Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconCultura
line break icon

Il primo Filet-o-Fish di McDonald’s è stato una risposta al digiuno quaresimale

FILET OF FISH

McDonald's | Facebook | Fair Use

Zelda Caldwell - pubblicato il 05/03/19

Il panino preferito della Quaresima è nato per contrastare le scarse vendite del venerdì

Quasi un quarto delle vendite del panino Filet-of-Fish di McDonald’s ha luogo in Quaresima, quando molti clienti del fast-food si astengono dalla carne. È proprio quello che aveva in mente l’operatore di McDonald’s che ha inserito per primo questo piatto nel suo menu nel 1962.

Secondo il Reader’s Digest, quando il proprietario del franchising di Cincinnati di McDonald’s Lou Groen ha notato che la sua clientela a maggioranza cattolica evitava il suo ristorante di venerdì, ha suggerito al proprietario di McDonald’s, Ray Kroc, di introdurre un panino al pesce.

Kroc pensava che il pesce fritto non avrebbe decollato, ma ha suggerito di offrire ai clienti la scelta tra un “Hula Burger” senza carne, fatto di ananas e formaggio su una ciambella, e il Filet-o-Fish di Groen. Il panino più popolare sarebbe stato inserito nel menu.

È superfluo dire che ha vinto il panino al pesce, e il ristorante di Groen ha prosperato. Da allora, il Filet O’Fish è una presenza fissa nel menu di McDonald’s, tutto l’anno.

Tags:
fast foodpescequaresimastati uniti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni