Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconFor Her
line break icon

Care donne, gelosia e passione non sono segni d’amore ma di possesso violento

VIOLENCE, WOMAN, FACE

Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 06/03/19

La retorica qui può davvero offuscare la vista: rispettare una donna non significa solo permetterle di perseguire i suoi sogni, non inibirla nelle sue aspettative. Si finisce davvero a pescare in una pozzanghera se ci limitiamo a considerare le due parti di una relazione affettiva come soggetti di due sentieri diversi, entrambi desiderosi di raggiungere mete distinte. Il rispetto, cristianamente inteso, delinea l’ipotesi di aver così a cuore il destino altrui da farsene carico … ed è tutt’altra cosa dalla scenetta in cui lei reclama: “Voglio poter aver una carriera!” e lui risponde: “Sì, cara, tu hai diritto a una carriera”. L’opposto di possesso in amore non è indipendenza, ma compagnia.


NANCY BRILLI

Leggi anche:
Nancy Brilli: ho subito molestie ma ho avuto la forza di allontanarmi da chi voleva usarmi

Amare quella persona

Nella coppia ciascuno è parte in causa della felicità altrui, c’è infilato così dentro da sentire come premura personale il sorriso (e le lacrime!) della sua metà. E’ senz’altro necessario nel nostro paese denunciare le ferite gravi che colpiscono la famiglia e le donne, in particolare.

In molti casi, soprattutto quando si entra nel merito di violenze e femminicidi, ci si accorge di parlare come chi dà per scontato che i buoi siano scappati e il recinto sia distrutto. Essere consapevoli che i rapporti affettivi patiscono una crisi grave non significa aver smesso di credere che possa esserci una cura a monte, oltre alle tante forme di monito a valle.

Scavare ancora più a fondo il solco che separa uomini e donne crea barricate ulteriori, che tendenzialmente fomentano nuove forme di violenza. Ne sia prova la deriva del movimento #metoo.


SAILOR, NURSE, KISS

Leggi anche:
La violenza del femminismo: sfregiato dal #metoo il bacio tra il marinaio e l’infermiera

Al principio di tutto, ogni rapporto affettivo è una sfida paradossale: il mio bene non è una conquista in solitaria, ma prevede l’intrusione benedetta dello sguardo di un altro. Il più delle volte questo dato assai carnale è lasciato nel dimenticatio, addirittura neppure concepito. Ha ragione Crepet nel sottolineare che gli atti violenti di certi partner derivano da una visione astratta dell’amore, che evita di incarnarsi:

Molti uomini amano l’amore, non la persona che hanno accanto. Quindi non essendosi innamorati della persona, ma solo di un’idea astratta dell’amore è chiaro che poi quella donna tu non la capisci, perché non l’hai scelta veramente, perché non la conosci, è solo una portatrice di amore. Quindi non solo non sai chi è, ma in fondo non ti importa neanche di scoprirlo. (Ibid)

Amare l’amore significa essere schiavi di un io che vuole essere padrone del suo viaggio in terra. Perciò ogni discorso serio sull’affettività, e anche sulle sue tragiche derive violente, non può che partire dalla fisionomia precisa di un volto, cioé dall’ipotesi che la via al nostro destino ci venga incontro, e cioé dalla domanda: vuoi accogliere l’invito a essere felice che ti è stato recapitato attraverso una presenza in carne e ossa?

  • 1
  • 2
Tags:
amoregelosiaviolenza contro le donne

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni