Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Foto esclusive: rosari e pistole a New York City

rosario, pistola, new york
Condividi

Quando chi porta un rosario ha bisogno della protezione di chi porta una pistola

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Sabato 2 marzo a Lower Manhattan è iniziata la campagna di preghiera 40 Giorni per la Vita, caratterizzata dalla preghiera e dalla devozione pacifica per convertire i cuori e guarire le ferite provocate dagli effetti dell’aborto. In genere i gruppi coinvolti si incontrano per la Messa e l’adorazione, seguite da una processione con il Rosario fino a una clinica locale per testimoniare la loro risposta piena di fede a questa guerra spirituale.

New York, che ha firmato di recente una delle leggi sull’aborto più permissive degli Stati Uniti, che codifica la pratica come un “diritto”, ha spinto molte più persone ad aderire all’iniziativa di preghiera visto che sono in gioco l’anima e la vita di tanti. Alcuni credevano che per via del cambio della legge, che ha dato ai pro-choice all’aborto la sensazione di aver vinto, gli abortisti non avrebbero più protestato contro la campagna di preghiera, ma non è stato così.

Il livello di resistenza è stato tale da richiedere la presenza della Polizia di New York tra quanti sfilavano in processione e i contestatori. Questi ultimi hanno fatto tutto ciò che potevano per bloccare il percorso del gruppo verso la clinica. La Polizia ha dovuto continuamente aprire la strada a forza per permettere alla processione di andare avanti.

Il livello di intensità non è stato l’unica novità. I canti e gli slogan gridati contro chi pregava erano rivolti più direttamente alla Chiesa e al sacerdote che guidava la processione che al presunto diritto all’aborto. Il messaggio era chiaro: era una protesta contro le preghiere.

La persecuzione religiosa si verifica in molte forme, ma sempre per la stessa ragione – la resistenza del male al bene. E la risposta migliore di fronte al male, in qualsiasi forma arrivi, è la preghiera. Il male non ha paura della violenza, dell’odio o della malizia. Teme l’amore, e teme coloro che amano Dio e le loro preghiere.

È stato un giorno in cui chi portava un rosario ha dovuto essere protetto da chi portava una pistola, ma quando il sole scendeva sulla città la testimonianza eroica di fede e le preghiere per chi ha più bisogno di misericordia sono state esaudite. La grazia che guarisce arriverà, finché i fedeli persevereranno nella preghiera.

“Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.