Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconCultura
line break icon

Colpa di Salvini se c’è razzismo contro i migranti? Fermi. Tutto iniziò con Napolitano

Giorgio Napolitano, Matteo Salvini

KIMMO MANTYLA / YOUTUBE

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/03/19

Farà discutere l'ultimo libro di Don Luigi Ciotti, che ricostruisce l'origine del clima d'odio di questi tempi, tirando in ballo anche Livia Turco e Matteo Renzi

Si intitola “Lettera a un razzista del terzo millennio”, l’ultimo libro di don Luigi Ciotti, edito dal Gruppo Abele. Attraverso le sue 78 pagine, l’autore propone una visione innovativa su un argomento irrinunciabile per capire la nostra identità nell’attuale corso storico (L’Huffington Post, 9 marzo).

Il razzista del nuovo millennio

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni.

Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta (Edizioni Gruppo Abele).

In principio fu Napolitano

Tracciando la genealogia del decreto Sicurezza, Ciotti allinea le leggi che hanno contribuito «a dare diritto di cittadinanza al razzismo: ebbene, la prima di esse non porta il nome di un politico fascista, ma quelli di Livia Turco e Giorgio Napolitano (1998). Da allora, i migranti non hanno goduto più degli stessi diritti dei cittadini.

I neri – di questo si tratta – diventarono per legge diversi dai bianchi: e l’autore di quella legge divenne presidente della Repubblica. E questo giudizio, in bocca a don Ciotti, guasta il maquillage con cui il Pd prepara una campagna elettorale contro i razzisti.




Leggi anche:
Una vergogna per i cristiani non accogliere i migranti

L’ipocrisia di Salvini

MATTEO SALVINI
Miguel MEDINA / AFP
Lega Nord far right party leader Matteo Salvini holds a rosary during campaign rally on Piazza Duomo in Milan on February 24, 2018, a week ahead of the Italy's general election. / AFP PHOTO / Miguel MEDINA

Ancora. In un passaggio lucidissimo e coraggioso, Ciotti scrive che «il culmine dell’ipocrisia, con cui il razzismo nasconde la propria cattiva coscienza e cerca di darsi rispettabilità e credibilità, sta nell’affermazione ‘aiutiamo i migranti a casa loro’».

Qua si guarda in faccia non Salvini in sé, ma “Salvini in me”, per riprendere una celebre espressione coniata per Berlusconi. E cioè la diffusione di quella retorica che va sotto l’etichetta di «non sono razzista, ma…» (per usare il titolo di un libro di Luigi Manconi e Federica Resta).

Il gioco di Renzi

AP/Andrew Medichini
<span>El primer ministro italiano Matteo Renzi habla antes de una votación de confianza en el senado de Roma el lunes 24 de febrero del 2014. (Foto AP/Andrew Medichini)</span>

Fatto è che il più autorevole uomo pubblico che ha usato quel nascondimento è l’ex segretario del Pd, Matteo Renzi, che nel suo libro del 2017, scrive: «Vorrei che ci liberassimo da una sorta di senso di colpa. Noi non abbiamo il dovere morale di accoglierli, ripetiamocelo. Ma abbiamo il dovere morale di aiutarli. E di aiutarli davvero a casa loro» (Antimafia Duemila, 9 marzo).


DOMESTIC VIOLENCE

Leggi anche:
Escalation di violenza in tutta Italia contro la Caritas. Solo perché accoglie i migranti

Tags:
don luigi ciottimigrantiodiorazzismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni