Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Domenico Savio
home iconStorie
line break icon

Questi 9 fratelli sono nati in schiavitù. 3 sono diventati sacerdoti e 3 suore

famiglia Healy

PD

Larry Peterson - pubblicato il 08/03/19

Il loro padre era un immigrato benestante irlandese che si innamorò di una delle sue schiave...

Nel 1818, Michael Morris Healy lasciò l’Irlanda per l’America, stabilendosi in quella che oggi è la città di Macon, in Georgia. Con duro lavoro e abilità negli affari, combinati con un po’ di fortuna nella lotteria per la terra in Georgia, Healy riuscì a diventare proprietario di una piantagione di cotone di successo. Possedeva 600 ettari di terra, lavorati da 49 schiavi africani. Tra questi c’era una ragazza di 16 anni di nome Mary Eliza Smith.

Healy si innamorò di lei, ma c’era un problema. Michael Healy era un devoto cattolico irlandese, e Mary Eliza una schiava. Era di razza mista, metà africana e metà bianca, e un matrimonio interrazziale era illegale. Healy decise di prendere Mary Eliza come sua moglie di fatto. Anche se il loro “matrimonio” era illegale, vivevano come una qualsiasi coppia sposata, ed ebbero nove figli.

Secondo la legge della Georgia, i figli degli schiavi erano considerati schiavi essi stessi, ed era proibito loro di frequentare la scuola e ricevere un’istruzione. Michael Healy decise che avrebbe mandato i figli a scuola lontano da lì. I bambini sembravano bianchi, e il padre si assicurò che frequentassero scuole che aderivano alla fede cattolica. Vennero battezzati e ricevettero sacramenti e istruzione al nord. La loro origine africana non venne mai notata.

Nel 1844, Michael Healy incontrò il vescovo della diocesi di Boston, John Bernard Fitzpatrick. Il presule parlò a Michael del nuovo Collegio della Santa Croce che stava per aprire a Worcester, in Massachusetts, e gli disse che accettava allievi per il nuovo internato.

Michael Healy non perse tempo e iscrisse i figli James, 14 anni, Hugh, 12, Patrick, 10, e Sherwood, 8. Alla fine, tutti i ragazzi si laurearono lì. Il quinto figlio maschio, Michael, che aveva apppena 6 anni, vi entrò in seguito, laureandosi anche lui in quel college. Le ragazze della famiglia vennero educate in scuole conventuali cattoliche a Montreal, in Canada.

Ecco i ragazzi Healy:

James Augustine Healy (1830-1900). Divenne sacerdote e fu consacrato vescovo di Portland, nel Maine, il 2 giugno 1875. È stato il primo afroamericano a servire come vescovo negli Stati Uniti.

Patrick Francis Healy (1834-1910). Patrick divenne gesuita, ed è stato il primo afroamericano a conseguire un dottorato. Nel 1874 venne nominato preside della Georgetown University, primo di origini africane a ricoprire l’incarico.

Alexander Sherwood Healy (1836-1875). Anche lui venne ordinato sacerdote, e conseguì il dottorato al seminario di St. Sulpice di Parigi. Divenne esperto di canto gregoriano e diritto canonico. Morì a 39 anni.

Michael Augustine Healy (1838-1904). Michael entrò in seminario a 15 anni ma il sacerdozio non era la sua vocazione, e lo abbandonò un anno dopo andando a lavorare come mozzo su un veliero. Divenne un marinaio esperto e nel 1864 si unì al Revenue Cutter Service, poi diventato Guardia Costiera degli Stati Uniti. Un rompighiaccio della Guardia Costiera statunitense porta il suo nome.

Eliza Healy (1846-1919). Eliza pronunciò i voti come suora della Congregazione di Notre Dame prendendo il nome di suor Mary Magdalen. Divenne Madre Superiora del convento in Vermont, prima afroamericana a ricoprire un simile ruolo.

Hugh Healy (1832-1853). Laureatosi alla Santa Croce, aspirava a diventare un uomo d’affari, ma morì ad appena 21 anni.

Martha Healy (1840-1920). Entrò in convento nel 1855 ma lo lasciò nel 1863, trasferendosi a Boston. Sposò un immigrato irlandese di nome Jeremiah Cashman, con cui ebbe un figlio.

Josephine Amanda Healy (1849-1883). Divenne membro delle Religiose Ospedaliere di San Giuseppe. Morì a 34 anni.

Eugene Healy (1848-1914). Aveva solo 2 anni quando rimase orfano, e forse non trovò mai il suo posto nel mondo.

Tags:
razzismosacerdotischiavitùsuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni