Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Guida di sopravvivenza per nuovi (e vecchi) cattolici

PRAYING
Condividi

Per molti la Quaresima è un momento per riavvicinarsi alla propria fede o per accostarcisi per la prima volta. Ecco qualche suggerimento utile!

La Quaresima è un periodo in cui molte persone si uniscono per la prima volta alla Chiesa cattolica e molti cattolici da sempre si ricordano cosa significhi essere un fedele cattolico.

Per i nuovi cattolici – e per quelli che vogliono “rinfrescare” la propria fede –, ecco qualche suggerimento per essere cattolici oggi:

1) Ricordate che tutto gira intorno a Gesù.

I cattolici lo sanno, e anche molto bene, ma la Chiesa ha una tradizione talmente ricca di santi, liturgia, simboli, storie, architettura e arte che ci sono molte possibilità di dimenticare che fondamentalmente siamo seguaci di Cristo e che tutto il resto esiste per arrivare a conoscere proprio Gesù.

2) Ma ricordate anche che Gesù non è solo.

Detto questo, per capire adeguatamente Gesù dovete imparare che non è solo una figura solitaria che si offre a voi, ma che vi si offre dal centro di una nube di testimoni: angeli e santi, poemi e cattedrali, incenso e abiti liturgici, il povero all’angolo della strada e la persona che vi pone domande sul posto di lavoro.

3) Neanche voi dovreste essere soli.

Non esiste una famiglia unipersonale, e non esiste un cristiano unipersonale. La fede non funziona senza altri fedeli. Trovate un gruppo di cattolici che possiate definire vostro. La parrocchia è il vostro primo gruppo. La vostra parrocchia è come la vostra famiglia, il che vuol dire che non vi piaceranno tutti i membri, ma che stare con loro e fare più cose con loro vi ricompenserà. Oltre a questo, trovate un gruppo con cui identificarvi – online o preferibilmente di persona – per essere cattolici in buona compagnia.

4) La Messa vi impedisce di morire di fame, la Confessione vi fa continuare a respirare.

Andare a Messa ogni domenica e nelle feste di precetto è un dovere, e andarci ancora più spesso è ancora meglio. A Messa vi unite a Gesù Cristo nell’Eucaristia. La Confessione è ugualmente importante. Gesù ha soffiato sugli apostoli per dar loro il potere di perdonare i peccati. La Confessione tiene viva la nostra anima e la fa respirare. Dovete confessarvi almeno una volta all’anno. Molti si confessano ogni mese; Papa Francesco lo fa ogni due settimane.

5) Conoscere l’insegnamento della Chiesa

Conoscere l’insegnamento della Chiesa è un compito che richiede tutta una vita. Imparo continuamente nuove cose su ciò che insegna la Chiesa, anche se scrivo da decenni sull’argomento. Consultate regolarmente il Catechismo. Comprate le opere di Scott Hahn, Brant Pitre o altri teologi. Guardate padre Michael Schmitz su YouTube o ascoltate un podcast cattolico.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni