Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pedofilia: condanna a 4 anni e 4 mesi per il prete che abusò di una bambina di 10 anni

Paolo Glaentzer
Don Paolo Glaentzer
Condividi

A Calenzano (Prato) per don Paolo Glaentzer si spalancano le porte del carcere. Anche la diocesi di Firenze è stata parte civile al processo

Quattro anni e quatto mesi. È la condanna inflitta dal tribunale di Prato a don Paolo Glaentzer, l’ex parroco della chiesa di San Rufignano a Sommaia di Calenzano (Firenze), imputato in un processo in rito abbreviato per violenza sessuale su una bambina di 10 anni.

La condanna è stata scontata di un terzo della pena per la scelta del rito. La Procura ha stabilito anche un risarcimento di 50mila euro per la minore.

Il prete si trova agli arresti domiciliari. E’ stato anche interdetto dai pubblici uffici e per lui il giudice ha disposto l’interdizione perpetua dal frequentare scuole e istituti dove sono presenti minori (La Repubblica, 6 marzo).

Leggi anche: Don Vinicio Albanesi rivela: sono stato vittima di abusi sessuali in seminario

La Chiesa di Firenze parte civile

Tra le parti civili anche la Diocesi di Firenze, il cui avvocato Paolo Ghetti ha spiegato: «È la prima circostanza in cui un’arcidiocesi si costituisce parte civile contro un suo prelato».

Per il procuratore capo di Prato, Giuseppe Nicolosi, si tratta «un segnale di presa di coscienza della Chiesa sulla pedofilia in seguito alle iniziative di Papa Francesco».

L’avvocato del parroco, che ha lasciato il tribunale prima della lettura della sentenza, non ha rilasciato dichiarazioni.

Leggi anche: Centinaia di abusi nella Chiesa Battista in America: crolla il mito “celibato uguale pedofilia”?

Il rapporto con la famiglia

Secondo quanto ricostruito, il parroco, arrestato il 23 luglio 2018, conosceva la famiglia disagiata di cui faceva parte la bambina, da ben dieci anni. Un rapporto che si era consolidato nel tempo, tanto che il sacerdote più volte aveva aiutato economicamente la famiglia.

Un’amicizia ricambiata con inviti a pranzo e a cena. E quando era l’ora di andare via era consuetudine che la bambina lo accompagnasse alla macchina. Ed è in quelle circostanze che avvenivano gli abusi.

Il sacerdote si era difeso così davanti ai giudici:

«Saliva sulle mie ginocchia e giocava con me. I genitori non sapevano nulla, sapevano che fra me e la bambina c’era un rapporto affettuoso e si fidavano. Non era la prima volta, era lei a prendere l’iniziativa».

Il copione era abbastanza simile ogni volta: si appartavano e spogliava la bambina per poi commettere gli abusi. Gli psicologi così si erano pronunciati su quel prete:

«Nelle relazioni degli assistenti sociali si spiega che il padre è scarsamente collaborativo, che ha comportamenti incongrui, che è aggressivo, bugiardo e che la madre non è in grado di tutelare i figli» (Aleteia, 27 luglio).

Leggi anche: Un padre violento e i servizi sociali. La difficile vita della bambina abusata dal prete

https://www.youtube.com/watch?v=xVdLn_t4OxY

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni