Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Storie

Due figli morti giovanissimi, ma loro sono resuscitati: "Aiutati dalla fede". Il Papa gli fa un regalo

pope francis, cancer,

Facebook / AIl sezione Rovigo

SIlvano e Marilena Bellato ad un banchetto dell Ail Rovigo

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/03/19

Marilena e Silvano Bellato sono alla guida dell'Ail Veneto e aiutano tante persone malate di cancro. Francesco li ha incontrati al termine di un'udienza

Sabato 2 marzo, aula San Paolo VI, in Vaticano. Partecipano oltre seimila persone per l’udienza generale di Papa Francesco ai volontari dell’Ail nazionale, in occasione del 50esimo anniversario di fondazione dell’associazione.

Circa a metà discorso il Papa afferma: «Vicinanza, prossimità, come Maria ai piedi della Croce. E ci sono tante storie, tante storie di croce tra voi. Soltanto vorrei nominarne una: permettetemi di ricordare oggi qui, una tra i tanti, Marilena e Silvano Bellato, come esempio. Hanno sofferto una doppia ‘mazzata’ dalla vita con la morte dei loro figli Fabio e Sara. Hanno avuto il coraggio di rimanere in piedi con la sofferenza, come Maria ai piedi della Croce. E da quel dolore sono riusciti ad andare avanti pensando alla ‘risurrezione’ di tanti bambini con la fondazione della sezione provinciale dell’Ail. Grazie tante a loro e a tanti che sono come loro. Grazie».

Le due tragedie e la risurrezione

La famiglia Bellato, originaria di Rovigo, ha dovuto fare i conti con la tragica scomparsa di due figli, appena adolescenti. Sara si è spenta nel 1989, ad appena 13 anni, portata via da una terribile leucemia che non le ha lasciato scampo. Il fratello maggiore Fabio, è morto nel 1991, pochissimi giorni prima di compiere 17 anni, travolto da un’auto mentre aspettava l’autobus al ritorno da una festa con alcuni amici. Un doppio lutto terribile per mamma e papà.

Ma ecco il miracolo: Marilena e Silvano sono riusciti a trasformare “la sofferenza in salvezza” fondando l’Ail Rovigo nel 1989, e portando alla costituzione delle sezioni in ogni provincia. Un impegno che è valso loro il «grazie» commosso del Papa (Polesine24, 4 marzo).




Leggi anche:
“Ho perso mio figlio e non ho più fede”

Le coroncine

Quando finisce il discorso Bergoglio si avvicina a salutare le persone in prima fila, in larga parte diversamente abili. Poi, poco più avanti, si ferma quindi davanti ai coniugi Bellato, li guarda, si rivolge a un collaborare e chiede due coroncine del rosario. Gliele consegna e stringe loro forte la mano per «alcuni minuti che mi sono sembrati interminabili», confessa Marilena.

«Sono ammirato dalla forza che avete nell’aver sopportato tanta sofferenza trasformata in servizio agli altri, grazie per tutto quello che avete fatto», dice loro Francesco. Aggiunge Silvano: «Ci ha sempre aiutato la fede». Replica il Papa: «Sì, ma in cielo avete anche due angeli speciali che vi sostengono».

“Quasi come fratelli”

Dice Silvano: «Ho scambiato quelle due parole con il Papa con una tale semplicità come se ci conoscessimo da sempre, quasi sembravamo fratelli, non riesco a rendermi conto di quello che è successo; è qualcosa di inspiegabile» (Polesine24, 3 marzo).

Il Papa era venuto a conoscenza della storia dei Bellato grazie al giornalista de La Voce di RovigoLuigi Ingegneri.




Leggi anche:
Come si può sopravvivere a un figlio che muore? pensando a Maria!

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
figligenitorimortiudienza papa
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni