Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Colpa di Salvini se c’è razzismo contro i migranti? Fermi. Tutto iniziò con Napolitano

Giorgio Napolitano, Matteo Salvini
KIMMO MANTYLA / YOUTUBE
Condividi

Farà discutere l'ultimo libro di Don Luigi Ciotti, che ricostruisce l'origine del clima d'odio di questi tempi, tirando in ballo anche Livia Turco e Matteo Renzi

Si intitola “Lettera a un razzista del terzo millennio”, l’ultimo libro di don Luigi Ciotti, edito dal Gruppo Abele. Attraverso le sue 78 pagine, l’autore propone una visione innovativa su un argomento irrinunciabile per capire la nostra identità nell’attuale corso storico (L’Huffington Post, 9 marzo).

@DR

Il razzista del nuovo millennio

Gli stranieri ci stanno invadendo? Chiudere i porti è una soluzione? Che cosa vuol dire «prima gli italiani»? Don Ciotti scrive una lettera a cuore aperto contro «l’emorragia di umanità alimentata dagli imprenditori della paura»: una presa di posizione salda contro tutti i razzismi da parte di chi ha fatto dell’accoglienza la propria missione da più di cinquant’anni.

Una lettera indirizzata a un razzista del nuovo millennio ormai avvelenato da luoghi comuni e narrazioni tossiche. Per decostruire i pregiudizi e affermare i principi di una società più giusta (Edizioni Gruppo Abele).

In principio fu Napolitano

© DR

Tracciando la genealogia del decreto Sicurezza, Ciotti allinea le leggi che hanno contribuito «a dare diritto di cittadinanza al razzismo: ebbene, la prima di esse non porta il nome di un politico fascista, ma quelli di Livia Turco e Giorgio Napolitano (1998). Da allora, i migranti non hanno goduto più degli stessi diritti dei cittadini.

I neri – di questo si tratta – diventarono per legge diversi dai bianchi: e l’autore di quella legge divenne presidente della Repubblica. E questo giudizio, in bocca a don Ciotti, guasta il maquillage con cui il Pd prepara una campagna elettorale contro i razzisti.

L’ipocrisia di Salvini

MATTEO SALVINI
Miguel MEDINA / AFP
Lega Nord far right party leader Matteo Salvini holds a rosary during campaign rally on Piazza Duomo in Milan on February 24, 2018, a week ahead of the Italy's general election. / AFP PHOTO / Miguel MEDINA

Ancora. In un passaggio lucidissimo e coraggioso, Ciotti scrive che «il culmine dell’ipocrisia, con cui il razzismo nasconde la propria cattiva coscienza e cerca di darsi rispettabilità e credibilità, sta nell’affermazione ‘aiutiamo i migranti a casa loro’».

Qua si guarda in faccia non Salvini in sé, ma “Salvini in me”, per riprendere una celebre espressione coniata per Berlusconi. E cioè la diffusione di quella retorica che va sotto l’etichetta di «non sono razzista, ma…» (per usare il titolo di un libro di Luigi Manconi e Federica Resta).

Il gioco di Renzi

AP/Andrew Medichini
<span>El primer ministro italiano Matteo Renzi habla antes de una votación de confianza en el senado de Roma el lunes 24 de febrero del 2014. (Foto AP/Andrew Medichini)</span>

Fatto è che il più autorevole uomo pubblico che ha usato quel nascondimento è l’ex segretario del Pd, Matteo Renzi, che nel suo libro del 2017, scrive: «Vorrei che ci liberassimo da una sorta di senso di colpa. Noi non abbiamo il dovere morale di accoglierli, ripetiamocelo. Ma abbiamo il dovere morale di aiutarli. E di aiutarli davvero a casa loro» (Antimafia Duemila, 9 marzo).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.