Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconStile di vita
line break icon

Fino a che punto posso pensare al mio benessere se sono cristiano?

ASLEEP

By Dmytro Zinkevych | Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 13/03/19

Dio mi dà tanto perché io lo doni

Desidero il mio benessere. Cerco di soddisfare la mia fame. Provo sempre a placare la mia sete e a calmare le mie ansie.

È vero che non ottengo sempre quello che cerco. Mi frustro nelle mie richieste e mi amareggio quando vedo che non c’è risposta. Grido a Dio e mi lamento davanti a Lui perché non fa caso alle mie suppliche.

Non ho il potere di darmi da mangiare me stesso, ma se lo avessi, ne sono sicuro, cadrei nella tentazione di usarlo.

Uso i miei doni per il mio bene. È questo il fine dei doni che Dio mi dà? Non credo. Mi dà tanto perché io lo doni. Perché mi svuoti per amore. Perché pensi agli altri prima che a me stesso. Perché metta al centro gli altri e io mi decentri.


ELDER

Leggi anche:
Se uno non ama se stesso non può amare il prossimo?

Una persona mi diceva tempo fa: “A Dio non chiedo mai niente per me. Non posso. È più forte di me. A volte chiedo qualcosa per gli altri. Lo chiedo intensamente a Gesù. In quel momento sono certo che Dio me lo concederà. L’ho verificato ogni volta che l’ho fatto”.

Le sue parole mi hanno colpito. Non chiedeva per sé. Mi sono riconosciuto nella mia miseria. Io invece chiedo miracoli per me.

“Facciamoci prossimi dei fratelli e delle sorelle in difficoltà, condividendo con loro i nostri beni spirituali e materiali”, dice Papa Francesco.

Penso alla fame di chi mi è accanto. Di chi soffre, di chi è solo, di chi non ha niente. Spesso vivo sazio, colmo, soddisfatto. Non sono cristiano per vivere così.

Guardo intorno a me. Smetto di guardare me stesso per guardare il cuore di quelli che Dio mi affida.

Tags:
benesserecristianesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
5
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni