Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fino a che punto posso pensare al mio benessere se sono cristiano?

ASLEEP
By Dmytro Zinkevych | Shutterstock
Condividi

Dio mi dà tanto perché io lo doni

Desidero il mio benessere. Cerco di soddisfare la mia fame. Provo sempre a placare la mia sete e a calmare le mie ansie.

È vero che non ottengo sempre quello che cerco. Mi frustro nelle mie richieste e mi amareggio quando vedo che non c’è risposta. Grido a Dio e mi lamento davanti a Lui perché non fa caso alle mie suppliche.

Non ho il potere di darmi da mangiare me stesso, ma se lo avessi, ne sono sicuro, cadrei nella tentazione di usarlo.

Uso i miei doni per il mio bene. È questo il fine dei doni che Dio mi dà? Non credo. Mi dà tanto perché io lo doni. Perché mi svuoti per amore. Perché pensi agli altri prima che a me stesso. Perché metta al centro gli altri e io mi decentri.

Una persona mi diceva tempo fa: “A Dio non chiedo mai niente per me. Non posso. È più forte di me. A volte chiedo qualcosa per gli altri. Lo chiedo intensamente a Gesù. In quel momento sono certo che Dio me lo concederà. L’ho verificato ogni volta che l’ho fatto”.

Le sue parole mi hanno colpito. Non chiedeva per sé. Mi sono riconosciuto nella mia miseria. Io invece chiedo miracoli per me.

“Facciamoci prossimi dei fratelli e delle sorelle in difficoltà, condividendo con loro i nostri beni spirituali e materiali”, dice Papa Francesco.

Penso alla fame di chi mi è accanto. Di chi soffre, di chi è solo, di chi non ha niente. Spesso vivo sazio, colmo, soddisfatto. Non sono cristiano per vivere così.

Guardo intorno a me. Smetto di guardare me stesso per guardare il cuore di quelli che Dio mi affida.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.