Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Fate il Triduo Pasquale nella vostra parrocchia”

GOOD FRIDAY
AFP PHOTO I MEHDI FEDOUACH
AFP PHOTO / MEHDI FEDOUACH
Condividi

Le indicazioni pastorali dei vescovi della diocesi di Roma in vista di Pasqua. Sacramenti: limitazioni e "consigli"

Riscoprire la centralità della parrocchia in quanto «casa di famiglia» e «comunità di fede». Far convergere nelle chiese parrocchiali le celebrazioni per il Triduo pasquale. Evitare che «la Veglia pasquale sia riservata a gruppi particolari».

Valorizzare il sacramento della riconciliazione. Sono solo alcune delle disposizioni sintetizzate dal Consiglio episcopale della diocesi di Roma nel documento sul Triduo della Passione e Risurrezione del Signore, messo a punto nei giorni scorsi.

Il testo raccoglie e ricorda i criteri teologici e pastorali formulati in vari scritti sul tema, dal Concilio Vaticano II a oggi.

Parrocchia e luoghi di preghiera

Nel testo i vescovi insistono, soprattutto, sul ruolo della parrocchia, «cuore pulsante della vita liturgica nelle celebrazioni del Triduo pasquale», spiega il cardinale Angelo De Donatis.

«Le altre realtà ecclesiali – aggiunge – possono invece riscoprire il proprio carisma di luoghi privilegiati per la preghiera personale e la celebrazione della riconciliazione».

In pratica, quanti abitualmente frequentano rettorie o luoghi sussidiari di culto, «nonché gli oratori aperti al pubblico delle comunità religiose e di altre comunità – si legge nel documento – sono esortati a prendere parte alle celebrazioni del Triduo nelle chiese parrocchiali» (Romasette.it, 12 marzo).

Le celebrazioni eccezionali

Tra le eccezioni «il Sacro Triduo potrà essere celebrato in quei luoghi in cui si è oggettivamente impossibilitati a prendere parte alla celebrazione liturgica della comunità parrocchiale», come monasteri di clausura, carceri e ospedali.

I movimenti ecclesiali possono celebrare in luogo diverso dalla parrocchia con il permesso del parroco, «anche in luoghi idonei all’esercizio del culto».

I sacramenti

Altre indicazioni da seguire: 1) il battesimo può essere conferito solo nella Veglia celebrata in parrocchia oppure dove «il parroco presiede con la sua comunità parrocchiale»; 2) «non si inserisca la Prima Eucaristia al Giovedì Santo nella Messa “nella Cena del Signore”»; 3) in vista della Settimana Santa «si valorizzi la celebrazione comunitaria del sacramento della riconciliazione con la possibilità delle confessioni individuali».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.