Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come diventare una persona più grata e lamentarsi meno?

Condividi

di Nory Camargo

“Amici che si lamentano per tutto” è il titolo del video che vorremmo condividere oggi. Sicuramente conosciamo qualcuno che si lamenta in ogni momento, o magari anche noi lo facciamo, scontenti di ciò che abbiamo. Ecco allora una risorsa eccellente per riflettere su quanto possiamo essere insoddisfatti della nostra vita.

“Casi Creativo” ci offre vari esempi di vita quotidiana in cui guardiamo solo noi stessi, come se il mondo girasse intorno a noi. A volte sembra che viviamo con gli occhi bendati, credendoci padroni e vittime di quanto ci accade. Dobbiamo ricordare quanto sono bisognosi gli altri per sentirci grati per ciò che abbiamo?

L’importanza di essere grati

Non importa se abbiamo poco o molto. Essere grati di quello che ci è stato dato è fondamentale. Quando decidiamo di chiuderci nella nostra bolla e di fare un dramma di tutto, diventiamo persone invidiose e indifferenti di fronte al dolore o alle necessità altrui. Più riceviamo, più ci sentiamo insoddisfatti.

Accade lo stesso quando siamo abituati a ricevere tutto, a ottenere qualsiasi cosa nel modo più semplice o a vedere che altri si incaricano di quello che non ci piace fare. Quando ci chiedono di uscire dalla nostra zona di comfort ci sentiamo indignati e perfino insultati. Ogni volta che dobbiamo svolgere qualche compito, anziché lamentarci pensiamo che ci sono altre persone che sarebbero ben felici di stare al nostro posto, facendo quello che noi riteniamo un “castigo”.

Essere aperti a servire

La prossima volta che decideremo di regalare i vestiti che non usiamo più, doniamo qualcosa che ci piace davvero. Quando sentiamo che camminare a lungo è la cosa peggiore che ci possa capitare, pensiamo che alcuni darebbero tutto ciò che hanno per poter camminare.

Il giorno in cui avrete fame o sete e vi infurierete perché la fila non scorre o il cameriere non arriva, pensate che in quello stesso istante molte persone stanno morendo di fame. Quando vi lamentate perché non avete ciò che è “sufficiente” a soddisfare le vostre necessità, ricordate che alcuni hanno perso tutto.

Questo esercizio mi ha aiutato molto, e spero che serva anche a voi. Prima di lamentarmi penso per un attimo che il mio problema dev’essere sminuito di fronte a quelli di altre persone – quelle che non hanno una casa, vestiti, cibo, salute, famiglia o qualcuno che si preoccupi per loro.

Essere grati per tutto quello che abbiamo ci permette di essere più sensibili. Quanto è importante avere un cuore disposto ad aiutare sempre! A volte siamo consapevoli della nostra povertà interiore solo quando vediamo quanto sono felici e grati altri che hanno ben poco.

Vi invito a ringraziare per tutto ciò che avete ottenuto oggi. Per i vostri successi e i vostri fallimenti, per gli abbracci e gli insulti, per le lacrime e i sorrisi. Per il cibo che avete mangiato durante la giornata, per il lavoro o lo studio e per le persone che vi aspettano a casa.

Qui l’originale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni