Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Anche se ti mancano le parole, prega: chiamalo Padre, chiedi che sia fatta la sua volontà

PRAYING
Shutterstock-4Max
Condividi

La preghiera non è trovare la formula giusta per convincere Dio di qualcosa, ma aprirgli il nostro buio e fare memoria dell'essere amati: perciò ripetere il Padre Nostro è un gesto nuovo ogni giorno.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Pregando, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole.
Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome;
venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.
Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi;
ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.» (Mt 6,7-15)

Il Vangelo di oggi inizia con una dritta sulla preghiera da non dimenticare mai: “Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole.

Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate”. La preghiera, cioè, non è un tentare di trovare la formula giusta per convincere Dio di qualcosa. La ricerca delle parole nella preghiera non ha lo scopo di convincere Dio ma di rendere manifesto il nostro cuore. Ecco perché la preghiera ci fa bene, perché molte volte ci spinge a trovare le parole giuste per accendere una luce nel nostro buio.

E proprio da quel buio sale a Dio un grido di aiuto, una richiesta autentica, una parola vera e mai retorica. Per questo, per strapparci dalla logica della retorica e dalle parole vuote, Gesù ci insegna la preghiera del Padre nostro. Questa preghiera è così importante che buona parte del Catechismo della Chiesa Cattolica è fatto della spiegazione di questa preghiera. Sarebbe difficile per noi poter dire una parola su ogni parte di questa preghiera, ma certamente ciò che detta davvero la direzione giusta è ricordarsi che pregare significa chiamare Dio “Abba/Padre”. Solo se ci si ricorda che si sta parlando con un Padre allora tutto il resto delle cose dette assume un vero significato.

Infatti solo la convinzione di essere amato mi fa dire “sia fatta la tua volontà”. Solo la convinzione di sentirmi di qualcuno mi fa chiedere fiduciosamente il pane quotidiano. Solo l’esperienza della paternità mi fa consegnare i miei debiti con la speranza che anche io riesca a usare lo stesso modo di ragionare di Chi mi ha perdonato.

Solo la convinzione dell’amore mi fa osare di dire “non abbandonarmi alla tentazione ma liberami dal male”. Forse non ce ne sarebbe neppure bisogno di dirlo, ma la preghiera è innanzitutto un bisogno di dire ciò che Dio sa già. E persino quando ci verranno a mancare le parole, ci consolerà sapere che c’è chi le conosce già perché siamo Suoi.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni