levatoio è una struttura interamente fittizia, ma sempre più opprimente.

Perciò, per le gravidanze successive mi sono sempre recata alla prima ecografia con uno stato d’animo sopra le righe. Senza polemiche o discorsi strani, ho riempito con l’allegria esuberante del clown il silenzio e la velocità con cui si rintracciava il battito e mi si congedava: il personale era tenuto all’impassibilità, ma non io. Sono timida e non eccessivamente emotiva, ma ho tirato fuori una vena sdolcinatamente romantica. “Eccolo lì, senti come batte!”- “Amore mio, eccoti!” – “Fai il bravo e cresci bene!”

Quando qualcosa rischia di essere invisibile, bisogna mettere un segnale luminoso.

Laura, avvocato della vita

La memoria di questa storia personale mi è ritornata perfetta e vivida non appena ho incrociato i quadri di Laura Steerman, una mamma irlandese con tre figlie e una creatività sbocciata proprio grazie alla maternità. A 50 anni e con una carriera da avvocato alle spalle, Laura ha intrapreso una nuova attività: trasforma le ecografie in veri e propri quadri. L’idea nasce da un rammarico personale; perché quelle foto sbiadite e in bianco e nero dell’ecografo non avevano mai reso giustizia alla meraviglia delle creature che portava in grembo. Tutte noi mamme abbiamo provato questa delusione, che convive con la gioia immensa di intravedere per la prima volta i tratti di nostro figlio.

Armata di colori e pennelli, Laura si dedica oggi a riprodurre le ecografie attraverso l’esuberanza di cui l’arte è capace, per trasformare un documento medico in una indelebile memoria emotiva.

View this post on Instagram

"Mum it's not fair we have to go to school & you get to play with colours all day" – my 5yr old daughter this morning. 🤣 I had to laugh, she's kind of right! I didn't have a good response other than "Lila school & learning is really important and besides mummy actually does work hard at painting …" But I guess it just doesn't feel like 'work', which is wonderful. After many years in a career as an Attorney, I really notice the difference now that I'm doing something I really love. Like this morning I'm painting a gorgeous little guy's colourful heartbeat onto the bottom of his #babyultrasound art. It's unbelievable! I consider myself pretty lucky to do paint such amazing things like this and am so grateful to work with some amazing mum's and clients on such special pieces of #abstractart. Thank you all for your support so I can continue to "play with colour" each day 🎨😉 This 12x12inch deep mounted painting is still #artworkinprogress , but soon finished to go half way around the world to his family living on an island called New Caladonia in the South Pacific 🏝️ #quaintbabyultrasoundart #babyheartbeat #babyart #uniqueart #sonograms #babyultrasound #babymiracles #mumtrepreneur #beachbaby #artistsoninstagram

A post shared by Quaintbaby Ultrasound Art (@quaintbaby_ultrasoundart) on

“Mamma, non è bello che noi dobbiamo andare a scuola e tu resti a casa tutto il giorno a giocare coi colori!” mi ha detto stamattina la mia bimba di 5 anni. […] Dopo molti anni trascorsi a fare l’avvocato, ho notato davvero la differenza ora che faccio qualcosa che amo. Stamattina ad esempio sto colorando il battito cardiaco di questo bambino come cornice del suo quadro.

Sfogliando le immagini delle sue creazioni nel suo sito, mi è passata per la testa l’idea che, in fondo, Laura non abbia cambiato lavoro … ma si sia scelta i clienti migliori. Dare voce a chi non ha ancora voce, mostrare l’evidente tripudio di vita che si scatena fin dai primi istanti del concepimento sono arringhe fatte sulla pubblica piazza attraverso i colori.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.