Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La legge Merlin non è incostituzionale

© Public Domain
Condividi

La legge Merlin, che 61 anni fa smantellò le case chiuse, non viola la costituzione. Lo ha deciso la Corte costituzionale che ha dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale sollevate dalla Corte d’Appello di Bari riguardo il reclutamento e il favoreggiamento della prostituzione, puniti dalla legge approvata nel 1958.

La questione era stata sollevata nell’ambito del processo sulle donne portate, fra il 2008 e il 2009, nelle residenze dell’allora premier Silvio Berlusconi, e nel quale è imputato, tra gli altri, l’imprenditore Gianpaolo Tarantini per reclutamento e favoreggiamento della prostituzione.

Leggi anche: I venerdì notte del vescovo di Roma con le prostitute a pregare e parlare di Dio

Sono proprio le escort, infatti, il ‘nodo’ su cui era chiamata a puntare l’attenzione la Corte costituzionale: il fenomeno sociale della prostituzione professionale rappresenta una novità – era l’assunto dei giudici baresi – e la legge Merlin era invece stata concepita in un’epoca storica in cui tale fenomeno non era conosciuto.

In particolare, i ‘giudici delle leggi’ erano chiamati a sancire se la norma risalente al 1958 sia legittima o meno nel punto in cui configura come reato “il reclutamento e il favoreggiamento della prostituzione volontariamente e consapevolmente esercitata”. La Corte d’appello di Bari, infatti, poneva in rilievo un possibile contrasto della norma con il “principio della libertà di autodeterminazione sessuale, qualificabile come diritto inviolabile della persona umana, la quale potrebbe esprimersi anche nella scelta di offrire prestazioni sessuali verso corrispettivo” e, a suo dire, sarebbe violato anche l‘articolo 41 della Costituzione, “potendo la libera autodeterminazione sessuale, essere considerata anche come una forma di estrinsecazione dell’iniziativa economica privata”.

 

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.