Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come lottare contro il senso di colpa?

KOBIETA Z POCZUCIEM WINY
Shutterstock
Condividi

I contenuti imparati nell'infanzia sono decisivi nella vita psicologica degli adulti, soprattutto in riferimento ai sensi di colpa

Nel mio studio assisto persone affette da molte forme di senso di colpa, soprattutto se hanno sviluppato nella loro coscienza una condizione di vulnerabilità che le rende i giudici più duri di se stesse.

Sono persone che arrivano a sviluppare malattie psicosomatiche (sistema immunitario indebolito, problemi cardiovascolari, malessere gastrointestinale, dolori diffusi…) e mentali (odio nei confronti di se stesse, depressione, ansia…) per il fatto di non riuscire a distinguere tra le azioni delle quali sono realmente responsabili e quelle che dipendono dal loro disturbo della personalità.

Sono persone che possono finire per danneggiare seriamente i loro rapporti familiari.

Ecco una di queste storie:

“Già inizio della giornata comincio quasi senza rendermene conto a imbastire un rosario di sentimenti e pensieri in tono di autocritica. Non so cosa significhi riuscire a riposare.

Non molto tempo fa vivevo con una vecchia amica, e ci hanno scattato una fotografia in cui lei sorrideva spontaneamente, mentre io lo facevo accigliata. La mia amica mi ha datto con molta franchezza che quello che vedeva nella fotografia era il mio eterno complesso di autocondanna, e che dovevo fare qualcosa”.

A esprimersi così era una giovane professionista con un buon matrimono e due figli, che sembrava avere tutto, ma non era così.

Gradualmente, attraverso il dialogo ha iniziato a sottolineare che doveva affrontare e superare tre ferite che in lei rimanevano aperte.

La prima: Da bambina le era stato insegnato a sentirsi colpevole per azioni insignificanti che non avrebbero dovuto turbarla perché si trattava di circostanze normali per la sua età, o piuttosto su cui non poteva avere il controllo o di cui non era affatto responsabile.

Ha ricordato che quando desiderava seguire le istruzioni le dimenticava o si sbagliava, venendo tacciata di disobbedienza e ricevendo in più di un’occasione severi castighi, il che la faceva sentire insicura delle sue azioni, perché veniva giudicata più per queste che per la sua vera intenzione o la volontà.

La seconda: Quando era adolescente i suoi genitori hanno divorziato, il che ha aggravato la sua insicurezza portando a una definitiva rottura interiore, perché la situazione la faceva essere certa del fatto che i suoi non l’avessero mai amata per quello che era, perché se erano capaci di un’azione di quel tipo non si curavano di lei.

La terza: I suoi fratelli, lungi dal risolvere positivamente la loro vita, erano caduti nelle grinfie del vizio, e lei si sentiva impotente non riuscendo ad aiutarli, e ne soffriva.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.