Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Don Di Noto su Tittocchia a Mattino Cinque: istigare alla pedofilia è un reato!

EMANUELA TITTOCCHIA
Condividi

La frase choc della attrice e presentatrice: «Mi sono innamorata di un bambino di 11 anni, abbiamo anche dormito insieme»

Emanuela Titocchia choc, in una intervista a Mattino Cinque del 13 marzo [1]: «Mi sono innamorata di un bambino di 11 anni, abbiamo anche dormito insieme». È la dichiarazione che abbiamo ascoltato e che alcuni quotidiani hanno poi riportato, non sappiamo se con indignazione e protesta o solo per scoop o ancora per – ho pensato anche questo – indurre a una riflessione che ridiscuta la possibilità di abbassare l’età di consenso da parte dei minori per vivere liberamente una relazione. Perché quello che sta passando, con forza e subdola veemenza pervasiva, è quello di dire – e i media cavalcano questa idea – che “in amore non c’è età” e una relazione, tra adulti e minori è possibile, anche quella sessuale, “basta che esprimano liberamente un consenso”.

Brutta e inquietante questione, da non sottovalutare e da non prendere sottogamba. Del resto, da più parti, mass-media e portali on-line, veicolano questi non subdoli messaggi; non si fa altro che alludere indirettamente e/o direttamente alla istigazione, alla normalizzazione e alla giustificazione delle pratiche di pedofilia e pedopornografia, che per l’ordinamento penale italiano e anche per chi ha recepito la Convenzione di Lanzarote, costitusce un reato: si legga l’ art. 414 bis sull’istigazione a pratiche di pedofilia e pedopornografia.

Riportiamo per intero tale norma: “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, con qualsiasi mezzo e con qualsiasi forma di espressione, pubblicamente istiga a commettere, in danno di minorenni, uno o più delitti previsti dagli articoli 600 bis, 600 ter e 600 quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater 1, 600 quinquies, 609 bis, 609 quater e 609 quinquies è punito con la reclusione da un anno e sei mesi a cinque anni [2].Alla stessa pena soggiace anche chi pubblicamente fa l’apologia di uno o più delitti previsti dal primo comma. Non possono essere invocate, a propria scusa, ragioni o finalità di carattere artistico, letterario, storico o di costume”.

Migliaia i portali pro pedofilia allocati in tutto il mondo (tralasciamo, il florido mercato della pedopornografia e lo sfruttamento sugli abusi sessuali dei minori, il Report 2018 sarà presentato il 21 marzo p.v.); centinaia di migliaia gli aderenti, che li sostengono: dalla raccolta fondi a vere e proprie agenzie di stampa e prodotti pubblicitari. Meter ne ha segnalati negli ultimi 20 anni, a migliaia, ed ha permesso anche di far svolgere indagini in Italia e all’estero, la prima, nel 2004, con l’entrata in vigore della legge.

Portali e iniziative pro pedofilia (degli amanti dei bambini) realizzati da singoli e da ben strutturate organizzazioni, in alcuni casi anche criminali, sparse in tutto il mondo (non pubblicizziamo nessun link per ovvie ragioni). La strategia è quella di sfruttare bene la comunicazione in una situazione di limbo e di confusione. Infatti, generalmente, si presentano così: non siamo pedofili ma persone attratte da minori, e con sibilline, ma pervasive parole dichiarano che non fanno del male ai bambini, li amano, quasi a dire, “siamo pedofili virtuosi”….”I bambini desiderano che qualcuno li ami come li amiamo noi. Dato che non li ama nessuno e li discriminano. Noi crediamo nella bellezza dei bambini, e non faremo mai del male. Un bacio ci sta e anche oltre” (sono frasi tratte di loro Manifesti di presentazione).

Lo sfondo a volte si fa ancora più inquietante: ci sono anche quei pedofili che dichiarano di avere una fede e un credo religioso. Oltre la loro puntuale celebrazione dell’Orgoglio pedofilo (ma interrotta da 20 anni) e di altre plateali manifestazioni (i loro movimenti e partiti politici, sempre attivi) più volte denunciati da Meter con un silenzio assordante e quasi nessuna protesta in tal senso. Se non da coloro che hanno a cuore il bene dei bambini.

È pertanto inquietante e invasiva questa leggerezza di far passare ciò che di per sé è riprovevole e anche un reato (sta ai magistrati stabilire se ci sono gli estremi per procedere!). Occorre vegliare attentamente, senza tentennamenti di condanna. Non è solo una questione di indignazione e imbarazzo. È questione vitale per non far passare ciò che sta diventando un talk-show sulla pelle dei bambini. La responsabilità è grande in questa deriva morale ed etica. La domanda è sempre la stessa: la pedofilia e la pedopornografia sono un crimine? Non tutti sono d’accordo. Credetemi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.