Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Fate il Triduo Pasquale nella vostra parrocchia”

GOOD FRIDAY
AFP PHOTO I MEHDI FEDOUACH
AFP PHOTO / MEHDI FEDOUACH
Condividi

Le indicazioni pastorali dei vescovi della diocesi di Roma in vista di Pasqua. Sacramenti: limitazioni e “consigli”

Riscoprire la centralità della parrocchia in quanto «casa di famiglia» e «comunità di fede». Far convergere nelle chiese parrocchiali le celebrazioni per il Triduo pasquale. Evitare che «la Veglia pasquale sia riservata a gruppi particolari».

Valorizzare il sacramento della riconciliazione. Sono solo alcune delle disposizioni sintetizzate dal Consiglio episcopale della diocesi di Roma nel documento sul Triduo della Passione e Risurrezione del Signore, messo a punto nei giorni scorsi.

Il testo raccoglie e ricorda i criteri teologici e pastorali formulati in vari scritti sul tema, dal Concilio Vaticano II a oggi.

Leggi anche: 5 lezioni di speranza dall’esperienza pasquale di Maria Maddalena

Parrocchia e luoghi di preghiera

Nel testo i vescovi insistono, soprattutto, sul ruolo della parrocchia, «cuore pulsante della vita liturgica nelle celebrazioni del Triduo pasquale», spiega il cardinale Angelo De Donatis.

«Le altre realtà ecclesiali – aggiunge – possono invece riscoprire il proprio carisma di luoghi privilegiati per la preghiera personale e la celebrazione della riconciliazione».

In pratica, quanti abitualmente frequentano rettorie o luoghi sussidiari di culto, «nonché gli oratori aperti al pubblico delle comunità religiose e di altre comunità – si legge nel documento – sono esortati a prendere parte alle celebrazioni del Triduo nelle chiese parrocchiali» (Romasette.it, 12 marzo).

Leggi anche: Il segreto dei santi per vivere ogni giorno la gioia pasquale

Le celebrazioni eccezionali

Tra le eccezioni «il Sacro Triduo potrà essere celebrato in quei luoghi in cui si è oggettivamente impossibilitati a prendere parte alla celebrazione liturgica della comunità parrocchiale», come monasteri di clausura, carceri e ospedali.

I movimenti ecclesiali possono celebrare in luogo diverso dalla parrocchia con il permesso del parroco, «anche in luoghi idonei all’esercizio del culto».

I sacramenti

Altre indicazioni da seguire: 1) il battesimo può essere conferito solo nella Veglia celebrata in parrocchia oppure dove «il parroco presiede con la sua comunità parrocchiale»; 2) «non si inserisca la Prima Eucaristia al Giovedì Santo nella Messa “nella Cena del Signore”»; 3) in vista della Settimana Santa «si valorizzi la celebrazione comunitaria del sacramento della riconciliazione con la possibilità delle confessioni individuali».

Leggi anche: Che ruolo hanno avuto gli angeli nel Triduo Pasquale?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni